Visualizza messaggio singolo
  #13  
Vecchio 06-10-2016, 22.25.38
L'avatar di decly2002
decly2002 decly2002 non è connesso
Forumista
 
Data registrazione: 05-02-2002
Residenza: trieste
Messaggi: 20,534
decly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito

L'analisi di De Benedetti, ovviamente, è di parte.
La nuova distinzione che si sta creando fra sistema e anti-sistema, invece che destra-sinistra, è una cesura che mi spiazza, dato che molti aspetti dei partiti anti-sistema mi sembrano ideologicamente più accattivanti e "giusti" di quelli dei grigi partiti di sistema. D'altra parte non mi seducono le rivoluzioni e temo le grandi incognite che portano, dato che, storicamente, dopo un Lenin c'è uno Stalin e dopo un Robespierre c'è un Napoleone. E non è detto che i Lenin e i Robespierre siano tanto meglio degli Stalin e dei Napoleone.
Alla base di tutto c'è senz'altro la crisi economica devastante che ci ha travolti e da cui non sembra si riesca a uscire. Le popolazioni dei paesi occidentali hanno conosciuto un brusco stop che ha spinto sempre più elettori a non votare. Perché, tuttosommato, i partiti anti-sistema, numericamente, non sono cresciuti più percentualmente che numericamente, poiché gli elettori "estremi" sono più costanti nell'andare ai seggi.
Senza una ripresa economica, però, la proposta anti-sistema sarà sempre più seduttiva, tanto più se associata alla questione dei migranti, che sarebbe stata senz'altro meglio digerita in un contesto di boom economico piuttosto che di stagnazione.

Ora, probabilmente, Trump non la spunterà. Questa sarebbe una buona notizia.
Nel frattempo però in Francia la Le Pen bussa alle porte dell'Eliseo. Il sistema francese non la favorisce. Più probabilmente in Austria eleggeranno un presidente della repubblica neo-nazista, anche se si tratta di una figura con scarsi poteri, dato che vige un sistema parlamentare e non presidenziale. Ma sarebbe un pessimo segnale.
Qui poi c'è questo schifo di referendum (personalmente ancora non so che fare) che il premier ha maldestramente gestito così da gettare le basi per una lunghissima instabilità politica che rischia di rendere ancora più traballante la situazione socio-politico-economico.

Il futuro è pieno di chiaro-scuri. Dopo la brexit inizio a pensare che potremmo davvero assistere a mutamenti più o meno rapidi, che potrebbero modificare le nostre abitudini quotidiane oltre a quanto immaginiamo. D'altro canto una signora russa con cui ho avuto occasione di bere un caffè mi ha detto che dalle sue parti si baratta volentieri un po' di democrazia con una pancia un po' più piena.

E' un mondo difficile.
__________________
l'indifferenza è il più grave peccato mortale...
Rispondi citando