Forum Soleluna

Forum Soleluna (http://forum.soleluna.com//index.php)
-   Forum Classici (http://forum.soleluna.com//forumdisplay.php?f=16)
-   -   Carta Bianca* (http://forum.soleluna.com//showthread.php?t=18439)

Niela 06-06-2014 10.00.15

Ho deciso di tenere i miei pensieri per me.
E' l'unica via d'uscita.

fiamma travolgente 06-06-2014 10.19.14

avevo scritto una cosa lunghissima...poi ho cancellato tutto..
carta bianca..rimani bianca!

Denis 08-06-2014 12.51.15

giornata di sole, molto calda. ma non c'è il mare. e questo mi pesa terribilmente. mah, è stato un gran bel periodo, una breve vacanza in Sardegna dove ho rivisto una mia cara amica ed è stato un grandissimo piacere, un bel ritorno a casa e pure quello è andato proprio bene, è stato importante. l'inevitabile malinconia del ripartire è stata quasi completamente annullata da E che è venuta qui a trovarmi. non sapevo se sarei mai riuscito a trascinarla qui, è venuta alla fine. mi ha fatto molto molto piacere, io ce l'ho messa tutta per farle passare delle belle giornate e spero che sia contenta. sinceramente speravo tanto che nascesse qualcosa tra noi stavolta, mi sembrava l'occasione perfetta ma purtroppo così non è stato, ed ora che è appena ripartita ecco la malinconia sale su, ci pensa anche la radio a dare il suo contributo che ora mi propone crazy degli Aerosmith. aaaaa io impazzirò presto mi sa! vabbè, come sono state ste giornate? belle per me, l'ho portata in giro, ieri a Strasburgo, l'altro giorno a cena di nuovo in Francia, il giorno prima l'ho portata sul belvedere qui, la città sotto di noi in una bella giornata serena col sole che lentamente tramonta. mi siedo accanto a lei, la abbraccio ma non ricambia, creo un sacco di occasioni ma lei continua a non accettare. speravo fosse venuta con intenzioni diverse da una semplice visita ad un amico, mi ero illuso purtroppo. l'ho vista nervosa, capisco bene che si sente sul filo ad aspettare sto contratto che chissà se poi lo prende davvero, è una grossa preoccupazione indubbiamente. l'ho vista più testarda del solito e a volta mi dava anche fastidio, però per me era comunque fantastica. non ho rimpianti, ho fatto tutto quello che potevo per farla stare bene e per cercare di costruire qualcosa di più. le nostre strade si separano di nuovo, ci reincontreremo? chi può dirlo...nulla è impossibile ma le cose bisogna volerle davvero, da entrambe le parti. chissà dove andrà lei, chissà se io rimango qui, chissà per quanto tempo. quel che posso dire è che sti giorni mi ha fatto morire, mi ha cucinato per bene. ecco, spero che lei abbia capito davvero quello che sento e provo, che le rimanga qualcosa quando da stasera tornerà nella sua vita normale, spero le rimanga qualcosa di queste giornate.
io intanto cerco di proseguire, un passo alla volta, senza far cazzate

Niela 09-06-2014 23.41.35

Mediaset Extra e ... Giuliano Sangiorgi @ Lospaccanoci di Fabio Volo che al pianoforte suona e canta SOLO PER TE.

Giú le lacrime.

talita 10-06-2014 11.03.15

cartina...viverci di più non va bene. è bellissimo ma non va bene... non mi fa bene.

Denis 10-06-2014 22.21.03

e rieccoci. prima giornata di lavoro dopo questo fine settimana decisamente particolare. boh, è andata bene direi. temevo che il caldo fosse peggiore. certo che il pomeriggio è duro da sopportare, con quest'aria viziata che i ventilatori cercano di mantenere un minimo respirabile. ma installare un impianto di aria condizionata vi faceva poi schifo? vabbè, a parte una bella sudata non c'è altro da registrare. ho fatto le mie cose, riordinato, lavato i pantaloni che ho sporcato stamattina, fatto la spesa..e ho pensato. il giorno stesso che è andata via mi sono fiondato al lago, qualcosa bisognava fare e bisognava farlo subito perchè stare a casa solo mi avrebbe fatto solo malinconia. ieri ho ripetuto l'esperimento visto che è andato bene. ho preso pure un bel po' di sole. domenica pomeriggio ero già convinto che fosse passata del tutto. non è proprio così, ma ho tenuto bene. i lati negativi sono stati la sua diciamo freddezza, sono emerse le spigolosità del suo carattere, la sua testardaggine. è un momento particolare per lei, si sta bruciando e lo sa, fin che non trova la soluzione non avrà davvero pace. mi ha colpito quando ha detto che spera di partire e non tornare. mi ha colpito ma non ci credo, uno che ha davvero intenzione di andar via e non tornare non parla così, piuttosto mi dice che spera di aver fortuna. mah, vedremo ad ogni modo. io spero per lei che parta, che abbia le sue soddisfazioni, le merita. dall'altro canto pensare che vada così lontano rende estremamente difficile vedersi. quando io invece la vorrei qui con me, quando invece lei è venuta solo a trovare un amico. questo devo ancora digerirlo. sti giorni a volte mi ha dato pure fastidio se vogliamo. se c'è una cosa che mi fa incazzare da morire è che una, che va al mare ben che vada una massimo due volte all'anno, mi venga a parlare male del MIO mare. ma che ne sa lei poi? quando fa così davvero non la reggo. mi ha pure stracciato a briscola sta maledetta, a mia scusante dirò che la testa non era concentrata sulle carte. i lati positivi sono stati delle giornate allegre passate insieme, ricordo le nostre cene a casa, in particolare la seconda, mangiando qua in camera davanti alla vetrata, quasi all'aperto. è stato un bel momento, come è stato bello mangiare per la prima volta in assoluto escargots assieme a lei. pure guidando in autostrada la guardavo mentre dormiva e mi è venuto da sorridere, non so bene perchè, però ci stava, era un bel momento. ed era bello pure vederla stiracchiarsi a letto sotto la sciarpa dell'Irlanda. è stato bello averla qui con me, ha dimostrato di tenerci, non come pensavo io però a un certo punto...va bene così. nel mentre ascolto tranquillamente Vasco, tante care vecchie canzoni che ben si adattano a questi momenti :)
Ciao, Va bene va bene così, Luna per te, Vivere, Sensazioni forti, Sally, Muoviti, Senza parole, Cosa c'è... e io nel mentre ho perso il filo. volevo forse scrivere di qualcos'altro, ma questo è quel che è venuto fuori:)

https://www.youtube.com/watch?v=9oi4VJBthWw

Niela 12-06-2014 11.34.38

Se uno dice la verità è stronzo.
Se non la dice è ipocrita.
Se sta zitto è ignavo.
A quanto pare, possiamo solo sceglierci l'insulto.

Denis 16-06-2014 21.53.18

un fastidioso lunedì di battaglia. il lunedì è una giornata proprio antipatica, mi è sempre stato estremamente antipatico. questo di oggi ha ben reso l'idea. giornata fastidiosa in fabbrica, problemi più o meno importanti ma mi vedo costretto a perdermi in assurdità perchè un odioso collega mi mostra due moduli non processati e dice che da me si aspetta una relazione. ma che cacchio vuoi? ho chiesto informazioni a tutti e alla fine la relazione l'ho scritta. è una descrizione di ciò che ho visto, non indico soluzioni. ma che ho la bacchetta magica io? vedremo domani che si inventerà per lamentarsi ancora, sta faccia di merda! pensiamo alle cose belle, anche oggi il sole mi è tramontato avanti, nascosto dalle nuvole alla fine è uscito a dire ciao e congedarsi. a domani!

Niela 17-06-2014 15.09.55

Continuo stupidamente ad aspettarmi dagli altri un gesto, una parola, un abbraccio, una telefonta.
Credo sia giunta l'ora peró di smetterla.
Smettere di dare.

talita 18-06-2014 09.49.48

cartina...ieri è successa una cosa "strana"
sono andata e pranzo con e. e abbiamo parlato tanto di una persona alla quale volevo scrivere da qualche giorno ma mi facevo un po' di paranoie...per motivi vari
dopo averci pensato un pochino alle 15.40 gli ho scritto tramite WA e ci siamo scambiati un po' di mess...poi andando a controllare la posta ho visto che b. mi aveva già scritto 20 minuti prima :eek::eek:
telepatia?! coincidenza?! ...preoccupante..

Niela 18-06-2014 11.52.43

"Pazienza".
Una strana parola.
Puoi dirla quando aspetti
e
quando scegli di non aspettare più.

aural 18-06-2014 23.06.33

mi arriva la bozza del rogito di mia figlia....mi viene il magone.....è vero se ne va di casa....

Niela 19-06-2014 00.34.24

Cartí,
a te lo posso confidare .... mi aspettavo un regalo.
Vabbé...

crishaone 19-06-2014 09.02.25

Sai cosa? Arriva un giorno in cui senti la necessitá di fermarti cinque minuti e guardare quello che stai facendo, come ti gira... Ho 31 anni, convivo con la mia ragazza, ho una bella casina in affitto riempita di belle cose, con un coniglio e una cagnolina e sono contento... Vorrei essere felice, ma non posso esserlo: la rottura di palle di pensare all' affitto, le bollette, la spesa, le medicine... Mi sento sempre insoddisfatto dal punto di vista economico... Ho un lavoro che si, il 24 di ogni mese mi permette di fare andare in positivo il conto corrente, che di questi tempi non è poca cosa, ma lo detesto... Così come detesto il fatto che tutto giri intorno ai soldi, che fanno eccome la felicità: chi ha scritto il contrario era un folle!!! Vuoi che Ylenia sia felice? Bene, psicologa e psicofarmaci... Pagare et voilà! Sta meglio! Ecco che i soldi fanno la felicità! Quindi non basta avere la salute, perchè per averla devi pagare... Per carità, sono felicissimo di vederla di nuovo sorridente e più spensierata, però perché dobbiamo trovarci a scegliere fra una seduta dalla psicologa e una pizza fuori? Anche i ricchi piangono... Vorrei poter piangere anche io una volta da ricco... Forse sembrero venale, forse ho scritto cose senza senso e piene zeppe di errori ortografici... Sti cazzi... Ho troppe cose che mi tengo dentro ultimamente... Almeno una mezza cosa l' ho tirata fuori, e mi sento un pò più leggero...

Inviato dal mio M-PP2G530 utilizzando Tapatalk

*lale* 19-06-2014 17.06.54

domani. ore 9. h pt. si comincia.

FiLLina 20-06-2014 01.02.18

Ciao carti, è da un po' che non ci si sente. Oggi sono usciti i risultati di chimica e biomateriali: 27 :) .
Le mie ansie maggiori sono per gli altri due. Mamma mia.

Una cosa che mi ha fatto piacere, devo dire, è stato quel "comunque ti voglio bene", buttato lì.
Chissà se mi offrirà davvero quella pizza od è come al solito t.t

Bah. Piacere di averti risentita.
A presto.

talita 20-06-2014 09.10.39

cartina...fatti anche gli esami del sangue.
a parte un paio di valori non preoccupanti, è tutt ok:)
ansia finalmente sparita
ghiandoline da tenere sotto controllo ma finalmente si sorride

Mimma 20-06-2014 15.18.57

Lei se ne ricorda ancora di quella giornata di maggio 2006.
Era tornata da Roma, aveva le guance stranamente arrossate, lei che generalmente ha il colorito da tavolo da autopsia, quella giornata aveva il cuore tanto gonfio di inutile entusiasmo che s’era detta “no, questo sole capitolino è troppo bello per fare questo lungo tratto in metro: raggiungerò Termini a piedi”. Per cui si era accomodata sulla sua schiena appoggiata al finestrino zozzissimo di quel Regionale che bisognava prendere al volo, stare attenti ad aver beccato la carrozza giusta perchè ad un certo punto zac! una parte va su e l’altra va giù, carica carica di maestre pendolari, che era madida di sudore ma inutilmente felice, ed era arrivata a Piazza Garibaldi ancor più appiccicaticcia, affannata e pronta a riversare su chiunque, pure sulla vocetta beware the pickpockets degli altoparlanti, la sua inutile felicità.Tornava da Roma con una proposta contrattuale vera, a meno di sei mesi dalla Laurea, una grande emittente televisiva nazionale l’avrebbe pagata per fare quello per il quale aveva studiato “Mi pagano, a me, sì a me che mi sono laureata in Scienze della Comunicazione! Che è, non parli più quasi laureando in Giurisprudenza, che dopo aver gettato sangue su procedure e articoli dovrai lavorare gratis per anni come uno schiavo sotto un padrone e probabilmente ripetere due o tre volte un impossibile esame di abilitazione? Guardami adesso e se ci riesci ridi ancora dei miei esami di teoria e tecnica del linguaggio televisivo!”
Con quelle guance arrossate aveva detto “Sì sì, mamma, devo aprirmi una partita iva ah! devo aprirmi un conto in banca, uno serio, no la postepay, meglio un conto vero”.

Conto vero, codice iban, bancomat, codice bancomat che da quel momento avrebbe sbagliato a digitare innumerevoli volte e, zanzanzan! C-a-r-t-a-d-i-c-r-e-d-i-t-o.

Aveva un credito, minimo, ma lo aveva. Quel credito, pensate un po’, negli anni a venire sarebbe anche aumentato, in virtù della fissa e rassicurante mensilità con la quale la pubblica amministrazione le versava lo stipendio.

Quel credito nei momenti bui s’è trasformato in revolving.

Quel credito oggi ha fatto sì che la ragazza alla cassa dicesse a lei, ai suoi tre pacchi di pampersbabydry taglia 5, ai suoi svariati omogeneizzati, ad una confezione di latte a lunga conservazione e a sei mele saccenti come solo in tirolo sanno essere, non accoglienti ed umili come la mela annurca, ma la mela annurca è avvelenata e non ce la possiamo dare a quella creatura, “mi dice carta respinta, riprovo?” E lei, sotto il peso dello sguardo di disapprovazione delle mamme in coda alla cassa, sguardo che scatta più velocemente del clacson che ti suona dalla macchina in fila dietro di te quando il semaforo diventa verde, solo che alla macchina puoi dire “ma vafancù!” perche sta dietro, quelle mamme sono un plotone che ti fissa e tu poco puoi fare, se non una di quelle belle scenate alle quali pensi risalendo le scale carica di sacchetti “avrei dovuto urlare loro in faccia che è vai di fretta?? Devi tornare a casa e trovare quel chiattone di tuo marito ittato sul divano a guardare studiosport?”, ha piazzato un “no vabbe, ti do i contanti”.

Uscendo dal supermercato sul display del suo smartphone (la cui batteria ormai riesce a durare anche un giorno intero, a meno che il diciannovemesenne non voglia giocare con talkin’ pocoyo, mentre prima si viaggiava a tre/quattro ricariche al giorno) luccicava il numero della filiale della banca di cui sopra “Signora, non so se ha avuto modo di notare [noooo, neanche un po'] che abbiamo dovuto procedere al blocco preventivo della carta di credito, sa com’è [no, in realtà non lo sa] abbiamo notato che è da un anno ormai che non viene più domiciliato alcuno stipendio…però notiamo bonifici da una stessa persona…ah sì…suo marito, capisco. Ma quindi non lavora mi dice però si impegna ad effettuare questi bonifici mensili? Certo, anche io le auguro di trovare lavoro al più presto!”

Ma che anche tu, ammettilo omino della banca, non ci credi tanto quanto non ci crede lei che, riprendendo le buste della spesa da terra e posando il cellulare in tasca, si vede passare davanti quel laureando in giurisprudenza di qualche riga sopra, brillante giovane avvocato presso uno studio fighissimo e non può fare a meno di pensare “avrei dovuto urlare loro in faccia che è vai di fretta??…etc etc”

talita 20-06-2014 15.59.10

cartina...entriamo subito nell'ottica del risparmio.
macchina nuova prenotata.

grisou 22-06-2014 21.54.07

Un anno fa
A quest'ora c'era il giro di telefonate
Avvisare tutti noi, avvisare lei, piangere al telefono, rincuorare, tentare di rincuorare, tentare di farsi forza, cercare di pensare positivo, non sapere come dire certe cose..come si fa quando di mezzo ci sono cinquecento chilometri?? contare i giorni che separavano al ritorno da loro, organizzarsi, pensare, pensare, pensare, ripensare, sentirsi anche accuse che non ti meriti, non sapere che fare, che dire, piangere
Un anno fa
Già un anno da quando ha chiuso gli occhi e non li ha piú riaperti..e tra pochi giorni sarà un anno da quando non ha piú respirato
Inizia il periodo in cui ogni giorno ricordo esattamente che avevo fatto 365 giorni prima
È passato un anno ma ogni ricordo ed ogni emozione sono vividi come allora
E come sono cambiate le cose in un anno
Un anno fa
Un anno che c'è il gruppo su whatsapp
Un anno che siamo concretamente noi, lo eravamo anche prima ma esattamente un anno fa si era creato il gruppo per tenerci aggiornati. E c'è chi nel gruppo è rimasto.
Uniti nell'abbraccio di una stella.


Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 23.17.02.

Powered by vBulletin
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd