Discussione: Io sto con Emergency
Visualizza messaggio singolo
  #8  
Vecchio 12-04-2010, 11.28.20
L'avatar di Puffetta
Puffetta Puffetta non Ŕ connesso
Forumista
 
Data registrazione: 27-06-2002
Residenza: Ad Ovest di Paperino
Messaggi: 13,257
Puffetta reputazione TermoNucleareGlobalePuffetta reputazione TermoNucleareGlobalePuffetta reputazione TermoNucleareGlobalePuffetta reputazione TermoNucleareGlobalePuffetta reputazione TermoNucleareGlobalePuffetta reputazione TermoNucleareGlobalePuffetta reputazione TermoNucleareGlobalePuffetta reputazione TermoNucleareGlobalePuffetta reputazione TermoNucleareGlobalePuffetta reputazione TermoNucleareGlobalePuffetta reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da FRA Visualizza messaggio
Emergency, accuse agli arrestati
Gli afgani frenano: inchiesta aperta


KABUL - C'Ŕ una battuta d'arresto nella vicenda che riguarda i tre operatori di Emergency fermati, con altre sei persone, a Lashkar Gah in Afghanistan con l'accusa di aver partecipato a un complotto per uccidere Goulab Mangal, governatore della provincia di Helmand. Fino a poche ore fa si era parlato di una presunta confessione dei cooperanti, stando alle parole del portavoce della stessa provincia, Daoud Ahmadi, citato dal Times. Ma Kabul frena: l'inchiesta dei servizi di informazione afgani sulla vicenda Ŕ ancora in corso, dichiara all'agenzia di stampa Ansa il portavoce del ministero dell'Interno a Kabul, Zamaray Bashary: "Le indagini continuano e - ha precisato - per il momento non si pu˛ fare alcuna ipotesi sugli sviluppi". Matteo Dell'Aira, infermiere e coordinatore medico, il chirurgo d'urgenza Marco Garatti, veterano dell'Afghanistan e il tecnico della logistica Matteo Pagani sono in stato di fermo in una struttura dei servizi di sicurezza afgani. L'ambasciatore italiano a Kabul, Claudio Glaentzer, li ha incontrati e li ha trovati "in buone condizioni"; a lui le autoritÓ afgane avrebbero assicurato un'indagine "rigorosa e spedita".

La precisazione di Kabul. Peraltro Ŕ lo stesso Ahmadi a smentire, o quanto meno a correggere il tiro sulle proprie dichiarazioni. Contattato da Il Giornale, precisa: "Non ho mai accusato gli italiani di Emergency di essere in combutta con al Qaeda, ho solo detto che Marco (Garatti, il chirurgo della ong, ndr) stava collaborando e rispondendo alle domande". Ahmadi ha aggiunto che il presunto attentato "Ŕ responsabilitÓ di alcuni individui", "questo non significa che l'intero ospedale di Emergency doveva portare a termine la missione. Spero che gli italiani collaborino con noi per fare pulizia di certa gente con intenti criminali", ha aggiunto.

Tensione Strada-Farnesina. Il ministro degli Esteri italiano, Franco Frattini,"prega" che nessun italiano abbia direttamente o indirettamente compiuto "atti di questo genere", "sarebbe una vergogna per Italia". Emergency definisce "ridicole" le accuse delle autoritÓ afgane. Secondo Gino Strada "si tratta di una sporca manovra" finalizzata a estromettere Emergency dal sud dell'Afghanistan, una "guerra preventiva" per "togliere di mezzo un testimone scomodo prima di dare il via ad un'offensiva militare". Durante una conferenza stampa a Milano, il fondatore di Emergency ha fatto riferimento a "un video che mostra la presenza, fuori e dentro l'ospedale, delle truppe Isaf", circostanza che confermerebbe il coinvolgimento della Nato nella vicenda - ieri un portavoce dell'Alleanza aveva smentito la partecipazione dell'Isaf attribuendo ogni responsabilitÓ ai servizi di sicurezza afgani.



Il sottosegretario agli Esteri, Alfredo Mantica conferma la presenza di truppe Iasf ma, quanto alle accuse contro Emergency, si dice "perplesso" sul fatto "che la veritÓ dia ragione a Gino Strada" e sostiene che l'ong fa "troppa politica". Pi¨ tardi lo stesso Frattini rincara la dose: "Quelle di Strada sembrano dichiarazioni politiche, non quelle di un medico che vuole salvare la vita alla gente".
Eh si certo, Gino Strada fa troppa politica...facessero tutti "politica" cosi'...
Quando il Sig. Mantica avra' messo in piedi quello che ha messo in piedo Gino Strada forse potra' permettersi di fare certe illazioni.
__________________
"What do we do Charlie?"
"Smile."


...now the feelings are right where you saw forever is right where we were...Hollywood 15/02/05...

"Ti insegnano a non splendere. E tu splendi, invece..."
Rispondi citando