Visualizza messaggio singolo
  #9  
Vecchio 04-02-2018, 18.31.04
L'avatar di decly2002
decly2002 decly2002 non è connesso
Forumista
 
Data registrazione: 05-02-2002
Residenza: trieste
Messaggi: 20,587
decly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobaledecly2002 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Denis Visualizza messaggio
altra cosa che non mi è chiara, leggo che col 40% dei voti si ha la maggioranza in parlamento. ma mi sembrava che non ci fosse nessun premio di maggioranza e quindi mi aspetterei che bisogni raggiungere il 51%. Ho letto proprio ieri la pagina wikipedia ma mi sa che m'è sfuggito qualcosa.
L'attuale legge elettorale, che porta il nome del nostro concittadino Ettore Rosato, prevede che 232 deputati siano eletti con il maggioritario e 386 con il proporzionale. Uno si aspetterebbe dunque di votare con una scheda per il maggioritario e un'altra per il proporzionale (tipo come capita alle comunali, dove potresti votare per un partito e per sindaco quello dell'altra coalizione). Invece c'è una scheda unica. Dunque ci si aspetta che chi prende circa il 40% dovrebbe riuscire ad aggiudicarsi la maggioranza, dato che siamo in un sistema non bipolare (perché se così fosse chi prende il 40% perderebbe contro l'altro che prenderebbe il 60%).

Secondo i sondaggi che girano i 232 eletti al maggioritario andranno in grandissima parte al centro destra.


Qui i partiti di destra si son dimostrati più furbi e si palesa ancora di più la mossa di Bersani e compagnia di voler fare il maggior danno possibile a Renzi. Infatti il sistema premia le coalizioni ma non le vincola mica a governare assieme. Salvini e Berlusconi, in realtà, non vanno daccordo su moltissime cose. Ma intanto pensano a eleggere il maggior numero possibile di deputati, poi sono pronti a governare assieme o, meglio, con qualcuno altro (Salvini con i 5S, Berlusconi con il PD). Fossero andati separati avrebbero perso in tutti i collegi del maggioritario, così invece li vincono tutti.
Viceversa, per lo stesso principio, ma alla rovescia, Bersani & C. si sottraggono a una eventuale coalizione di centro-sinistra rinunciando a avere più eletti nel maggioritario, ma assicurandosi che ne perda altrettanti il PD. L'obiettivo è che così salti Renzi, credo. Poco importa se questo consiste nel consegnare il paese al "nemico".
__________________
l'indifferenza è il più grave peccato mortale...
Rispondi citando