Discussione: Carta Azzurra
Visualizza messaggio singolo
  #7750  
Vecchio 18-02-2019, 23.53.50
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 43,332
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito le storie che mi raccontano

Bea e il suo ragazzo si sono lasciati.
Si conoscono di vista da sempre ma hanno iniziato a frequentarsi solo alla fine dell'estate 2017: entrambi avevano una storia lunga alle spalle (con convivenza nel caso di lui) a cui era seguito un periodo di "avventure", molto limitate per lei, decisamente libertine per lui. Poi si sono messi insieme e si sono legati.
Lui è decisamente l'anti-intellettuale, e in famiglia ci si chiedeva come mai lei si fosse messa con lui dopo aver lasciato l'ex proprio per il suo non essere intellettualmente stimolante; la mia risposta, semplicissima e che continuo a condividere, è che lei evidentemente non deve avere bisogno di una persona intellettualmente stimolante, e che non c'è niente di male in questo. Forse si era stancata dell'ex, ma adesso con il nuovo ragazzo le cose sembravano andare a gonfie vele.
C'andavano davvero, in effetti: lui aveva comprato anche casa, teoricamente solo per sé ma era pronto ad accogliere anche lei. Io e lui non abbiamo mai parlato molto, ma ci stavamo reciprocamente simpatici nella diversità dei nostri ruoli nella vita di Bea; la scorsa estate sono venuti a Catania assieme a me e Vero e abbiamo passato una splendida settimana tra famiglia e tanti giri. Ho avuto modo di parlare un po' con lui, in disparte, e mi ha fatto un discorso un po' strano: mi ha detto che quando passeggia per strada e incontra uno che "Bea s'è fatto" (testuali parole) gli viene una rabbia incredibile. Strano detto da lui, che prima di conoscerla ne cambiava una a settimana, mentre lei negli anni precedenti ha avuto pochissime storielle di nessun conto e spesso mai consumate fino in fondo.

Insomma, è andata così: lui le ha fatto una scenata di gelosia perché, prendendole il telefono di nascosto, ha letto delle chat che non gli sono piaciute. Chat, per la cronaca, in cui si organizzava per il corso di nuoto con l'istruttore, o in cui rispondeva in maniera cordiale a un suo compagno di corso. La sua colpa, a detta di lui, è stata rispondere "nessuno" alla domanda "c'è qualcuno che senti?"; ma per lei "sentire" vuol dire "sentire spesso", e allora le persone che sente sono, anzi siamo, sulle dita di una mano, e sono tutte perfettamente note.
Lei gli ha fatto una scenata assurda, una scenata che si è protratta per giorni, via messaggi: ha detto che la sua fiducia è stata tradita, che si fidava ed è stato ripagato così, eccetera. Contemporaneamente, va detto, lei era sempre più sconvolta da quest'atteggiamento. Lui ha tirato la corda per giorni, e la corda a un certo punto si è spezzata. L'ha spezzata lei, e forse lui non pensava che lei potesse farlo, ma la cosa l'ha ferita talmente tanto da farle riconsiderare tutto il futuro insieme. L'ha mollato, e allora lui ha iniziato a scusarsi, a dire che aveva esagerato, che non aveva capito che lei "ha bisogno di libertà" (fondamentalmente, la libertà di rispondere a messaggi cordiali senza doverlo notificare alla persona con cui sta). Un discorso assurdo, forse, ma che poi si è unito ad altri discorsi, che mi sono stati raccontati soltanto dopo, in cui lui la accusava di qualsiasi tradimento possibile, in stile "lavaggio del cervello molto soft": secondo me mi tradisci, chissà chi vorresti farti, eccetera. Mi sembra incredibile, una volta saputo questo, che lei abbia resistito così tanto con lei.

Insomma, la storia è finita. Lui sta facendo il possibile per convincerla a tornare sui suoi passi, ma lei è rimasta così sconvolta da quei giorni, da quel martellamento incessante, da quel moralismo da quattro soldi (da che pulpito, poi) da non volere assolutamente ripensarci. Comprensibilmente, peraltro.
Certo, lei ha dovuto rinunciare ad una storia. Una storia apparentemente con un futuro, con una casa quasi pronta per andarci a stare, e invece tutto finisce. Lei è stata coraggiosa a farla finire, ma dentro di sé ha capito che non sarebbe più riuscita ad amarlo come prima dopo la scenata, visto che la scenata mostrava una serie di cose (controlli, sfuriate, sospetti) che lei non avrebbe più potuto accettare.

E adesso è tutto da gestire da capo.

(post scritto ascoltando Gran Turismo dei The Cardigans)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando