PDA

Visualizza versione completa : ON THE Road


frisco
09-11-2000, 16.30.22
scusate ma devo perorare la causa del mio autore prefrito........leggete Kerouac e ovviamente iniziate da ON THE ROAD!!

francesco
09-11-2000, 17.51.45
Si vede che sei ungrande.Sulla strada è uno dei libri miei preferiti.E' un libro che se lo leggi in un determinato periodo e con una determibata sensibilità ti può anche cambiare la vita!!Bravo

madau
09-11-2000, 18.16.19
Sicuramente é un libro fantastico ,partendo da li la ricerca di noi stessi non finirà mai ciao

mad

umaga
09-11-2000, 19.49.16
non mi dire che frisco l'hai preso dal libro? se non ricordo male non era il diminutivo di s.francisco?
cmq ho letto questo libro, e sarò sincero mi aspettavo qualcosa di più, per come tutti quanti parlano di questo libro.forse non sono stato in grado di capirlo e di possederlo appieno, ma le lunghissime descrizioni dei musicisti jazz e delle loro performances, mi sono sembrate un po' troppo noiose. mentre bellissimo è il concetto del viaggio, che kerouac fa emergere dal romanzo, e dell'andare "l'importante è anddare" su e giù per gli states. saluti umaga

frisco
10-11-2000, 08.48.59
si frisco l'ho preso da lì..e per la cronaca......SONO UNA RAGAZZA!!!!!!!!!!!!!!!!

madau
10-11-2000, 08.56.32
ciao frisco si era gia capito dal forum sull'età ti eri traditA con un verbo ,ma non ti preoccupare il sess non è sfondamentale in certi casi




mad

madau
10-11-2000, 08.59.25
SCUSATE I PROBLEMI DI DISLESSIA CHE SI SONO VENUTI A CREARE è FATTORE CONGENITO E INCURABILE; NON è VERO SONO SOLO MALDESTRO.
BUONA GIORNATA A TUTTI è SPLENDIDO VEDERE IL SOLE ENTRARE IN CAMERA




MAD

frisco
10-11-2000, 09.01.47
ho specificato,giusto per essere chiarA una volta per tutte
BUONGIORNO A TUTTI

umaga
10-11-2000, 11.55.54
si però non t'incazzare così!
scusa, ho capito che sei una ragazza.
saluti umaga

frisco
10-11-2000, 13.28.06
non mi sono incazzata...giuro!!!!!
cmq w kerouac!!!!

madau
10-11-2000, 14.04.20
x frisco
mi sa che sei un po' peperina dalla risposta tagliente,scusa se ti fatto arrabbiare,comunque wwwwwwwwww
ciao


mad

Bodhi
12-11-2000, 17.38.36
Kerouc. Molti lo hanno letto ma, anche a giudicare dalla vita di chi lo legge, lo hanno letto per moda senza capire un tubo.
Kerouc, alla ricerca di sè stesso? Il jazz che nonè una parte interessante del libro, anzi un peso?
Siete degli emeriti modaioli!!
Il jazz è Kerouc, la sua percezione di esso è il Jazz.
Leggete il suo saggio, anzi ne ha scritti diversi sul Jazz.
Si vede che voi non sapete neanche dove sta di casa il jazz.Non avete mai sentito una Jam session, si sta lì, con gli occhi incollati ai musicisti, sospesi in un 'altra dimensione in cui l'essenza è la musica.Potresti stare per ore a sentirli!
Kerouc che va alla ricerca di sè stesso, poi...per me è una fregnaccia.
Non era poi tanto filosofo!
Saliva su un monte sbronzo e fatto di erba, diceva "cazzo che che roba" quando vedeva il panorama, se poteva si scopava qualche tipetta sfatta anche lei e poi ripartiva.
Cosa cercava?
Alla fine del libro, è Dean a fare l'unica scoperta, che poi tanto scoperta nonè.Qual è?

frisco
13-11-2000, 16.40.29
Originally posted by Bodhi
Kerouc. Molti lo hanno letto ma, anche a giudicare dalla vita di chi lo legge, lo hanno letto per moda senza capire un tubo.
Siete degli emeriti modaioli!!



mi dispiace molto che tu pensi questo di me,anche perchè non sai niente di me della mia vita,di quello che ho letto di kerouac...ececc ti do solo un consigli non sputare sentenze così gratuite sulle persone!!
qui si consigliano libri che secondo noi vale la pena di leggere!!se non sei d'accordo con qualcuno c'è modo e modo di controbbatere..ma non credo che giudicandoci emeriti modaioli tu abbia adottato il modo + giusto!

Bodhi
13-11-2000, 23.09.43
Sei davvero una tipa molto aggressiva, ma tra l'altro sono stato molto aggressivo anch io.
Mi dispiace per come vi ho aggredito, ma sinceramente ero abbastanza irritato quando ho sentito parlare male delle parti in cui Kerouac parla di Jazz.
Solo per questo ho aggredito così, per il resto credo che il suo libro sia davvero una grande avventura anche se non mi sembra ci sia un grande risvolto filosofico dietro alle sue avventure.I suoi messaggi credo che siano diretti,scoperti da ogni velleità di stampo puramente intellettualistico: forse però è questa la vera arte.Non credi che ci sia molto nichilismo nelle sue avventure all' insegna del rifiuto di tutto?
Sai, mi sembra che siano le sue avventure a illustrare tutta la sua filosofia, sicuramente profonda, ma per chi ascolta e idolatra Jovanotti(che ammiro ma di cui non condivido il suo ottimismo nei confronti della società)forse rappresenta ,per certi versi, l'opposto di certe idee stile Ragazzo fortunato imperniate su un ottimismo non troppo fondato, almeno secondo me!(Jovanotti comunque ha un modo di percepire il mondo naturale in cui mi ci riconosco appieno,ma , ahimè per quanto riguarda la società mi sento più vicino a Cobain e..a Kerouac)
Mi piacerebbe che ora si possa incominciare un discorso serio su On the road, giusto per vedere se io l'ho capito bene oppure se voi avete qualche altra interpretazione più veritiera.Così potrete anche smentire la mia affermazione nei vostri confronti, ne sarei ben lieto.Mi dispiace averti ferito e sarei curioso di conoscere la tua vita, hai girato l'america con la macchina?Oppure l'Europa?...e ti sei sbronzata per tutto il viaggio?
Aspetto consigli, ciao!

BlueSky
14-11-2000, 13.15.02
Scusate gente io non conosco frisco, ma ho letto almeno i suoi messaggi in questa sezione e mi viene da chiedervi una cosa: Ma come fate a dire che e' un peperino, che e' aggressiva o addirittura "molto aggressiva"??? Da cosa lo avete intuito?!? Deve essermi sfuggito qualcosa.

x Bodhi: "Jovanotti comunque ha un modo di percepire il mondo naturale in cui mi ci riconosco appieno,ma , ahimè per quanto riguarda la società mi sento più vicino a Cobain e..a Kerouac"

Perfettamente d'accordo, da qualche parte devo aver detto anch'io che secondo me la visione della societa' da parte di Jova e' troppo ottimistica, ma non conosco approfonditamente ne' come la vede Cobain ne' come la vede Kerouac.
In ogni caso ti faccio notare (magari non te ne sei accorto) che nel tuo primo messaggio eri convinto che Kerouac si scrivesse Kerouc.

ciao

madau
14-11-2000, 18.09.20
Non perdiamo il filo del discorso,ora voglio leggere poi scriverò.



Mad

umaga
14-11-2000, 21.15.49
credo che ti sia incazzato con me, nonostante la mia professione d'ignoranza in materia beat, della quale, mi pare di capire, tu sei un cultore. ho detto che non ho capito perfettamente il libro, secondo me non c'era bisogno di sputare sentenze in quel modo...cmq ognuno è libero di fare ciò che vuole, e pure di dire che un libro non gli è piaciuto credi? probabilmente hai ragione che ho letto il libro un po' per moda, ma se mi spieghi alcune cose che mi possono aiutare nella sua comprensione, magari me lo rileggo, e cambio idea e tutto diventa più costruttivo.probabilmente è questo l'ottimismo che non riesci a capire, comprensione e costruzione.
saluti umaga

frisco
14-11-2000, 21.54.39
grazie per bluesky per aver preso le mie parti...neanche io ho capito perchè mi hanno dato dell'agressiva..mah!
cmq non c'è problema,siete tutti perdonati...ma non vi azzardate più altrimenti!!! SCHERZO ovviamente :D

per Bodhi:in America ancora non ci sono stata ,ma ho girato un bel pò per l'Europa..non proprio on the road ,ma abbastanza all'avventura!

per quanto riguarda il nichilismo di Kerouac,non è molto vicino alla miia visione delle cose,io sono una + Penso positivo..se vuoi sapere cosa mi affacsina dei libri di K. prima di tutto lo stile dei suoi libri,quel modo così naturale ,a volte confuso che rispecchia molto la mia personalità e il mio modo di esprimermi.Ovviamente mi piace molto anche le descrizioni che fa e non solo dei paesaggi ma anche dei tipi umani che incontra,delle atmosfere che vive!

per ora penso che possa bastare
ciao

Bodhi
14-11-2000, 23.45.16
Non mi ricordo il tuo nick, professore, comunque questa è la prima volta che su internet qualcuno mi richiama per un qualche errore nella scrittura.
Scusa tanto, professore, spero che tu mi possa promuovere lo stesso ora!
In genere si è consapevoli di rompere le palle con appunti tipici di saputelli in grammatica.Ma che qualcuno te lo venisse a rinfacciare in un forum dove si dovrebbe parlare di altro,beh...forse non hai mai letto i mumble-mumble, amico!
Dato che in genere scrivo questi messaggi mentre sto connesso non mi metto a rileggere il testo alla ricerca di errori grammaticali,si perde tempo e..soldi,oh ma forse a te ti escono dal buco del cul...
Scusa,comunque per questo messaggio che forse ti ferisce un pò!
In ogni caso..ma tu sai chi era Cobain?Che non sai chi era Kerouac(va bene ora?) credo di averlo capito...se fosse il contrario magari ilprossimo messaggio scrivilo su di lui,ok?
Ma che fai, lo psicologo?

Bodhi
15-11-2000, 00.04.33
Caro Umaga!
Non credo che sia stato tanto fuori luogo dare la mia impressione su di te, dato che tu me lo confermi.Non ti preoccupare, anch io in molte cose che faccio sono un modaiolo,anche se non sempre della moda del momento.Alla fine non c'è nulla di male.
In ogni caso il fatto che non conosci il jazz non è troppo grave dato che forse in pochi lo cononscono.Non è che sia poi tanto pubblicizzato in Italia.Non va tanto di moda, eh?
In ogni caso Kerouac rileggitelo dopo che hai riflettuto un pò sul concetto dell' attimo e della sua intensità, di come lo si vive e delle emozioni che provoca: credo che sia tutto lì!
Sarò ottimista solamente quando ve ne sarà occasione di esserlo, ma dato che mi stanno distruggendo anche l'ultima cosa che m'infondeva serenità, la natura, non vedo come si faccia ancora ad avere fiducia.Io mi incazzo solamente e quindi preferirei non doverci nemmeno pensare ma riversarmi totalmente sulla mia vita senza occuparmi del fututro che verrà ma che non m'interesserà.

BlueSky
15-11-2000, 15.23.34
Originally posted by Bodhi
Non mi ricordo il tuo nick, professore, comunque questa è la prima volta che su internet qualcuno mi richiama per un qualche errore nella scrittura.
Scusa tanto, professore, spero che tu mi possa promuovere lo stesso ora!
In genere si è consapevoli di rompere le palle con appunti tipici di saputelli in grammatica.Ma che qualcuno te lo venisse a rinfacciare in un forum dove si dovrebbe parlare di altro,beh...forse non hai mai letto i mumble-mumble, amico!
Dato che in genere scrivo questi messaggi mentre sto connesso non mi metto a rileggere il testo alla ricerca di errori grammaticali,si perde tempo e..soldi,oh ma forse a te ti escono dal buco del cul...
Scusa,comunque per questo messaggio che forse ti ferisce un pò!
In ogni caso..ma tu sai chi era Cobain?Che non sai chi era Kerouac(va bene ora?) credo di averlo capito...se fosse il contrario magari ilprossimo messaggio scrivilo su di lui,ok?
Ma che fai, lo psicologo?

Aspetta un secondo, non vorrei passare x il rompip di turno quindi chiariamo una cosetta... Quello che volevo farti notare corregendoti era semplicemente che parlavi come fossi un esperto di Kerouac (che io non conosco) ma che non sapevi come si scrivesse, tutto qua'. Infatti non e' certo un errore che hai fatto per scrivere veloce (tipo nel MM), eri veramente convinto che si scrivesse cosi'!
Ovvio che se il tono del tuo messaggio fosse stato diverso non te lo avrei fatto notare...

No, non mi ha ferito il tuo messaggio, anzi cosi' magari sono riuscito a spiegarmi meglio; Ad ogni modo non sarei riuscito a scriverti un messaggio bastardo xche' mi sei simpatico, sia per il nick sia x il punto di vista sulla societa' e sulla natura.

Caz NO che non sono uno psicologo! Anzi a dir la verita' non mi stanno x niente simpatici, almeno quelli che lo fanno per professione.

Cobain... si lo conosco e ogni tanto lo ascolto anche ma del suo pensiero non ne so proprio niente.

Ok lo so che sono andato fuori tema, se a qualcuno ha dato fastidio scusate!

umaga
15-11-2000, 19.53.34
ogni caso Kerouac rileggitelo dopo che hai riflettuto un pò sul concetto dell' attimo e della sua intensità, di come lo si vive e delle emozioni che provoca: credo che sia tutto lì!
grazie!
saluti umaga

boccons
15-11-2000, 21.12.21
Che bello che Kerouac con "on the road" crei ancora così tanti dibattiti, sono contento perchè è un libro che, quando uno ha finito di leggerlo, lo fa diventare un pò migliore. Magari tutto quell'entusiasmo iniziale poco a poco va via, ma un ottimismo di fondo rimane, anche 10 anni dopo (è il mio caso) averlo letto.

Bodhi
15-11-2000, 22.31.05
Volendo mettere da parte certe discussioni grammaticali, mi sono accorto che oramai gli ultimi messaggi sono indirizzati quasi tutto a me!
E' positivo questo dato che volevo proprio accendere la discussione che invece stava vertendo sul sesso di Frisco di cui poi non è che c'è bisogno di aprire un forum( anche se vorrei sapere se si era sbronzata duramte il suo giretto per l'Europa).
Per quanto riguarda il prof ( oramai ti chiamo così) non riesco a capire se dicessi sul serio riguardo all' esserti simpatico?
All' altro direi solo di rifletterci davvero, dicevo sul serio ed era un consiglio.
Vi saluto!

BlueSky
16-11-2000, 10.02.11
Certo che dicevo veramente, non e' che se uno ti critica su una cosa deve per forza criticarti su tutto no? Tu conosci almeno una persona che secondo te e' completamente "sbagliata" o perfetta?
Ciao!

madau
16-11-2000, 15.11.17
Provate a leggere K con uno sguardo meno critico e osservate la situazione dei giovani americani di quel periodo ne vedrete un'immagine molto più vera di quanto ci di possa aspettare.

Mad

frisco
16-11-2000, 19.01.20
Originally posted by Bodhi

( anche se vorrei sapere se si era sbronzata duramte il suo giretto per l'Europa).
!

non capisco cosa centri con le nostre impressioni su kerouac il fatto che io mi sia sbronzata o meno per l'europa.non che abbia niente da nascondere ma fino ad ora ci sono stati rari interventi sul libro,mi piacerebbe scambiarci opinioni a riguardo.
bodhi se vuoi sapere dei miei viaggi mandami un email e ne parleremo un forum su un libro non mi pare un luogo adatto,non trovi??:D
baci

tortuga_x
17-11-2000, 21.37.58
che c'entra Kurt fabio? ci credo che ti piace la filosofia di vita di Cobain..sulla strada a me personalmente non mi e' piaciuto molto...dopo la meta' ha iniziato a sparar cazzate e si ripeteva molto...non molto istruttivo come libro se posso dire il mio parere..cosi dopo un po ho abbandonato la lettura...pero' grande kurt...:) elena..

Bodhi
17-11-2000, 23.00.54
Kurt c'entra un bel pò a mio modesto parere, comunque non fa nulla.
Il libro io l'ho detto che non è poi tutto sto gran chè
:la storia di uno che va in giro sbronzandosi, scopandosi tutto ciò che trova e che quando vede qualcosa di bello sa solo dire, tutto sfatto:"cazzo che figo"!!!.
Ma è proprio quì il messaggio di Kerouac: un viaggio nel nulla da parte di chi sa già di non poter mai trovare nulla( a parte il jazz naturalmente..).
Per scoprire la via di uscita che Kerouac contempla ( non so se l'abbia oltrepassata: solo con la morte forse)bisognerebbe leggere i suoi saggi sul Buddismo e per capire tutta la sua filosofia in maniera forse più diretta e semplice qualche poesia di Ginsberg.

Per quanto riguarda Frisco... mah, ogni volta che scrivi mi deludi sempre di più,sai?!!
Confermi sempre di più la mia prima impressione su di te e una mail non te la scriverei manco morto: anzi, perchè non vai a farti fott...

(N.B.Fottiti è una citazione di Kerouac e Ginsberg: in un'intervista radio ai due fu chiesto della bomba atomica, sapete c'era la guerra fredda e l'incubo nucleare pendeva sulle teste di tutto il mondo e soprattutto degli states in cui tra l'altro c'era la solita propaganda anti-sovietica.Loro alla domanda risposero semplicemente: "MA CHE ANDATE A FARVI FOTTERE VOI E LA VOSTRA STRAFOTTUTA BOMBA ATOMICA")Questa la dice lunga sulla filosofia di vita , nichilistica( e qui credo che c'entri Kurt), della Beat Generation!

BlueSky
18-11-2000, 10.49.53
Bodhi sei proprio stronzo (ti pare il modo di comportarti con frisco?) cmq mi sei simpatico non c'e' niente da fare, forse quando finisco quello che sto leggendo do un'occhiata a ON THE ROAD.
Hai letto Bla Bla Bla di Giuseppe Culicchia? Mi pare fosse questo titolo ed autore, penso che a qualcuno qui dentro possa piacere, dategli una sfogliata.
[Editato da BlueSky il 18/11/2000 alle 11:57]

Claudio
18-11-2000, 11.02.22
Io ho letto Kerouac dopo aver letto "il grande boh", perchè sapevo che Jova si è ispirato un pò a lui. L'ho letto perchè la mia piu' grande passione è viaggiare, ma lo trovato un pò noioso nella parte centrale. Jova ha suscitato maggiori emozioni.

Giulia
18-11-2000, 13.39.37
A me è piaciuto molto On The Road, ma certo non posso dire di essere una profonda conoscitrice di Kerouac o della beat generation - quello che leggo di autori come Kerouac (non solo On The Road ma anche altro), Ginsberg, Pound, mi piace molto, non pretendo di capirlo, ma io non credo che il messaggio sia tutto "sbronzatevi fumate erba scopatevi lo scopabile". E per di più, Kerouac è caduto nell'alcolismo solamente DOPO aver scritto On The Road, come sanno tutti coloro che hanno letto o sentito parlare la Nanda Pivano (e meglio di lei direi che noi non possiamo certo conoscerlo...); anzi, lei ci tiene sempre a precisare questo quando si parla di lui proprio perchè lo si definisce spesso come uno che ha scritto sempre bevendo. In ogni caso trovo che il libro vada letto, come ha scritto qualcuno, inquadrandolo nella generazione cui apparteneva Kerouac, all'America com'era allora.
Giulia

boccons
18-11-2000, 14.31.53
On the road, oltre a tutti i messaggi che trasmette, per me sono stati tanti e forti, per altri pochi e deboli (e ci mancherebbe che un libro, un film, una ragazza...debba piacere ed emozionare tutti) ha inaugurato una maniera di scrivere completamente differente da quello che era la prosa in passato, Kerouac ha inventato la scrittura spontanea dalla quale (lo vedo anche in questo forum) moltissimi sono stati influenzati, ed in effetti credo che chiunque dopo aver letto Keroauc abbia pensato che scrivere può essere un piacere simile a fare l'amore, tutto istinto e sensazioni.

Bodhi
18-11-2000, 17.46.54
Blue Sky: grazie per lo stronzo!
Dipende dai punti di vista ma è sempre bello sapere di esserlo ( sai, solo gli stronzi galleggiano in questa società di merda).Stai notando che da quando qui si parla solo di Kerouac, Frisco non si è più fatta viva?Cosa vorrà dire ciò?

In effetti il bello degli scritti di Kerouac è proprio il suo stile, molto simile alla creazione musicale dal vivo dei grandi jazzisti di allora.E' stata una vera e propria rivoluzione nel mondo della scrittura e poi, a dire la verità, anche una manna dal cielo per molti pseudo-scrittori che lo hanno adottato ritenendolo più facile di uno stile più tradizionale , più denso di regole grammaticali e sintattiche.

Fernanda Pivano è sicuramente la più profonda conoscitrice della Beat Generation in Italia: la maggior parte delle cose che ho scritto le ho apprese dalle sue prefazioni.
Del fatto che il libro non tratti solo dello sballo torno a precisare ( per Giulia ) che la trama tratta prevalentemente di questo ma non è certo questo il messaggio del libro, forse solo l'esemplificazione di ciò che Kerouac pensava:Il rifiuto della società!

frisco
18-11-2000, 18.27.01
caro bodhi non capisco il tuo accanimento contro di me,comunque ognuno è libero di esprimersi come vuole(per fortuna).
non voglio giustificarmi con te per il fatto che non ho scritto da un pò su questo argomento perchè non sono affari tuoi e voglio informarti che è l'ultima volta che rispondo alle tue provocazioni!!!



[Editato da frisco il 18/11/2000 alle 19:29]

Bodhi
18-11-2000, 18.36.28
Frico .Ma io non stavo scrivendo a te!
io scrivevo a Blue sky: cosa vuoi da me?
Non mi importunare più per favore.Ho già detto dove devi andare per me!
Spero che sia l'ultima volta che ti rivolgi a me.Per favore, è questione di rispetto.(ti sbronzavi, eh?!!!!)

Giulia
19-11-2000, 12.23.43
Bodhi, ognuno nel libro ci trova quello che vuole, e ovviamente ci sono interpretazioni differenti (proprio perchè, come hai scritto tu, il libro è scritto come un brano jazz), volevo solo precisare che quando Kerouac l'ha scritto era sobrio, perchè non mi piace il fatto che la maggior parte della gente (non mi riferisco a te)abbia un'idea così alla buona di On The Road. Stessa cosa che si verifica quando si parla, per es., di Baudelaire, o di Kurt Cobain ("ah sì, quello fattone che ha scritto Smells like Teen Spirit"...discorsi che non sopporto...)
Giulia

frisco
19-11-2000, 13.16.59
giulia hai fatto bene a precisare che quando kerouac ha scritto on the road era sobrio,perchè è vero la stragrande magioranza delle persone crede che le cose stavano così.....sfatiamo questo mito!

frisco
20-11-2000, 18.34.10
credo che l'avventura dei personaggi di questo libro sia morale piuttosto che fisica;credo che quello che cercano attraverso l'america è una realtà in cui credere ,un'innocenza perduta...forse una felicità impossibile.E ovviamente Dean moriarty è colui che rappresenta perfettamente tutte le contradizzioni di una generazione che e in molti casi ne rappresenta il simbolo....
la mia sensazione alla fine del libro era in parte anche di vuoto ...non so per me è stata così..mi sembra che non siano riusciti a trovare quello che cercavano

Bodhi
20-11-2000, 22.15.17
Perchè quando parlate del libro parlate della sua generazione?...perchè noi siamo messi meglio?Abbiamo un mondo migliore del loro in cui credere?Secondo me uno dei motivi di maggior interesse è proprio l'universalità di questo libro: guardatevi attorno, viviamo in un mondo ancor più squallido e vuoto di allora... e allora avevano la scusante della guerra...noi siamo il prodotto di quella società da cui fuggivano i protagonisti...noi siamo nati da quel vuoto e siamo cresciuti nel suo risultato provvisorio, una vera e propria palta(conoscete Dick?)che per di più è pure ipocrita e illusoria, viviamo in un mondo falso che ci inganna e siceramente non saprei dove cercare per trovare il vero...in questo senso dovremmo essere più disperati di loro!Non credete?

Giulia
21-11-2000, 13.00.54
No. Non condivido questa visione pessimistica della vita.
E al di là di questo, mi pare che la generazione di Kerouac sia stata profondamente diversa dalla nostra, e che avesse molte più ragioni per disperarsi. Con l'ulteriore differenza che allora ragazzi come i personaggi di On The Road cercavano di liberarsi dalla loro situazione e di essere diversi dalla società che vedevano intorno, adesso è più frequente trovare gente che si lamenta di stare nel libro ma non fa un bel niente per provare ad uscirne, anzi, si omologa ancora di più pur credendosi diversa.
Giulia

boccons
21-11-2000, 14.39.37
Niente paragoni, come diceva Japhy Ryder (chi lo sà chi è?)i paragoni sono antipatici.

Bodhi
21-11-2000, 19.11.42
In quale libro si trova codesta gente?
Quali sono i miglioramenti concreti che ha fatto la società, con la differenza che in un 20% del mondo la gente è diventata più riccha(ma i soldi non vengono mai regalati).
Basta leggere i giornali, e la difficoltà di liberarsi di tutto ciò è oggettivamente molto più significativa, almeno per un comune mortale( non guardate jova che fa ciò che vuole, ma lo dice lui che è un privilegiato e lo è perchè si rivende le sue esperienze che per noi si trasformano in mere chimere crudeli perchè sono illusoriamente a portata di mano.)
La società è molto più organizzata di allora, oggi una vita come quella ti porterebbe alla fame, non avresti possibilità di sopravvivenza e poi noi sappiamo che loro hanno fallito!In più, ci vorrebbe un miracolo per rovesiare i capi della finanza che ci hanno in pugno.Guardatelo il mondo, guardate l'aria sporca, le mucche pazze e la pazzia collettiva che c'è in giro: non c'è più una sola guerra mondiale ma tante piccole guerre personali, altrettanto snguinose talvolta: e noi non dovremmo essere pessimisti.

Bodhi
21-11-2000, 22.17.38
Naturalmente quando parlo di pessimismo non mi riferisco alla vita ma alla società.
Sono due cose estremamente diverse anche se noi tendiamo a eliminarne la differenza.
Se io fossi pessimista per quanto riguarda la vita mi sarei già ucciso e questo non sarà mai il caso ...tuttavia essere pessimisti per quanto riguarda la società credo che sia quasi d'obbligo: basta aprire gli occhi.Non vedere i problemi che ci affliggono sarebbe un grandissimo delitto dato che ne siamo ricchissimi: sia sul piano materiale che , soprattutto su quello spirituale.Il pessimiso nasce quindi da un profondo realismo e credo che sia proprio questo a tener vivo una speranza: essere speranzosi non significa subito essere ottimisti, dato che un ' ottimista dà per scontato che qualcosa riesca.io sono speranzoso, spero che la società migliori ma non credo che ciò possa avvenire.Proprio questo mio pessimismo però mi dà la rabbia per cercare di lottare, di non lasciarmi travolgereo in un nichilismo senza via d'uscita o in un ottimismo ottuso che di certo non risolverà mai nulla.Questa è sicuramente la differenza tra me e chi la pensa come me e Kerouac e la sua schiera di amici o voi ottimisti ( e poi, Giulia, dammi tre bei motivi per essere ottimista sulla società come lo sei tu.Magari riuscissi a convincermi ma non dirmi di dover chiudere gli occhi, le mie ore di ascolto dei brani di Bob Dylan me lo impediscono e...mentre gli ottimisti come i figli dei fiori o i 68ini sono o scomparsi nell'oblio o sono divenuti il contrario di ciò che erano...mentre Kerouac è morto rifugiandosi in un culto e intossicandosi di alcol...Bob è ancora vivo e vegeto e fermo nella sua lotta!)

boccons
22-11-2000, 02.33.00
Bravo bodhi, domanda e risposta, vai cosi' alla grande...ma poi mi sa che gli altri si rompono un pò.

Giulia
22-11-2000, 13.14.23
Secondo me l'ottimismo non è affatto ottuso, è il pessimismo che a volte può essere limitante, anche se devo dirti sinceramente che tu, con la tua speranza che comunque qualcosa possa ancora cambiare e con i tuoi dischi di Bob Dylan (che, cmq, ascolto anch'io, perchè non è che chi è ottimista si ascolti solo Cristina D'Avena e i miei mini pony...),tanto pessimista in fondo non mi sembri. Io non mi definisco "ottimista" nel senso di: ah, com'è bello il mondo, com'è bella la società, come siamo tutti simpatici ed allegri! ma nel senso di: sì, c'è tanta merda, ma c'è anche tanto di buono. O perlomeno io ce lo vedo.Tre buoni motivi per essere ottimisti?
1) magari te non lo senti, perchè non sei una ragazza, ma c'hai mai pensato cosa vuol dire sapere che tu puoi votare solo da mezzo secolo? o che se nascevo cinquant'anni prima mi toccava stare a casa a cucinare? è come dire che gli stessi miglioramenti possono avvenire per altre donne, in altri paesi, e che si può cambiare quello che non va
2) per quei ragazzi che hanno guidato la rivolta studentesca e hanno tirato giù Milosevic, una cosa che con le bombe nessuno era riuscito a fare e loro l'hanno fatta con le parole
3) per tutta la rabbia e la voglia di cambiare che ho visto a Seattle e a Praga- e lascia stare che i media ti abbiano detto che hanno solo fatto casino e violenza, non credo che sia stato così semplice
e poi, un altro l'hai detto tu: Bob Dylan ce l'ha fatta, no?
In altre parole, quello che cambia tra me e te non è il realismo, perchè non ci vuole molto a rendersi conto che la società così com'è non funziona, è che tu ci speri solo, che cambi, ma non ci credi, io ci credo e penso anche di poterci fare qualcosa.
Giulia

frisco
22-11-2000, 17.19.45
Originally posted by Giulia

In altre parole, quello che cambia tra me e te non è il realismo, perchè non ci vuole molto a rendersi conto che la società così com'è non funziona, è che tu ci speri solo, che cambi, ma non ci credi, io ci credo e penso anche di poterci fare qualcosa.
Giulia
grande Giulia sono perfettamente d'accordo con te!..non ho altro da aggiungere se non PEACE!

Bodhi
22-11-2000, 23.58.48
W il popolo di seattle!!!
davvero, dico sono dei grandi: hanno sabotato tre, o quattro grandi congressi.Pazzeschi!
Forse è sabotando che si riesce a trovare la formula magica per salvare questo mondo in malora.
Il voto per le donne in effetti è una grande conquista, sapendo che poi ora a votare non ci va più nessuno(vedi astensionismo crescente), le donne ora vanno anche a lavorare e questo tutto sommato è positivo: così si fanno meno figli e il sovrappopolamento si riesce a bloccare(non è forse questo il vero carburante della povertà crescente nel mondo?).
La yugoslavia?Chissà perchè i giovani slavi sono riusciti a far cadere milosevic ora e non prima dei bombardamenti e chissà perchè i suoi bracci destri sono morti assassinati pochi mesi prima?Meno male che sono state le parole(anch io mi sono visto gli mtv european awards e mi sono commosso daventi a quei due, ma non direi che il merito sia tutto loro).Milosevic era finito con il primo aereo che si è alzato da aviano, anche se devo dire che senza l'uck non ce ne saremmo forse più accorti che lui esistesse.
Chissà se i giovani riusciranno anche a fermare i connflitti in medio-oriente,che dici, scriviamo un paio di lettere a barak ed arafat e loro la smettono con il loro piccolo conflitto.Poi magari scriviamo una letterina anche all'onu e diciamo loro di rompere con l'opec: noi ci troviamo altre fonti di energia: magari con l'aiuto degli stati uniti, magari con l'aiuto di bush che tanto rinnegherà il suo passato da petroliere.
Direi che con le parole possiamo raggiungere grandi imprese,direi che così fra 20-30anni nessun bambino morirà più di fame in nessuna parte del pianeta, non ci sarà più la mucca pazza, niente più scorie radioattive, il buco nell'ozono un solo ricordo e verremo governati dal popolo di seattle.
A proposito di quest ultimo: Bob Dylan ci era riuscito eppure canta ancora le canzoni di allora.Veniamo governati, ancora per un oò, da ex-68ini eppure ora riponiamo la nostra fiducia nel popolo di seattle-praga -nizza(anch io li seguo con simpatia).Chissà perchè?La rivoluzione c'è già stata nel 68 ma noi la stiamo ancora aspettando...forse forse aveva ragione orwell.
Ah, ecco un altro bel libro che dovreste assolutamente leggere: la fattoria degli animali!Forse capirete che ciò che realmente non va è l'uomo!!!
Questo è il mio ultimo messaggio per quanto concerne questa sezione del forum: la tua mail, Giulia era così squisitamente di buon senso e politicamente corretta che dapprima ho detto: cazzo, ha ragione!ed ero contento per me e per voi e per il fatto che forse ci avrei creduto anch io ad un mondo nuovo(che poi tra il crederci e d il realizzarlo, beh, lasciamo perdere)ma poi, circa10 secondi dopo, mi ha fatto venire una tale nausea che ho quasi vomitato la mia insalata sulla tastiera del pc!
Cazzo come mi sentivo male, orribile...spero di non dover più vivere un ' esperienza del genere!
Addio e.. beh se ci credi tu allora stiamo messi proprio bene: buona fortuna!

Giulia
23-11-2000, 13.25.09
Buona fortuna anche a te, ma mi sa che se sei un tale vigliacco da decidere di non rispondermi più non ne avrai tanta. Non basta mica lamentarsi per essere diversi, questo te l'ha mai detto qualcuno? E te l'hanno mai detto che il fatto che hai letto tanti libri interessanti e che ascolti Bob Dylan non ti dà il diritto di ritenerti l'unico eletto ad averli letti e capiti? Il problema di quelli come te è che ti piace tanto crogiolarti nell'idea che tutto va male e che non si può fare niente per migliorarlo, perchè in questo modo sei sicuro di non dover fare fatica: sì, tu ti lamenti, e hai ragione, il mondo va male, è pieno di stronzi, e c'è il buco dell'ozono e c'è la fame nel mondo e c'è la pena di morte e c'è la violenza e c'è bush che sta per diventare padrone della più grande potenza mondiale. Ma che ci vuoi fare, è così, noi lamentiamoci e stiamo qui a maledire tutto e tutti, tanto non cambierà mai niente. Ti fa paura l'idea che qualcosa possa cambiare, e ti fa paura perchè allora, cazzo, di che cosa ti potresti lamentare? Invece se tu e quelli come te provassero ad alzare un po' i loro culetti di bimbi viziati, di pseudo intellettuali eletti e superiori, e andassero a far qualcosa, troverebbero che i cambiamenti si possono fare, che rivoluzioni ci sono state e sempre ce ne saranno, che anche se spedire una lettera di protesta non cambia niente, quando siamo in 10000 a spedirla cambia. Certo bisogna fare fatica, certo bisogna sopportarsi quelli, quando raccogli le firme, che ti dicono io i delinquenti li ucciderei tutti, e questo a te non va, perchè hai già trovato la soluzione più comoda.
Giulia

frisco
24-11-2000, 11.11.28
qual'è stato il pezzo che vi è piaciuto di + nel libro??

boccons
24-11-2000, 12.34.33
Le ultime venti righe, il finale e' bellissimo.Ho in testa la foto di quel momento, "mentre il sole va giu'...".Sarebbe una bellissima frase anche da scrivere alla donna di cui si e' innamorati e che per qualche motivo non e' piu' li vicino a te.