Discussione: Carta Azzurra
Visualizza messaggio singolo
  #6  
Vecchio 01-09-2007, 12.56.04
L'avatar di Mimma
Mimma Mimma non è connesso
Forumista
 
Data registrazione: 29-10-2000
Residenza: if we can't live together, we're gonna die alone.
Messaggi: 7,320
Mimma reputazione TermoNucleareGlobaleMimma reputazione TermoNucleareGlobaleMimma reputazione TermoNucleareGlobaleMimma reputazione TermoNucleareGlobaleMimma reputazione TermoNucleareGlobaleMimma reputazione TermoNucleareGlobaleMimma reputazione TermoNucleareGlobaleMimma reputazione TermoNucleareGlobaleMimma reputazione TermoNucleareGlobaleMimma reputazione TermoNucleareGlobaleMimma reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito bentornato uomo del Giappone

Cerco l'estate tutto l'anno e all'improvviso eccola qua.
Lei è partita per le spiagge e sono solo quaggiù in città
sento volare sopra i tetti un aeroplano che se ne va.

Azzurro, il pomeriggio è troppo azzurro e lungo, per me
mi accorgo di non avere più risorse senza di te
e allora io quasi quasi prendo il treno e vengo vengo da te.
Ma il treno dei desideri nei miei pensieri all'incontrario va.

Cerco un po' d'Africa in giardino, tra l'oleandro e il baobab
come facevo da bambino, ma qui c'è gente, non si può più
stanno innaffiando le tue rose, non c'è il leone, chissà dov'è.

Azzurro, il pomeriggio è troppo azzurro e lungo, per me
mi accorgo di non avere più risorse senza di te
e allora io quasi quasi prendo il treno e vengo vengo da te.
Ma il treno dei desideri nei miei pensieri all'incontrario va.

Sembra quand'ero all'oratorio, con tanto sole, tanti anni fa.
Quelle domeniche da solo in un cortile, a passeggiar,
ora mi annoio più di allora, neanche un prete per chiacchierar.

Azzurro, il pomeriggio è troppo azzurro e lungo, per me
mi accorgo di non avere più risorse senza di te
e allora io quasi quasi prendo il treno e vengo vengo da te.
Ma il treno dei desideri nei miei pensieri all'incontrario va.
__________________
"Come geloso, io soffro quattro volte: perché sono geloso, perché mi rimprovero di esserlo, perché temo che la mia gelosia finisca per ferire l'altro, perché mi lascio soggiogare da una banalità: soffro di essere escluso, di essere aggressivo, di essere pazzo e di essere come tutti gli altri".
Rispondi citando