Visualizza messaggio singolo
  #41  
Vecchio 12-04-2014, 19.10.46
umano umano non è connesso
Forumista
 
Data registrazione: 31-01-2001
Messaggi: 734
umano reputazione Stellare !!!umano reputazione Stellare !!!umano reputazione Stellare !!!umano reputazione Stellare !!!umano reputazione Stellare !!!umano reputazione Stellare !!!umano reputazione Stellare !!!umano reputazione Stellare !!!umano reputazione Stellare !!!umano reputazione Stellare !!!umano reputazione Stellare !!!
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da DrKing Visualizza messaggio
Domanda 14

Lorenzo quando potremo vedere organizzato un tour nel quale la fruizione possa essere garantita davvero a tutti bypassando le consuete inutili regole e abitudine nella collocazione degli spettatori? Mi riferisco, lo sai bene, alle persone con disabilità più o meno gravi. E inoltre Lorè ho in mente un progetto x portare il tuo spettacolo a chi nn può raggiungerti. Ne parliamo?
ciao giovanni!
è una questione complessa sulla quale si sono fatti molti passi avanti negli anni anche se siamo lontani da un punto di arrivo vero e proprio. Fino a qualche anno le persone con qualche disabilità semplicemente nemmeno valutavano o no l'idea di partecipare a un concerto, la questione veniva banalmente rimossa da tutte le parti coinvolte. Poi grazie al cielo è iniziato il cammino che ha portato a leggi, regole, evoluzioni, contrasti, campagne di sensibilizzazione ecc. ecc.
Come sai bene un concerto non ha un "padrone" ma esiste grazie alla collaborazione di molti soggetti diversi: la produzione, l'agenzia, il luogo del concerto, il comune che lo ospita, il privato che mette a disposizione la struttura, le assicurazioni, i vigili del fuoco, la pubblica sicurezza, le strutture sanitarie, i sindacati, le associazioni di categoria, il cantante ecc. ecc.
Non tutti gli interessi umani ed economici di queste parti convergono, ma oggi si cercano di armonizzare in nome di un diritto semplice, quello di chiunque a partecipare a un concerto senza restrizioni dovute a disabilità. La parte più importante la possiamo fare noi due, cioè tu, in quanto parte interessata, e io in quanto artista, ma non possiamo imporre nulla alle altre parti, perché ci sono le leggi, possiamo però solo cercare di ottenere il massimo, e sempre alzare l'asticella dell'accesso e dei diritti, chiedere che questa cosa sia sempre tenuta in considerazione come priorità. Io da parte mia ogni volta mi faccio sentire, per poi avere sorprese positive e negative, dipende dalle città, ma ho visto negli anni cambiare il meglio questa situazione e sono sicuro che questo processo di cambiamento non si fermerà, a maggior ragione se persone come te continueranno con intelligenza e sensibilità a farlo presente a chi di dovere, tra i quale i ci sono anche io, non mi sottraggo al mio ruolo.
Ti abbraccio bello mio, spero di vederti presto!
Rispondi citando