PDA

Visualizza versione completa : boycott bush


steno
21-03-2003, 13.55.35
che ne pensate della campagna di boicottaggio dei prodotti americani, che si sta diffondendo tra i movimenti pacifisti di tutto il mondo?

p.s. se volete saperne di più c'è il sito www.boycottbush.net

manuchan
21-03-2003, 13.58.27
io ci stò provando!

antonella
21-03-2003, 14.01.35
io nn sono d'accordo.
Cosa c'entrano i prodotti amercicani?????
Se ricordi bene la maggior parte degli americani era contro la guerra e quindi nn vedo il motivo x cui boicottare i loro prodotti.

decly2002
21-03-2003, 14.05.02
già

manuchan
21-03-2003, 14.08.09
anche se indirettamente, comprando i loro prodotti siamo i primi a dare loro i mezzi finanziari per fare ciò che vogliono, l'America è potente e in parte è anche merito nostro...per quanto mi riguarda poi mi fa schifo il loro controllo economico e la loro potenza commerciale

decly2002
21-03-2003, 14.12.14
io faccio un pensierino...
se noi boicottiamo gli usa e "poniamo" che un giorno dopo questi boicottaggi nn sarann più la nazione guida...

allora di conseguenza...la nuova naziona guida sarà quella che prenderà il loro posto xchè sarà la più potente in campo economico-finanziario...

a quel punto...che si fa? si boicotta anche quella?

secondo me i boicottaggi sono un po' una cavolata...per esmpio...boicottare la Nike xchè ci lavorano i bimbi...che influssi può avere? davvero minimi...sarebbe molto più giusto battersi xchè la Nike rispetti le regole e nn faccia lavorare i bambini...

:)

antonella
21-03-2003, 14.13.36
:)
condivido ;)

mauci
21-03-2003, 15.35.08
Questo non centra niente con Bush o con gli USA, che mi pare che la Nestlè sia svizzera. COmUnqE riguardo il boicotaggio, volevo dire che non è vero che non serve a niente, insomma stampatevi e leggetevi un po' 'sta cosa sulla Nestlè: botn (http://www.ribn.it/dossier/dossier.pdf).
Comunque detto questo, boicottare i prodotti americani non la vedo una cosa sensata. Iniziamo a "boicottare" il bush-dorian-grey di casa nostra. Dove boicottare è solo una croce in un foglietto di carta. E magari le cose andranno un po' meglio. Forse. Forse anche no. Ma cazzo, peggio di così...

decly2002
21-03-2003, 17.10.46
ciau mauci :)

nn dico che non servano a nulla...anzi, lodevole chi li fa con convinzione...ma io penso che ottenere il rispetto delle regole senza porsi sempre per forza in maniera conflittuale sia meglio...

ecco...credo che ci voglia un po' di "pacifismo" in tutto...:)

Shion
21-03-2003, 17.52.55
io sono inaffidabile...

Dellaterra
21-03-2003, 18.00.22
io non appoggio nessun tipo di boicottaggio: ne' di prodotti israeliani, ne' prodotti americani, ne' di nessun altro paese.

riguardo a boicottaggio di multinazionali - questo e' la scelta personale di ognuno.

ma boicottare per principio nazionale sarebbe molto stupido...

qua c'e' molto forte propaganda pro-Palestina che arriva fino agli appelli di boicottare prodotti israeliani...

mi sembra una cosa molto triste.

e adesso qua (in USA) certe forze approfittano di questa guerra in Irak per sviluppare la sua propaganda e unire i due problemi insieme... questo e' una cosa molto triste, ma e' un'altro discorso...

alessia
21-03-2003, 18.08.15
bevo coca cola

faccio benzina alla esso


e nn amo i boicottaggi.

Valy
22-03-2003, 10.52.58
Mi spiace ma io non credo nel boicottaggio come soluzione concreta per fare qualcosa. Perchè alla fine si finisce nella stessa strada che "loro" praticano.
È tutto un circolo vizioso...
Ad esempio, ho sentito al tg l'altro giorno che le grandi città americane hanno iniziato a boicottare i ristoranti francesi per il mancato appoggio di Chirac alla guerra, ora procedendo per esempi, facendo un "assurdo paradosso" se la Francia o un altro paese, iniziasse a boicottare l'Italia (non comprando più i suoi prodotti, non venendo più nel nostro paese, non visitando i nostri musei, non spendendo neanche un euro) perchè "il caro Bush non dimentica l'appoggio e l'aiuto che il caro amico Silvio gli sta dando" , voi come vi sentireste?
A me francamente scoccerebbe moltissimo, scoccerebbe infinitamente sapere che c'è qualcuno che inizia a boicottarci perchè qualcun altro ha deciso (NON IN NOME MIO) che la guerra si deve fare perchè è giusta. Scoccerebbe e non poco sapere che c'è un paese o più di un paese che non vuole avere più a che fare con noi soltanto perchè non la pensiamo allo stesso modo (e anche qui si potrebbe aprire una lunga parentesi per vedere se tutto un popolo la pensa come colui che lo rappresenta) e quindi non ci tollera (ovviamente il mio discorso per assurdo continua) e se non ci tollera allora ecco che nasce l'intolleranza, l'inciviltà e l'odio e quindi cosa c'è di diverso da chi questi "sentimenti" li professa apertamente? La pace non parte mica da qui, non si costruisce così e così non si agisce concretamente per protesta, perchè poi si diventa un tuttuno, il cerchio si chiude e mi spiace ma io accanto a Bush, che sta dall'altra parte del cerchio, proprio non ci voglio stare...

Vale

FABIO ROBERTO TOGNETTI
22-03-2003, 12.19.41
non sono per il boicottaggio, non tanto per l'idea che in sè sarebbe giusta, quanto per l'inattuabilità. tuttavia al termine di questa guerra l'ONU DEVE sanzionare gli Stati Uniti.
e pesantemente.