Discussione: Riforma Costituzionale
Visualizza messaggio singolo
  #3  
Vecchio 15-04-2016, 06.00.37
L'avatar di xigix
xigix xigix non Ŕ connesso
Forumista
 
Data registrazione: 15-11-2000
Messaggi: 1,652
xigix reputazione Stellare !!!xigix reputazione Stellare !!!xigix reputazione Stellare !!!xigix reputazione Stellare !!!xigix reputazione Stellare !!!xigix reputazione Stellare !!!xigix reputazione Stellare !!!xigix reputazione Stellare !!!xigix reputazione Stellare !!!xigix reputazione Stellare !!!xigix reputazione Stellare !!!
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da PENSIERI POSITIVI Visualizza messaggio
Allora,....
l'analisi della riforma deve essere valutata anche considerando la legge elettorale (che prevede un premio di maggioranza ma non prevede preferenze e praticamente crea una maggiornaza parlamentare asservita ad un solo uomo..chiunque sia)

Considerando appunto la legge elettorale e l'astensione in continuo aumento dell'astensionismo si potrebbe ottenere il 51% dei seggi con il voto del 15% della popolazione

Inoltre visto che il capo partito che ottiene la maggioranza del parlamento sarebbe anche capo del governo (ed avrebbe diritto all'elezione del Presidente della Repubblica e dei giudici dell corte costituzionale)

A tutto questo si aggiunge anche un altro pericolo...Sulla scia di fatti particolari con l'onda emotiva forte ( e magari creata ad arte da giornalisti compiacenti che in italia abbondano) potrebbero venire votati provvedimenti poco democratici immediatamente validi (es. Attentato terrorista che porta ad una legge molto limitativa delle libertÓ)

Tutto questo a prescindere da chi vada al potere, che potrÓ pure essere il figlio di Gandhi e Madre Teresa ma resta pericoloso
mi sembra un quadro quantomeno esagerato.
il premio di maggioranza serve ad eliminare il solito problema della governabilitÓ e si ottiene con il 40% dei voti in prima battuta. se non si raggiunge questa soglia allora i due partiti si "scontrano" e chi vince prende la maggioranza. poi non Ŕ che si rimane al potere fino all'arrivo di una rivoluzione. dopo il periodo normale di governo si rivota.
sicuramente molti aspetti sono migliorabili e vanno criticati per˛ Ŕ un passo avanti vista la legge elettorale che abbiamo adesso.
Rispondi citando