Discussione: Carta Azzurra
Visualizza messaggio singolo
  #7699  
Vecchio 26-01-2019, 04.47.40
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non  connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Mele Island
Messaggi: 43,586
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito l'isola deserta: alex britti - .23

Quando usc questo disco di Britti pensai che fosse il migliore che avesse mai fatto, e avevo ragione. I due successivi (tre se contiamo che l'ultimo diviso in due mini-cd) sono stati decisamente "minori". Qui, invece, Britti al massimo.
E quando usc questo disco lo trovai perfetto. Lo penso ancora, ma negli ultimi anni l'ho ascoltato veramente poco. Ma scorrendo la lista e arrivando a Britti non posso non parlarne qui.

Prima nota di merito: il primo disco interamente suonato. Fino al precedente Festa aveva usato molta elettronica, soprattutto per le batterie (quasi sempre drum machine o addirittura campionate), mentre in .23 le batterie sono tutte autentiche, probabilmente in seguito all'album dal vivo unplugged pubblicato l'anno prima. Questo rende il suono molto pi caldo, a tratti persino jazz.
Seconda nota di merito: la scrittura a livelli altissimi. "Sono solo canzonette" come canta il suo idolo di sempre, ma sono grandi canzonette. "Buona fortuna" una splendida canzone su un amore finito con un assolo finale infinito (e meraviglioso) e un andamento leggermente funkeggiante, quasi anni '70. Il funk torna preponderante in "Esci piano", splendido esperimento che mescola il funk, appunto, con il blues. Una bellissima canzone anche qui su un amore finito, ma cinica e cattiva com' giusto forse essere a volte.
Non c' solo amore finito: "Vieni qui" e soprattutto "Cos come sei" sono splendide canzoni d'amore "presente", mai troppo melense ma decisamente commoventi. Ci sono poi le solite canzoni "divertenti" alla Britti; in questo caso "Venite tutti a Roma" una specie di pubblicit turistica della capitale.

Qui Britti al massimo. Scrive bene, arrangia ancora meglio e suona benissimo. La chitarra la sua, si sente benissimo, e anche il resto dell'arrangiamento contribuisce a fare di questo disco un capolavoro. Purtroppo non ripetuto, ma ci si accontenta.
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando