Visualizza messaggio singolo
  #594  
Vecchio 05-01-2018, 00.06.30
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non  connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Mele Island
Messaggi: 45,029
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito

Dopo quindici ascolti sono in grado di parlare un po' meglio del disco.
Dunque: tendenzialmente non mi piaciuto molto. L'ho trovato coraggioso (soprattutto in questo periodo storico), non l'ho trovato paraculo, ma tendenzialmente non mi piaciuto. Colpa mia, nel senso: lui c'ha provato, ma con me non ce l'ha fatta. Un po' colpa del genere, un po' che secondo me a lui questo genere non riesce (adoro i lenti d'amore, ma i suoi non mi sono mai piaciuti).
Provo a scrivere traccia per traccia:
Oh, vita! un po' un depistaggio. Non c'entra quasi niente col resto dell'album, molto autoreferenziale (e non un pregio) quando il resto del disco si apre al mondo, e sentirgli dire sempre le stesse cose su se stesso, quando l'ha fatto in modi molto pi divertenti in pezzi come Come parli l'italiano e La Bohme non fantastico.
Sbagliato un pezzo che avrei trovato imbarazzante, come incedere, come andatura (viene catalogato come "folk" da Rubin) se non fosse che ha un bel testo. un pezzo totalmente alla non-Lorenzo, almeno musicalmente, ma non mi dispiace.
Chiaro di luna non mi piace per niente. un lento d'amore, anche banalotto, e il suo essere nudo, completamente nudo (nell'arrangiamento ma non solo) fa sentire tutti i difetti di intonazione di Lorenzo. Sar anche vero che la bellezza nell'imperfezione, ma qui non mi prende proprio.
In Italia divertente. C' Tony Allen che fantastico, viene citata Catania, e poi il pezzo in generale divertente. Un po' di arrangiamenti stile Quinto Mondo, ma il testo tutto un'altra cosa. Non politico, ma simpatico. Il vocoder, almeno in questo caso, non troppo fastidioso.
Le canzoni mi piace. tunz tunz senza essere tamarra, le strofe sono tristissime ed il contrasto mi piace. Poi il ritornello esplode melodicamente ma non esplode ritmicamente, per fortuna. La conferma che Canova lontano.
Viva la libert simpatica e niente di pi.
Navigare pesantissima. L'arrangiamento la rende noiosissima, ma tutto il pezzo ad essere noioso per me. L'ultima strofa sembra quasi Brunori, ma il peggior Brunori.
Ragazzini per strada ha un bel ritornello ma le strofe sono noiose. Almeno, a me danno quest'effetto.
Quello che intendevi viene spacciata per la nuova Il gioco del mondo, ma per me solo un bel pezzo, molto diverso da quello. Il ritornello, per, secondo me non ha senso (mentre le strofe mi piacciono).
SBAM! la adoro. Alterna uno splendido reggae (lo preferisco a quello di Temporale, troppo nervoso per me) ad un'elettronica esplosiva ma, di nuovo, non tamarra. La frase sulla religione come polvere da sparo la migliore del disco.
Amoremio ha un difetto gigantesco e uno piccolino. Quello gigantesco l'autotune, che la rende decisamente inascoltabile ( proprio un fastidio fisico, il mio). Quello piccolino il ritmo mancato. C' il pianoforte, sembra esserci anche il basso ma manca la batteria. Se ci fosse stata anche questa avrebbe reso il pezzo funkeggiante e l'avrebbe salvato dall'oblio a cui per me destinato.
Paura di niente mi piaciucchia. Mi piace molto il ritornello, con la frase sulla fine della festa; mi piacciono meno le strofe, astratte senza un motivo preciso. La nudit, in questo caso, mi piace.
Affermativo molto politica in questo momento, e lo senza essere "sguaiata" come nel Quinto Mondo. un pezzo maturo, anche l'arrangiamento lo . Peccato che il ritornello in stile mariachi suoni ridicolo alle mie orecchie.
Fame mi piace. Ha un bel ritmo cattivo, il testo a tratti casuale ma ci sta, e la coda strumentale mi piace e rende il disco ancora meno commerciale. Quasi blues con la chitarra di Onori che ripete un riff splendido.

Risultato: tendenzialmente non mi piace. Ci sono molti ottimi spunti ma ci sono altrettanti pezzi insapori e pochissime cadute di stile. Peccato. Ma molto meglio dell'ultimo disastro.
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando