Forum Soleluna

Forum Soleluna (http://forum.soleluna.com//index.php)
-   Forum Attualità (http://forum.soleluna.com//forumdisplay.php?f=35)
-   -   Politiche 2013: o Terza Repubblica o muerte(?) (http://forum.soleluna.com//showthread.php?t=25861)

Denis 01-02-2013 13.15.14

ogni volta che vedo su qualche sito infimo tipo libero.it notizie del tipo "tracollo del pd, vola il pdl" ho un travaso di bile che metà basta.
non vale nulla è chiaro, libero.it è meno attendibile della carta igienica. ma è propaganda, è il quotidiano martellamento, il quotidiano gridare che prima o poi a forza di sentirla si convinceranno che è vero. quanto li odio!:mad:

mattcameron 01-02-2013 13.48.53

sondaggio

Stando a questi dati, ancora un pochino e ci ritroveremo col quinto governo Berlusconi... La mia impressione è che bisogna essere prudenti prima di dare il colpo finale al Paese...
Come ho già detto, non ho nessun dubbio che i nostri politici abbiano bisogno di un esame morale. Ciò di cui dubito è che una vittoria di Berlusconi (ormai Monti è al massimo un terzo incomodo, mai ci avrei creduto :eek:) oppure uno stallo totale ed assoluto ci metteranno nella condizione di fare questo, o altri esami...

gea 01-02-2013 21.56.04

per quanto riguarda la politica i giornalisti si schierano sempre dalla parte che paga di piu',non cè da meravigliarsi di trovare su libero o altri siti certi commenti....

Denis 02-02-2013 11.54.37

riporto le sagge parole di Gustavo Zagrebelsky

http://www.repubblica.it/speciali/re...33/?ref=HREA-1

FABIO ROBERTO TOGNETTI 03-02-2013 13.10.48

•LA CAMPAGNA ELETTORALE MOSTRA TUTTA LA DIFFICOLTÀ NON SOLO DI DISCUTERE ma perfino di mettere a fuoco la questione su cui il Paese si sta giocando tutto: la «cosa» da cui dipendono tutte le altre, Imu compresa. Parlo della ridefinizione del «rapporto nazionale-internazionale», ovvero del rapporto Italia-mondo. Qui sta il grande cambiamento, che è in atto, e che è di natura storica. Ricordiamoci che l`Italia era cresciuta e si era affermata come media potenza mondiale grazie al ruolo di cerniera che aveva svolto nella strategia della guerra fredda, e quindi, sostanzialmente, in base a un rapporto speciale con gli Stati Uniti.


Questo è cambiato. Il futuro della Penisola dipende adesso dal nostro rapporto con la costruzione della Comunità europea. Una costruzione travagliata e percorsa da difficili problemi, compreso quello di non subire passivamente l`egemonia monetaria tedesca, ma che rappresenta la potenza necessaria minima per fronteggiare il potere della finanza mondiale e perché gli europei con la loro civiltà possano tornare ai vertici dello sviluppo mondiale.


È evidente quindi che la scelta che sta di fronte agli elettori il 24 febbraio è di natura costituente. Essa è simile per certi aspetti a quella che il 18 aprile del 1948 vide la vittoria «necessaria» della Dc. E perché dico necessaria? Perché in quel momento storico la Dc garantiva l`occidentalizzazione dell`Italia e la pace civile. Io c`ero ma il «soviettismo» di noi comunisti alludeva a un`altra storia e non dava allora questa fondamentale garanzia. Ecco perché trovo deprimente il dibattito elettorale che si svolge sui media. Mi si dirà che si parla di programmi. Benissimo. Ma che senso hanno le promesse programmatiche se restiamo ai margini dall`Europa e ci mettiamo nella penosa condizione di non contare più niente?


Vengo così al punto, che io definisco così. Che succede se il Partito democratico non vince le elezioni? Ecco una bella domanda che gli italiani dovrebbero cominciare a porsi. È una strana domanda, che però è posta dalle cose. Riflettiamoci bene. Se le elezioni non le vince il Pd le vincerà un altro. Ma chi? Berlusconi? Ma l`organismo italiano (la società e l`unità dello Stato) può sopravvivere a una vittoria della destra? Me lo chiedo perché noi siamo a quel passaggio di cui ho detto. È evidente che il ritorno di Berlusconi (a parte tutto ciò che di ignobile riporterebbe a galla) isolerebbe drammaticamente l`Italia dall`Europa, ci coprirebbe di disprezzo e aprirebbe anche grossi problemi di sovranità del Paese. Ricordiamoci che il potere non è più solo un fatto nazionale ma si definisce sempre più nella sua relazione con lo scenario internazionale e con le mutazioni che esso sta subendo. Noi, non conteremo più niente e diventeremmo solo il luogo della compravendita di ciò che resta di un grande patrimonio produttivo. Fantasie? Uno scenario simile non è credibile? In effetti sembra anche a me.


Ma poi vedo i processi dissolutivi in atto. Vedo i voti per Grillo e per Ingroia che sono tanti. Vedo l`indifferenza per il dramma della povera gente. Vedo le sparate di Maroni, l`alleato principale di Berlusconi, un naufrago politico che tuttavia se vince in Lombardia può creare problemi molto seri di tenuta del Paese. Certo. C`è molta farsa nel pensare di dividere il Lombardo-Veneto dall`Italia (come ai tempi di Radetzky) e al ritorno dei Borboni a Napoli. Fa ridere. Ma che succede se una grande forza popolare e nazionale non vince le elezioni? Questo è il punto su cui rifletto. La novità è che nel mondo e nell`Italia di oggi questa forza «necessaria» è il Pd. C`è poco da fare. Si è aperto un problema geo-politico e non per caso a un vecchio comunista come me sono tornate in mente le elezioni del 1948.


Mancano quattro settimane al voto. Pongo in modo così brutale questa questione del ruolo storico che il Partito democratico è costretto ad assumere non perché io sia pessimista o perché ritenga debole il nostro discorso elettorale. Vorrei solo alzare l`asticella della sfida. Cosa pensa la classe dirigente italiana di questo passaggio d`epoca? Vuole giocare ancora su due tavoli? Sarò un ingenuo ma mi sembra incredibile che persone serie come quelle che si muovono intorno al prof. Monti e che frequentano ambienti come la Comunità di Sant`Egidio non si rendano conto che è finita un`epoca. Non è solo questione di giustizia. E che non funziona più l`idea di un rilancio dello sviluppo basato sui consumi degli individui in società atomizzate, finanziati a loro volta non dalla crescita della economia reale ma dal debito, e quindi dalla crescita delle rendite finanziarie. Questo è il fatto reale che ci interroga.


Un grande fatto. Il mondo è nuovamente a una svolta. È saltato il circuito consumo-rendita-debito. Piaccia o non piaccia. Bisognerà cominciare a investire sul lavoro, sull`intelligenza umana e sui nuovi bisogni collettivi. Ecco il fatto, un grandissimo fatto. Perché allora gli amici di Monti vogliono impedirci di vincere le elezioni? Perché la loro strategia è «tagliare le ali». Che stupidaggine. La sinistra di Vendola non è come il mondo di Cosentino. E come pensano di governare la necessaria riforma delle società europee: facendo del sindacato il nemico principale? Se è così, vuol dire che non hanno capito la posta in gioco e le forze in campo.

(Alfredo Reichlin - L'Unità - 3 febbraio 2013)

Denis 03-02-2013 20.08.04

ho letto l'articolo di scalfari in cui citava questo articolo qui, e ho letto pure le ultime sparate dell'infame berlusconi
http://www.repubblica.it/politica/20...90/?ref=HREA-1

gli elettori crederanno a queste cazzate? non mi sembra possibile che qualcuno si fidi ancora di questo buffone, ma se i sondaggi non sono finti sembra che sia in rimonta. vediamo ad ogni modo la sua malefica potenza mediatica in piena azione. sono piuttosto preoccupato, spero siano preoccupazioni infondate.

decly2002 03-02-2013 20.12.26

temo che avremo un parlamento paralizzato.
poi si rivoterà. speriamo di non imboccare un percorso drammatico.
più che mai penso che bisogni guardare molto alla sostanza, alla concretezza.

angelo 03-02-2013 23.02.04

Dipendera' moltissimo dai numeri in Parlamento, ma molto dipendera' anche da chi sara' il nuovo Presidente della Repubblica. Potrebbe anche ritornare il Governo dei tecnici se non si riuscisse a creare una maggioranza stabile, piuttosto che nuove elezioni.

angelo

mattcameron 04-02-2013 14.13.42

Io comincio ad essere preoccupato... Mi pare fin troppo evidente come una paralisi istituzionale, o peggio ancora una vittoria di Berlusconi, non possano che portare velocemente il Paese verso il baratro. Ma è possibile che in campagna elettorale faccia più punti l'acquisto di Balotelli che un serio discorso sugli esodati? Lo affermo con certezza: il numero dei votanti del PdL e soci corrisponderà con drammatica precisione al numero dei fessi in Italia... Levare l'IMU? Per poi chiudere tutti gli asili nido, o privatizzare la sanità...tutte cazzate.

E Grillo? Signori, confesso di non capirlo più... E' vero che non leggo e non m'informo abbastanza (d'altronde sempre di più di quei certi miei "amici" che mi invitano a non andare affatto a votare...), ma non riesco a capire cosa fare il M5S quando sarà in Parlamento...si faranno esplodere tipo attentatori kamikaze, dopo aver dato le coordinate? Siamo tutti bravi a provocare e sparare proclami... Ma piaccia o non piaccia, per citare l'articolo riportato da FRT, una volta in Parlamento tocca costituire un gruppo parlamentare, scegliere dei rappresentanti, eccetera eccetera. Ma comincio a temere che non sia questa l'idea dei grillini...e spero di sbagliarmi.

Perché una cosa è dire "sono tutti ladri" ma tentare un'opposizione costruttiva (leggi: non voto a favore degli armamenti, ma invece voto per i matrimoni gay...), ben altra cosa è voler mettere tutti nel caos rifiutando regolamenti parlamentari, impedendo le sedute eccetera. Ripeto che spero di sbagliarmi...ma l'impressione che Grillo dà in questo momento è di voler fare uno scientifico ostruzionismo. Ottendendo quale risultato? L'esatto contrario di quel che va predicando, ovvero un vuoto di governo che più che ad un cambiamento può preludere, nel migliore dei casi, in un governo del tutto simile (ma forse più debole) di quello Monti...nel peggiore dei casi possiamo arrivare allo sfascio completo. Cosa che, vorrei lo si notasse, farebbe molto piacere al nostro buon vecchio Cavaliere di cui Grillo rischia di diventare il principale alleato.

...mi sto sbagliando? Grillini, smentitemi (senza insulti, possibilmente). Spiegatemi passo passo (senza i consueti link che troverei difficili da leggere essendo perlopiù impegnato nella ricerca di un lavoro...) cosa farà Giuseppe Grillo con il suo 15% di parlamentari ancora senza un candidato premier...

mattcameron 04-02-2013 14.21.48

Citazione:

Originalmente inviato da FABIO ROBERTO TOGNETTI (Messaggio 2250482)
Vengo così al punto, che io definisco così. Che succede se il Partito democratico non vince le elezioni? Ecco una bella domanda che gli italiani dovrebbero cominciare a porsi. È una strana domanda, che però è posta dalle cose. Riflettiamoci bene. Se le elezioni non le vince il Pd le vincerà un altro. Ma chi? Berlusconi? Ma l`organismo italiano (la società e l`unità dello Stato) può sopravvivere a una vittoria della destra? Me lo chiedo perché noi siamo a quel passaggio di cui ho detto. È evidente che il ritorno di Berlusconi (a parte tutto ciò che di ignobile riporterebbe a galla) isolerebbe drammaticamente l`Italia dall`Europa, ci coprirebbe di disprezzo e aprirebbe anche grossi problemi di sovranità del Paese. Ricordiamoci che il potere non è più solo un fatto nazionale ma si definisce sempre più nella sua relazione con lo scenario internazionale e con le mutazioni che esso sta subendo. Noi, non conteremo più niente e diventeremmo solo il luogo della compravendita di ciò che resta di un grande patrimonio produttivo. Fantasie? Uno scenario simile non è credibile? In effetti sembra anche a me.

Riporto questo passo dell'articolo perché mi sembra molto chiaro. Bersani o Berlusconi vinceranno le elezioni, lo dicono i numeri. Non vincerà Monti, né vincerà Grillo. Se Grillo pensasse di vincere davvero le elezioni, sarebbe libero di dire "li mandiamo tutti a casa"...ma se prende, poniamo, anche il 18%, diventa al massimo l'ago della bilancia. A quel punto che fa? Appoggia il partito responsabile dello scandalo Mps, o quello degli onesti per eccellenza? Nessuno chiede a Grillo, credo, di allearsi con il Pd. Ma una cosa è dire "siamo stufi di votare il meno peggio", altra è consegnare consapevolmente il Paese a ciò che di peggio (fascismo escluso) la politica italiana abbia prodotto.

Denis 04-02-2013 16.21.09

noto una proporzionalità diretta tra le puttanate di berlusconi e le picchiate negative in borsa

decly2002 04-02-2013 18.41.13

io ora dipingo uno scenario da futurisiko, da philip dick.

le elezioni terminano con due maggioranze diverse. centro sinistra maggioranza relativa al senato, centrodestra maggioranza assoluta alla camera, grazie al porcellum.
non si riesce a fare il governo. resta in carica il governo attuale, dimissionario.
il parlamento non riesce ad eleggere un presidente della repubblica, fra veti congiunti.

l'economia italiana vola verso il tracollo.

la seconda parte del mio incubo ve la risparmio, troppo faziosa e complottista.

:angoscia:

elisol_02 04-02-2013 19.29.11

Citazione:

Originalmente inviato da mattcameron (Messaggio 2250555)
Io comincio ad essere preoccupato... Mi pare fin troppo evidente come una paralisi istituzionale, o peggio ancora una vittoria di Berlusconi, non possano che portare velocemente il Paese verso il baratro. Ma è possibile che in campagna elettorale faccia più punti l'acquisto di Balotelli che un serio discorso sugli esodati? Lo affermo con certezza: il numero dei votanti del PdL e soci corrisponderà con drammatica precisione al numero dei fessi in Italia... Levare l'IMU? Per poi chiudere tutti gli asili nido, o privatizzare la sanità...tutte cazzate.

E Grillo? Signori, confesso di non capirlo più... E' vero che non leggo e non m'informo abbastanza (d'altronde sempre di più di quei certi miei "amici" che mi invitano a non andare affatto a votare...), ma non riesco a capire cosa fare il M5S quando sarà in Parlamento...si faranno esplodere tipo attentatori kamikaze, dopo aver dato le coordinate? Siamo tutti bravi a provocare e sparare proclami... Ma piaccia o non piaccia, per citare l'articolo riportato da FRT, una volta in Parlamento tocca costituire un gruppo parlamentare, scegliere dei rappresentanti, eccetera eccetera. Ma comincio a temere che non sia questa l'idea dei grillini...e spero di sbagliarmi.

Perché una cosa è dire "sono tutti ladri" ma tentare un'opposizione costruttiva (leggi: non voto a favore degli armamenti, ma invece voto per i matrimoni gay...), ben altra cosa è voler mettere tutti nel caos rifiutando regolamenti parlamentari, impedendo le sedute eccetera. Ripeto che spero di sbagliarmi...ma l'impressione che Grillo dà in questo momento è di voler fare uno scientifico ostruzionismo. Ottendendo quale risultato? L'esatto contrario di quel che va predicando, ovvero un vuoto di governo che più che ad un cambiamento può preludere, nel migliore dei casi, in un governo del tutto simile (ma forse più debole) di quello Monti...nel peggiore dei casi possiamo arrivare allo sfascio completo. Cosa che, vorrei lo si notasse, farebbe molto piacere al nostro buon vecchio Cavaliere di cui Grillo rischia di diventare il principale alleato.

...mi sto sbagliando? Grillini, smentitemi (senza insulti, possibilmente). Spiegatemi passo passo (senza i consueti link che troverei difficili da leggere essendo perlopiù impegnato nella ricerca di un lavoro...) cosa farà Giuseppe Grillo con il suo 15% di parlamentari ancora senza un candidato premier...

mi unisco al tuo appello ai grillini. vorrei capire meglio il loro programma (ma c'è?) perchè in questo momento sono molto confusa e il voto si avvicina. non voglio votare il meno peggio ma nemmeno il primo che mi capita... :confuso:

altra cosa: a chi si riferisce lo schieramento estrema sinistra del sondaggio?

angelo 04-02-2013 22.00.56

Ora Mr B a Piazza Pulita.

angelo

matteo89 04-02-2013 22.25.31

Citazione:

Originalmente inviato da elisol_02 (Messaggio 2250611)
altra cosa: a chi si riferisce lo schieramento estrema sinistra del sondaggio?

credo Rivoluzione Civile

elisol_02 04-02-2013 22.38.17

RC
:alto:
peccato non sia rifondazione comunista

PENSIERI POSITIVI 05-02-2013 03.02.43

Elisol - il programma del M5S è on-line da tempo, quindi potevi leggerlo....è abbstanza innovativo e comprende
-una rimodulazione della spesa a favore dei cittadini (soprattutto i meno abbienti)
- un virata verso un 'economia sostenibile e futuribile (le scete di oggi condizioneranno il nostro futuro non certo quello dei 60enni che ci governano)
non vado avanti perchè tanto sò che voterai un partito classico ^___^

MATTCAMERON- IL M5S non ha assolutamente idea di "fare caciara", bensi vuole aprire il palazzo....far vedere ai cittadini cosa succede dentro e vedere se i nostri politici corrotti sono completamente privi di vergogna....sarà sulla rete quando si voteranno le leggi a favore di amici ed amichette (subito dopo aver tagliato i fondi agli asili)...ci sarnno i nomi di chi ha votato o si è assentato su certe leggi
Per il resto hanno tante idee futuribili che sono state marchiate nei mesi precedenti come ANTIPOLITICA.....per poi essere riprese alla bene e meglio da tutti i partiti (che ora gridano contro le spese folli, per i tagli dei costi, per un numero limitati di mandati...con proposte raffazzonate perchè non si possono permettere di mantenere.....vedi PD che mette il limite dei mandati, ma lo porta a 3, ovvero ben 15 anni di politica, per poi introdurre le eccezzioni per quelli che hanno già superato il limite)

Denis 05-02-2013 07.32.44

Citazione:

Originalmente inviato da decly2002 (Messaggio 2250598)
io ora dipingo uno scenario da futurisiko, da philip dick.

le elezioni terminano con due maggioranze diverse. centro sinistra maggioranza relativa al senato, centrodestra maggioranza assoluta alla camera, grazie al porcellum.

e questa da dove salta fuori? perchè il centrodestra dovrebbe avere la maggioranza assoluta alla camera e il pd relativa al senato?

nel sondaggio estrema sinistra non è ingroia perchè alla riga sopra c'è "quarto polo, movimento arancione: candidato ingroia"



altra cosa che non capirò mai è come possa portare voti l'acquisto di balotelli. se questo è il nostro livello mentale ce lo meritiamo berlusconi, anzi è forse fin troppo di lusso
:muro:

un valido articolo di ezio mauro
http://www.repubblica.it/politica/20...ogia-51973662/

John Ballerino 05-02-2013 12.01.26

Citazione:

Originalmente inviato da decly2002 (Messaggio 2250598)
io ora dipingo uno scenario da futurisiko, da philip dick.

le elezioni terminano con due maggioranze diverse. centro sinistra maggioranza relativa al senato, centrodestra maggioranza assoluta alla camera, grazie al porcellum.
non si riesce a fare il governo. resta in carica il governo attuale, dimissionario.
il parlamento non riesce ad eleggere un presidente della repubblica, fra veti congiunti.

l'economia italiana vola verso il tracollo.



la seconda parte del mio incubo ve la risparmio, troppo faziosa e complottista.

:angoscia:

Posso dire che ho paura che sia uno scenario più da presenterisiko... Parura tanta parura..:(

matteo89 05-02-2013 13.52.42

Citazione:

Originalmente inviato da elisol_02 (Messaggio 2250637)
RC
:alto:
peccato non sia rifondazione comunista

Rifondazione è confluita in RC, come anche i Comunisti Italiani...


Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 11.17.34.

Powered by vBulletin
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd