Discussione: Carta Azzurra
Visualizza messaggio singolo
  #7701  
Vecchio 27-01-2019, 20.15.06
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non  connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Mele Island
Messaggi: 43,144
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito l'isola deserta: the cardigans - long gone before daylight

In Italia, probabilmente, i Cardigans sono conosciuti principalmente per due canzoni: "Erase/rewind" e "My favourite game", entrambe contenute nel loro quarto album, Gran Turismo. Che, per la cronaca, un grandissimo album, quello "elettronico", cupo e inquieto come pochi. Sarebbe stato certamente in questa lista se solo non ci fosse stato Long Gone Before Daylight. Quest'ultimo, infatti, merita addirittura di pi.
Lo fa perch riesce a trasformare i Cardigans in una rock band completa, dopo i primi tre album di pop simpatico ma innocuo ed un terzo album di elettro-pop angosciante. Il quinto album, come il sesto (qualitativamente inferiore, per), il disco delle chitarre elettriche. Niente rumore n ne "wall of sound", per: semplicemente, il suono delizioso.

Basti ascoltare, ad esempio, l'iniziale "Communication", una bellissima canzone sui problemi di comunicazione tra persone diverse. Il rock non esplode mai, rimanendo sempre strisciante, ma Nina Persson espressiva come poche e riesce quasi a commuovere. I pezzi commoventi, quelli che parlano al cuore, sono parecchi: "And then you kissed me", canzone la cui interpretazione cambia ad ogni ascolto (devo ancora decidere se parli di un amore violento o di un amore inaspettato); "Feathers and down", ipnotica; e la conclusiva "03:45 no sleep", chiusura perfetta di un album meraviglioso, con il racconto di una notte insonne e di tutti i pensieri che si fanno mentre non si riesce ad addormentarsi. Nina Persson strepitosa in quest'album, e i suoi compagni di band fanno lo stesso.
E lo fanno, per la prima volta, affidandosi anche al rock: il riff elettrico di "A good horse" strepitoso ed incita a cantare a squarciagola, e lo stesso accade in "Live and learn", inno femminista al libero uso del proprio corpo. Inaspettata come svolta, certamente, ma estremamente gradevole.
Anzi, meravigliosa.
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando