Discussione: Io sto con Emergency
Visualizza messaggio singolo
  #47  
Vecchio 14-04-2010, 14.27.03
L'avatar di Puffetta
Puffetta Puffetta non è connesso
Forumista
 
Data registrazione: 27-06-2002
Residenza: Ad Ovest di Paperino
Messaggi: 13,257
Puffetta reputazione TermoNucleareGlobalePuffetta reputazione TermoNucleareGlobalePuffetta reputazione TermoNucleareGlobalePuffetta reputazione TermoNucleareGlobalePuffetta reputazione TermoNucleareGlobalePuffetta reputazione TermoNucleareGlobalePuffetta reputazione TermoNucleareGlobalePuffetta reputazione TermoNucleareGlobalePuffetta reputazione TermoNucleareGlobalePuffetta reputazione TermoNucleareGlobalePuffetta reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da lorenzo1992 Visualizza messaggio
Io non ho mai attaccato nessuno sulla base di un sentimento politico non conforme al mio e grazie a Dio non serve essere "cresciutelli" come te per non cadere in quest'errore!
Siamo partiti da una domanda: Emergency, ong indipendente, è un'associazione molto cara alla militanza di sinistra. Perchè?


Ed io ho risposto, dando una visione dei fatti: a sinistra c'è molta più attenzione a queste vicende. L'associazionismo è un valore molto sentito a sinistra, la solidarietà, l'aiuto delle categorie più deboli, l'impegno personale in determinati ambiti collettivi (come un'ong, un partito, un collettivo studentesco...) sono valori di sinistra. E devi intendere la parola sinistra come un agglomerato di questi valori, non come un insieme di partiti. Quelli vengono dopo e non rispondo certo io delle loro attività!
Ti ho fatto degli esempi pratici: chi è in emergency, partendo da Gino Strada e arrivando all'ultimo iscritto, è spesso simpatizzante o militante a sinistra. Lo stesso accade per altre associazioni del genere.

Da qui a dire (o a interpretare) che a sinistra ci sono i buoni e a destra i cattivi ci vuole un bel coraggio!


Poi per rispondere all'ultima provocazione: la cultura non è di sinistra!!!
Sicuramente il libero schierarsi di intellettuali, artisti ecc a sinistra, nel corso degli anni ha dato a questa parte politica (intendo sempre corrente politica, cioè valori, cioè ideali, e non partiti) un eredità culturale non indifferente. Qualche nome? Si parte con Majakowskij a inizio secolo, si prosegue con il manifesto degli intellettuali antifascisti in Italia, poi Calvino, Gaber, Guccini, De Gregori, Orson Welles, Neruda, Pierpaolo Pasolini e personaggi decisamente più recenti (lo stesso Jovanotti, non ha mai nascosto le sue simpatie a sinistra) come Caparezza, Pelù o Ligabue. Molti musicisti (per alcuni sicuramente il termine "intellettuale" è sicuramente prematuro), ma anche letterati e artisti.

Non vorrei che ora, in malafede, qualcuno interpretasse tutto quello che ho scritto sopra riassumendolo in un falso concetto del tipo "la cultura è di sinistra, a destra solo ignoranti!", io non l'ho mai detto ne pensato!
No infatti, tu non hai attaccato nessuno sulla base di un sentimento politico, io questo non l'ho mai detto. Ma continuo a non condividere il tuo pensiero circa il fatto che a sinistra c'e' piu' attenzione per certe problematiche.
In ogni caso non e' un problema. Possiamo anche chiudere qui.
__________________
"What do we do Charlie?"
"Smile."


...now the feelings are right where you saw forever is right where we were...Hollywood 15/02/05...

"Ti insegnano a non splendere. E tu splendi, invece..."
Rispondi citando