Discussione: Carta Azzurra
Visualizza messaggio singolo
  #7720  
Vecchio 05-02-2019, 04.45.40
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non  connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Mele Island
Messaggi: 43,147
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito l'isola deserta: ride - weather diaries

Stavo per iniziare a scrivere questa recensione, poi mi sono ricordato di averla gi scritta, quando a dicembre del 2017 ho recensito un disco al giorno; ogni giorno un disco uscito quell'anno, per vedere chi avrebbe poi vinto il premio disco dell'anno.
L'ha vinto Weather Diaries.
La recensione era questa:
Teoricamente le aspettative derivanti da una reunion dovrebbero essere pressoch nulle, soprattutto nel caso in cui la band in questione, dopo quattro album pubblicati negli anni '90, sia stata inattiva per vent'anni prima di pubblicarne un quinto.
Oltretutto, ma questa una nota personale, chi scrive non conosceva i Ride prima di quest'anno, e quando ha iniziato a scoprirli, e ad adorarli, ha poi scoperto che negli stessi mesi veniva pubblicato questo quinto album di inediti, ascoltato per solo verso fine anno.
Tolte le premesse, non c' molto da dire se non che questo disco un capolavoro. Un capolavoro vero, una raccolta di canzoni che attingono al pop pi puro, al jangle pop di fine anni '80 (quello del primo album dei Primal Scream, per intenderci), allo shoegaze dei loro primi album, ad un rock mai troppo cerebrale o sofisticato.
Ci sono vari pezzi perfetti: l'introduzione chitarristica e poi lo svolgimento dell'iniziale Lannoy Point, il riff "sbilenco" e lo svolgimento drittissimo della splendida Charm Assault, la straordinaria malinconia affogata nel rumore bianco della title track, la spensieratezza romantica di Cali. Le canzoni bellissime sono tante, tantissime, e riempiono quasi tutto l'album. Restano fuori solo un paio di pezzi, come Home Is A Feeling, che non sono certo brutti o non godibili, forse semplicemente trascurabili.


Aggiungo che l'album ancora un capolavoro, e che probabilmente il loro secondo album, Going Blank Again, altrettanto bello. Ma Weather Diaries l'album dell'epifania, uno dei rarissimi album che hanno vinto il premio disco dell'anno senza che avessi mai sentito parlare di quel gruppo in precedenza, e allora un disco speciale.
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando