Visualizza messaggio singolo
  #2  
Vecchio 03-02-2018, 11.31.39
L'avatar di decly2002
decly2002 decly2002 non è connesso
Forumista
 
Data registrazione: 05-02-2002
Residenza: trieste
Messaggi: 20,350
decly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito

Non credo che la somma dei seggi di PD e M5S possa raggiungere la maggioranza in parlamento (e anche se la raggiungesse mi viene difficile immaginare che Di Maio e Renzi si mettano d'accordo).

Tengo in scarsa considerazione in sondaggi, ma mi aspetto che il M5S risulterà primo partito in percentuale, e che la coalizione di centro-destra sarà largamente maggioritaria.
Se la suddetta coalizione avrà i numeri avremo un governo con premier mr.x, perché né Salvini né Berlusconi finiranno a palazzo Chigi.

Se invece il centro-destra mancasse la maggioranza allora, ragionevolmente, Di Maio, in quanto leader del primo partito, avanzerà le sue pretese di fare il primo ministro e dovrà cercarsi però un congruo numero di deputati disposti a votarlo. Attualmente vedo solo due partiti disposti a questa operazione: Lega e Liberi e Uguali. Per logica uno esclude l'altro. Poiché LeU otterrà un numero di voti modesto, Di Maio sceglierà la Lega. Ma basterà per la maggioranza?

Se nessuna delle due sopra raggiungesse la magica soglia di 316 deputati, allora resteranno in campo due o tre soluzioni. Prima: Gentiloni non si dimette e resta capo del governo*, cercandosi la maggioranza di volta in volta, resiste un annetto e poi si rivolta. Seconda: grande ammucchiata con primo ministro un tecnico (ma chi?), anche qua durata breve e si torna a votare. Terza soluzione, si rivota praticamente subito (ottobre?) e magari si rimescolano un po' le carte nelle coalizioni.

Insomma, complessivamente un quadro piuttosto miserabile.
Nel frattempo l'economia mondiale si risolleva ovunque e qua non ne sappiamo approfittare.



Ciò detto, io che farò il 4 marzo?
Per chi dovrei votare?
Non ne ho la più pallida idea e mi piacerebbe essere capace di fregarmene.







* spesso vedo gente sbalordita quando scopre che la legge italiana prevede che il parlamento va rinnovato almeno ogni cinque anni, ma che il governo non "scade" con il parlamento.
__________________
l'indifferenza è il più grave peccato mortale...

Ultima modifica di decly2002 : 03-02-2018 alle ore 11.35.05
Rispondi citando