Discussione: Carta Azzurra
Visualizza messaggio singolo
  #7728  
Vecchio 09-02-2019, 04.53.15
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 43,147
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito l'isola deserta: motel connection - a/r andata e ritorno o.s.t.

C'ho pensato un attimo di troppo. Ho letto il nome "Motel Connection" e ho pensato che c'è un loro disco che ho vissuto in una maniera incredibile, legandolo all'attesa di una notte e poi alla notte stessa. Uno dei segnalibri più potenti della mia vita, un disco che ascolterò tra quarant'anni (se sarò ancora vivo) mi ricorderà sempre quello che mi ricorda ascoltarlo. In breve, "Do I Have A Life?", che però non è il mio disco da isola deserta. Non è perfetto, non è un capolavoro, è troppo legato a qualcos'altro. La colonna sonora del film "A/R Andata E Ritorno", invece, lo è.
Dopo un primo album danzereccio (nonché colonna sonora del primo film di Marco Ponti) il secondo doveva essere inevitabilmente simile. Per certi versi lo è, perché ci sono un sacco di pezzi danzerecci, ma poi ci sono i capolavori che non ti aspetti. L'iniziale "Queen of sugar" è il lentone che i Subsonica non sono mai riusciti a scrivere, con Samuel emozionato ed emozionante ed un'inedita sezione ritmica formata da Ninja dei Subsonica alla batteria e Roberta dei Verdena (all'epoca fidanzata di Samuel) al basso. Un lentone strappalacrime e inaspettato.
Subito dopo, Dreamer. Danzereccia, ma con un uso molto intelligente delle chitarre, cosa che capita poi anche in altri pezzi sempre a cassa dritta. Ma, a parte questi ultimi, ci sono diverse sorprese: Waxwork, con la collaborazione di alcuni membri dei Linea 77, è un pezzo che scimmiotta (copia?) i Red Hot Chili Peppers in maniera incredibile. La cover di "The power of love" dei Frankie Goes To Hollywood, che vede la collaborazione di Manuel Agnelli degli Afterhours alla chitarra e alla seconda voce, è commovente come poche altri pezzi del gruppo.
Il resto è principalmente dance, ma una dance intelligente e in gran parte suonata. Il film di cui è la colonna sonora è splendido e andrebbe visto di per sé, ma in più la colonna sonora è meravigliosa e si sposa benissimo con la pellicola.
Da avere.
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando