Forum Soleluna  

Torna indietro   Forum Soleluna > Forum Classici

Rispondi
 
Strumenti discussione Modalità visualizzazione
  #8361  
Vecchio 25-06-2020, 19.34.01
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 44,102
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito if I (don't) tolerate this...

Pensavo che andando avanti nel percorso della vita si diventasse più tolleranti, più accondiscendenti, si smussassero gli spigoli e si fosse più accomodanti nei confronti degli altri, soprattutto di chi la pensa diversamente da sé.
Mi sono accorto, ma magari è solo il mio caso, che non è così.

Ieri sera è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, con la particolarità che io sono sia la goccia sia il vaso. Mi è stata raccontata una cosa e ho espresso la mia contrarietà, e mentre cercavo di filtrare le mie critiche (era una stronzata, davvero), in realtà ero indignato e mi dicevo "ma davvero si possono fare stupidaggini del genere?".
Lo ripeto, era proprio una stronzata, e non scrivo cosa perché tra dieci anni, quando quoterò questo post, spero di essermelo dimenticato. Ma la cosa preoccupante era proprio questa: era una stronzata ma mi sono indignato come se mi avessero raccontato storie ben peggiori.

Non dobbiamo essere tutti uguali, il mondo è bello perché è vario e queste non sono solo frasi fatte. Chissà perché ieri sera mi è presa proprio così, chissà perché ho reagito (dentro di me, perché fuori di me ho lasciato trasparire soltanto una leggera contrarietà) in maniera così forte.
Forse sto crescendo, o forse sto soltanto invecchiando.

(post scritto ascoltando Turning Lead Into Gold With The High Confessions dei The High Confessions)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8362  
Vecchio 25-06-2020, 19.58.32
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 44,102
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito preludio alla città fantasma

Il prossimo post che scriverò si chiamerà "la città fantasma". Sarà lunghissimo, immagino, e sarà emotivamente fortissimo.
Ma da quando ho elaborato la mia teoria sulle "città fantasma", ho capito che devo metterlo nero su azzurro per smettere di pensarci.
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8363  
Vecchio 28-06-2020, 13.43.53
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 44,102
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito la città fantasma

Nella mia vita ci sono tre luoghi, diversi tra loro (diversi soprattutto per "il modo per cui sono definiti luogo"), che sono tre città fantasma. Così come sono diversi i luoghi, sono diversi anche i motivi per cui sono città fantasma. Sono accomunati dall'esserlo, ma sono molto diversi.

Il primo luogo è Catania. Dunque, Catania è una città, quindi ci sta che sia considerato una "città fantasma". Il punto è che, ovviamente, Catania è una città perfettamente viva, in cui le persone continuano a vivere, a lavorare, a divertirsi, ad andare al mare, eccetera. Con l'eccezione del lockdown, ovviamente, ma questo concetto della città fantasma mi accompagna da un po'. Nonostante sia una città abitata (anche da persone a me carissime, come familiari ed amici) per me Catania è diventata una città fantasma, cioè popolata da fantasmi. Ormai ci torno relativamente poco, e chissà quanto spesso potrò tornarci con le nuove restrizioni, ma ogni volta che ci torno, soprattutto quando passeggio per le strade di sera, ho sempre questa sensazione. Passeggio e sento l'eco della Catania che ho vissuto e che non esiste più. La mia non è una lamentela del tipo "Catania è più brutta/più sporca/meno vivibile", come invece dicono altri amici espatriati. No: la mia è una lamentela del tipo "quella Catania non esiste più" perché non esiste più che ogni sabato si vada a mangiare la pizza con gli SQUOT e che si facciano passeggiate notturne in centro e che, appunto, si "viva" la città. Standoci poco non riesco più a "viverla", anche perché poi noi SQUOT ci siamo ancora ma ci siamo un po' sparpagliati, e volendo anche decimati, anche se siamo riusciti a fare un giro notturno qualche mese fa ed è stata una festa. Però, appunto, magari se non ci sono loro, e se non ci sono tutti (non ci sono MAI tutti), sento quella sensazione dei fantasmi, di una città che ho vissuto e che non vivo più. Certamente ci sono altre centinaia di migliaia di persone che la stanno vivendo, ma io non più. Ed è popolata da fantasmi, tra cui ci metto anche "il me stesso fino ai ventiquattro anni", oltre a tutti gli amici e le persone con cui ho attraversato le vie della città (e volendo della provincia, almeno dell'hinterland). Il 99% delle uscite serali della mia vita catanese l'ho fatto con gli SQUOT, ma ci sono state anche altre persone (Ale su tutte) con cui sono uscito per la mia città che adesso, invece, pullula di fantasmi.

Il secondo luogo è il forum. Si potrebbe obiettare il fatto che il forum non sia un luogo reale, ma per certi versi questo forum è (stato) "più reale della realtà". Il punto è che, come scrivevo qualche giorno fa, da qui sono passate tantissime persone, persone che poi magari non sono più passate, e insomma, il forum adesso è quasi disabitato, ma non è questo l'angolo delle lamentele. Non questo post, almeno. Però, insomma, questo forum adesso è un forum (quasi) fantasma, almeno rispetto a quello che c'è stato prima. E il suo essere fantasma è completamente diverso da Catania, anche perché c'è una fortissima differenza rispetto a un luogo "fisico": essendo digitale, qui c'è conservato quasi tutto, con l'eccezione di alcuni post cancellati e di tutta la messaggistica privata. Per il resto, comunque, tutto è perfettamente visibile, e quindi si può rileggere tutto e ricordarsi di tutto. Per fare un esempio, è come se io passeggiassi per Catania e in ogni strada vedessi gli ologrammi delle cose che sono successe lì, dagli altoparlanti uscissero le voci dei miei amici di quel tempo, che dicono le cose che dicevano a quel tempo, sul cellulare mi arrivassero i messaggi che mi arrivavano allora anziché quelli che mi arrivano adesso. Ovviamente con un luogo reale tutto questo non è possibile, ma col forum è così: c'è scritto tutto, e leggere (o rileggere) fa capire tutto quello che c'è stato.

Ecco, questa è la differenza gigantesca con la terza città fantasma, cioè "la campagna". La campagna è, in generale, il civico 6/a e tutto quello che c'è dentro, cioè le cinque (facciamo quattro) villette e la strada che le collega. Lì, l'ho scritto un miliardo di volte, c'ho passato tutte le estati fino a quella del 2010 più i capodanni dal 2003 al 2009 più svariate giornate festive più svariate nottate anche non festive. Quel luogo adesso è quasi fantasma, ormai, e soprattutto da quando anche Ale se n'è andato non sono più riuscito a tornarci senza provare un dolore lancinante, dolore che provavo anche prima ma riuscivo a stringere i denti. La campagna è il luogo in cui ho passato la maggior parte dei momenti "belli" della mia vita catanese, forse più che la città stessa. Il fatto che adesso sia in stato di semiabbandono è una cosa che mi fa malissimo, anche perché a differenza del forum i ricordi sono solo nella mia mente, e chissà, potrebbero anche affievolirsi prima o poi (col cazzo: non l'hanno fatto in dieci anni, non lo faranno mai, forse solo con la vecchiaia). Ma, appunto, è la mia terza città fantasma.

Tre luoghi diversi, per tre motivi diversi, sono le mie tre città fantasma.
Come le città invisibili, ma visibili. E spopolate. Almeno da me.

(post scritto ascoltando Folk'n'Funk dei Ridillo)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8364  
Vecchio 30-06-2020, 15.09.44
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 44,102
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito la più straordinaria canzone d'amore eterosessuale tra uomini

Ogni tanto il sito Rockol, in assenza di notizie importanti, tira fuori qualcosa dall'archivio. Stamattina, ad esempio, ha detto quali sono "le canzoni dei Clash preferite da Mick Jones", che dei Clash era chitarrista e seconda voce, anche se oscurato (almeno a livello di fama imperitura) da Joe Strummer. E insomma, ovviamente le tre canzoni sono tutte e tre tra le poche cantate da lui: c'è Train In Vain, che non apprezzo particolarmente ma grazie alla cui cover fatta dai Manic Street Preachers (bellissima!) ho scoperto i Clash, C'è Should I Stay Or Should I Go, che trovo orrenda ma che ho suonato dal vivo su un palcoscenico dieci anni e qualche mese fa; e poi c'è Stay Free.

Il 15 gennaio del 2008, quindi dodici anni e mezzo fa, ho raccontato su queste pagine azzurre la storia mia e di Martino, almeno fino a quel momento. Alla fine del racconto ho scritto queste parole:
Ascoltavo i Clash(che con lui non c'entrano proprio niente).E ho sentito una canzone simpatica.Proprio,l'aggettivo che è uscito mentre la ascoltavo è "simpatica".Una canzone secondo me triste,nonostante sia molto ritmata,ma io trovo ovunque la tristezza nelle cose.Figuriamoci nelle canzoni.Insomma,ascoltavo questa canzone,e pensavo "dai,stasera posto il video su carta azzurra".E poco fa ho detto "ma perchè non vedo il testo,così magari so di cosa parla?",convintissimo che sarebbe stata l'ennesima canzone politica dei Clash.E invece mi sono trovato davanti a un testo su un'amicizia dei tempi della scuola,e su strade che inesorabilmente si dividono.Quasi un segno del destino.

Sull'articolo di Rockol si racconta che Mick Jones scrisse Stay Free per un suo amico, un tale Crocker, che nel 2008 dichiarò al The Guardian: "Una sera venne con un'acustica e mi suonò "Stay Free". Qualcuno una volta mi ha detto che è la più straordinaria canzone d'amore eterosessuale tra uomini, ed è molto vero. È il ricordo di una band gloriosa, un tempo glorioso e un'amicizia gloriosa."
La cosa mi ha fatto sorridere, perché proprio in quel racconto del 2008 avevo scritto che Può sembrare strano che io parli in questi termini di un amico,soprattutto se di sesso maschile.Ma mi rendo conto che ci sono delle persone,nella mia vita,che tratto quasi come se fossero "fidanzate"(i nostri amici dicono sempre che io sono l'ex di martino).Ma...semplicemente sono affezionatissimo a lui.

Forse è un po' considerare i rapporti di amicizia, almeno alcuni, alla stregua di storie d'amore. Non per l'esclusività, per carità, ma forse per il benessere reciproco.
Ci sono delle persone in questa lista, e Martino è tra esse.
Anche adesso che è papà e ci sentiamo e vediamo pochissimo.

(post scritto ascoltando Tabula Rasa Elettrificata dei C.S.I.)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8365  
Vecchio 01-07-2020, 01.32.20
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 44,102
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito has my fantasy run out of delusion?

È una sensazione strana quella di questi giorni, o forse è solo la sbornia del post-compleanno e della "canzone-simbolo" che si è manifestata con una settimana di ritardo, ma ci sto restando male. Il punto è sempre quello: tenerci più dell'altra persona, eccetera. E ogni tanto penso che la cosa che ho raccontato a Bea, la forumista Bea, cioè ginetu, sui rapporti sbilanciati, in realtà fosse una cosa per coprire l'essere perdenti.
È stato una vita fa, quando forse perdente lo ero davvero. Poi, per carità, so che c'è chi lo è più di me, e non è mai stato un problema. Al massimo, una questione di prospettive.
Quindi, magari passa.

(post scritto ascoltando Grinderman 2 dei Grinderman)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8366  
Vecchio 02-07-2020, 11.07.20
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 44,102
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito ma nel profondo si fa strada un'altra voce e non dà pace

Perturbazione - Chi Conosci Davvero <--- uno dei pezzi più belli e veri di un disco bellissimo (e, spero, non verissimo)


Vorrei una nuova direzione
Hai detto a un tratto senza ragione
Come se fosse una cosa da niente
Una mia distrazione
Vorrei una nuova direzione

Facevo finta che fosse un segreto
Da condividere solo con me
Ma c’è qualcosa che ti sei scordata di fare
Tipo parlare al plurale
Singolare disattenzione

Ma dimmi chi conosci davvero
Ma dimmi, ne sei proprio sicuro
Di chi ti fidi
L’hai raccontato a qualcuno
O non lo sa nessuno?

Mi servirebbe un traduttore
Per quegli spazi tra le parole
La soluzione per leggerti come
Come una canzone
Una versione per te dove ci fossi anch'io
Tra le abitudini inevitabili
Tipo la tua attrazione
Verso una nuova direzione

Ma dimmi chi conosci davvero
Ma dimmi, ne sei proprio sicuro
Di chi ti fidi
L’hai raccontato a qualcuno
O non lo sa nessuno?

Ma dimmi chi conosci davvero
Ma dimmi, ne sei proprio sicuro
Di chi ti fidi
L’hai raccontato a qualcuno
O non lo sa nessuno?

Ma dimmi chi conosci davvero (Nessuno)
Ma dimmi chi conosci davvero (Nessuno)
Nessuno
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8367  
Vecchio 02-07-2020, 19.12.16
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 44,102
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito no fusion

Non ho idea del motivo, ma da quando io e Veronica abitiamo insieme gioco molto di più ai videogiochi rispetto a prima. Ogni tanto (tipo ieri sera) con Bea, che mi ha regalato un videogioco due anni fa a cui stiamo giocando dall'anno scorso e che non abbiamo ancora completato, ogni tanto con le loro nipotine a cui propino i miei assurdi videogiochi strizzacervelli che sembrano apprezzare, ogni tanto con la stessa Vero (bugia: non ancora, ma mi ha promesso che adesso che la scuola è finita giochiamo insieme) ma soprattutto da solo. Non so perché, appunto, visto che adesso rientro a casa alle 19.30 nei giorni lavorativi e la sera cerco di fare qualcosa con lei o di leggere un libro. Per dire, l'anno scorso (solare) ho letto sessantasette libri, e per metà anno ho convissuto con lei. Sto leggendo tantissimo, sto giocando abbastanza, e mi chiedo perché non l'abbia fatto prima. Ma ora è il momento migliore per tutto, lo so bene.

In ogni caso, sto giocando tantissimo. Per la maggior parte sto rigiocando a vecchi videogiochi, ogni tanto qualcosa di nuovo ("nuovo" relativamente, nel senso che sono giochi a cui gioco per la prima volta nonostante siano usciti diverso tempo fa), e poi due anni fa, nel mio ventennale della prima partita a Wipeout, ho deciso di giocare a tutti i Wipeout dal primo all'ultimo, anche a quelli che non avevo completato (cioè tutti: non ne avevo mai completato nessuno), anche a quelli a cui non avevo mai giocato.
E così c'è stato il primo Wipeout (giocato con Ale sulla sua Playstation nell'estate del 1998 e poi da solo sul mio pc nell'autunno dello stesso anno), poi Wipeout 2097 (giocato da solo sul mio pc la primavera e l'estate successive), poi Wipeout 64 (mai giocato in quanto non possessore di Nintendo 64) e poi Wip3out (giocato tra l'autunno del 1999 all'estate del 2002 con Claudio, il mio migliore amico dei primi tre anni di liceo). Adesso toccava a Wipeout Fusion, o meglio, sarebbe toccato a Wipeout Fusion.

I videogiochi possono essere una macchina del tempo, come lo sono i dischi (c'ho scritto un libro in fondo, no?) e anche altre forme d'arte. Ma, appunto, rigiocare ai vecchi Wipeout, almeno a quelli a cui avevo già giocato, mi ha riportato indietro nel tempo, ai miei dodici, tredici, quattordici e quindici anni. Toccava a Wipeout Fusion, poi: l'unico uscito solo per PS2, di cui non avevo l'emulatore che però mi sono procurato apposta per giocarci. Ho iniziato a giocarci sapendo che avrei scoperchiato qualcosa di più gigantesco dei dischi messi da parte dopo pochi ascolti: Wipeout Fusion è in assoluto il gioco a cui io e Ale abbiamo giocato di più, sfidandoci almeno una volta a settimana (d'estate molto di più) tra l'autunno del 2003 e l'estate del 2007 e poi nell'estate e nell'autunno del 2008. Wipeout Fusion è parte integrante della nostra storia, anzi, È la nostra storia, tant'è vero che quando abbiamo cambiato gioco (abbiamo solo cambiato Wipeout, con una versione più recente) per motivi tecnologici abbiamo continuato a giocarci con la colonna sonora di Wipeout Fusion, che probabilmente abbiamo ascoltato insieme più degli 883 (il che è tutto dire).
Ero pronto. Sarebbe stato un momento epico, visto che l'ultima partita era stata nell'ottobre del 2009, pochi giorni prima del suo matrimonio. Ero pronto. Sapevo di stare facendo qualcosa di un po' blasfemo, un po' dissacrante, ma non è questa la sede per ragionare sull'effetto della riapertura di vecchie scatole dei ricordi (cosa che ho già fatto, peraltro).

Insomma, alla fine c'ho provato, ma non ho computer sufficientemente potenti da reggere l'emulatore per PS2, o forse è l'emulatore a non funzionare bene. Su youtube i video sono fluidissimi, mentre sul mio computer il gioco non funziona tanto bene. Accelera, rallenta ed è giocabile fino a un certo punto. Così dopo un paio di partite ho alzato bandiera bianca. Chissà, forse l'ho fatto per dare ragione inconsciamente a quella parte di me che diceva "a Wipeout Fusion devi giocarci solo con Ale, solo sulla Playstation e solo in una casa che non esiste più, ergo non devi più giocarci". Anche i Wipeout precedenti erano stati abbastanza mitizzati, però davvero, come ho condiviso Wipeout Fusion ho condiviso pochissime cose, e certamente non per così tanto tempo.
C'ho rinunciato, gli ho raccontato questa cosa e poi sono andato avanti col Wipeout successivo, cioè Wipeout Pure: non c'avevo mai giocato (non ho mai avuto la PSP, il cui emulatore a differenza di quello per PS2 funziona molto bene) ma conosco a memoria la colonna sonora, che ho ascoltato parecchio quando è uscito il gioco pur non potendoci giocare (e anche un po' negli anni successivi).

Ma intanto Wipeout Fusion rimane lì, forse per sempre.

(post scritto ascoltando Weekend Al Funkafè dei Ridillo)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8368  
Vecchio 03-07-2020, 01.34.28
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 44,102
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito paradox

Ho appena finito la mia partita serale a Wipeout Pure. 20 gare, di cui 19 vinte (ma sono ancora all'inizio, il gioco è facile per ora) e quindi 20 pezzi in sottofondo, presi ovviamente dalla colonna sonora del gioco. Il punto è che la colonna sonora ne contiene solo diciotto, così mi sono chiesto cosa ci sarebbe stato dopo il diciottesimo. Sarebbero ripartiti dal primo? Certamente.
E invece no. Finito il diciottesimo è successa una cosa che non mi aspettavo. È partito un altro pezzo, un pezzo che ho riconosciuto subito ma che mi ha fatto entrare in un tunnel spazio-temporale diverso da quello in cui mi stavo trovando (anche se, appunto, essendo la prima volta che gioco a Wipeout Pure non c'è nessun tunnel e nessuna macchina del tempo). Il pezzo era Cairodrome, cioè il primo pezzo della colonna sonora del primissimo Wipeout, quello del 1995 e a cui ho giocato con Ale, e poi da solo, nel 1998. Quello che ha dato il via a mille cose: il mio amore per la musica elettronica, il mio amore per Wipeout, la condivisione del gioco con Ale. E questo pezzo è spuntato così, a tradimento, in Wipeout Pure, uscito dieci anni dopo il primo capitolo. Ammetto di aver fatto fatica a gareggiare (poi ho vinto anche quella), con una colonna sonora così inaspettata e, volendo, straniante.

(post scritto ascoltando The Different You - Robert Wyatt E Noi di AA.VV.)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8369  
Vecchio 03-07-2020, 23.16.29
L'avatar di Gritti
Gritti Gritti è connesso ora
Forumista
 
Data registrazione: 15-09-2011
Residenza: L'universo
Messaggi: 3,077
Gritti reputazione TermoNucleareGlobaleGritti reputazione TermoNucleareGlobaleGritti reputazione TermoNucleareGlobaleGritti reputazione TermoNucleareGlobaleGritti reputazione TermoNucleareGlobaleGritti reputazione TermoNucleareGlobaleGritti reputazione TermoNucleareGlobaleGritti reputazione TermoNucleareGlobaleGritti reputazione TermoNucleareGlobaleGritti reputazione TermoNucleareGlobaleGritti reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito

Non so dove esultare... quindi esulto qui!
Yeaaaaaaahhhh!!!
Avanti così, contadini!
__________________
tu mi hai insegnato ad amare la mattina il pane caldo e la malinconia la bella vita quella che auguro ai miei amici, a chi si perde tra mille incroci, e a chi la augura pure a me guarda sempre in faccia il mondo e non avere paura di niente il più incredibile spettacolo di un uomo che pensava di essere da solo, poi ha incontrato te la vita comoda non fa per noi, che siamo nati con il ritmo addosso non si può scegliere un sogno, non si può scegliere!
Rispondi citando
  #8370  
Vecchio 04-07-2020, 11.25.08
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 44,102
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito senza titolo, senza parole

__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8371  
Vecchio 04-07-2020, 22.58.02
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 44,102
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito vamos a bailar

Ieri sera i miei amici nerd sono andati via da casa mia verso le due, dopo una serata passata a giocare ad Arkham Horror. Ho raggiunto Vero a letto e in lontananza ho sentito dei suoni ovattati. Ho messo a fuoco (con le orecchie, non so se esista un termine più adeguato) e ho capito che da qualche parte, probabilmente a qualche centinaio di metri di distanza, doveva esserci una festa o qualcosa di simile. La canzone che si sentiva era Gloria di Umberto Tozzi, nella sua versione originale: non c'era una cover band e non c'era neanche un karaoke. Era la canzone, e basta.
Poco dopo è partita anche Vamos A Bailar di Paola & Chiara, e lì ho pensato a vent'anni fa, a quando è uscita quella canzone (che non riesco a disprezzare) e soprattutto a quei suoni ovattati. Cioè gli stessi suoni che provenivano da Villa Soraya, la pizzeria-locale (dove Ale ha festeggiato la sua laurea quindici anni fa) e che fino a qualche anno fa era usata come dancing serale. Villa Soraya, a un paio di centinaia di metri dalle nostre case in campagna, dove passavamo ogni estate. Capitava di andare a dormire, tenere la finestra aperta e sentire canzoni ovattate, visto che comunque il locale non era proprio accanto. Tra queste, certamente, anche Vamos A Bailar.
Ho sorriso un sacco, poi mi sono addormentato. Accanto a me non c'erano i miei fratelli ma la mia compagna. Intorno a me non c'era San Giovanni La Punta ma Padova. Sono felice dove sono, e mi piace tutta la strada che ho percorso fino ad arrivare qua (semi-cit.).
E, a proposito dei vent'anni, tra poco inizierò un nuovo progetto di scrittura, qui, su queste pagine azzurre. Vediamo se mi piacerà.

(post scritto ascoltando Il Mondo Insieme A Te di Max Pezzali)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8372  
Vecchio Ieri, 12.04.28
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 44,102
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito and when it stops, it stops

My heart stops beating
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8373  
Vecchio Oggi, 01.25.19
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 44,102
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito la [storia di wipeout] fusion è complicata

Non ho idea della faccia che Ale ha fatto quando gli ho detto "sai, c'è un mio amico, che in realtà è un mio compagno di classe da un paio di anni ma solo adesso siamo diventati amici, cioè Martino, che ha un negozio di videogiochi dove ho speso un sacco di soldi nella mia vita, e insomma, mi ha prestato...te lo ricordi Wipeout, quello a cui abbiamo giocato nell'estate del 1998? Ecco, poi negli anni successivi io ho giocato ai suoi seguiti ma tu non ne hai mai saputo niente, e poi io e te abbiamo giocato al gioco della pesca per anni, sia quando eravamo semplici cugini che passavano l'estate insieme ma d'inverno si vedevano solo un paio di volte sia quando siamo diventati amici e abbiamo iniziato a sentirci ogni giorno e a vederci almeno una volta a settimana, tutto l'anno".
No, questa faccia non me la ricordo. Probabilmente per lui Wipeout sarà stato un ricordo lontano. E invece.

E invece Wipeout Fusion è diventato il NOSTRO videogioco. Tra l'autunno del 2003 e quello del 2009 c'avremo giocato centinaia di volte, sempre con lo stesso schema (torneo al meglio dei tre o dei cinque), sempre con la stessa auto (Feisar io, Van-Uber lui), rimanendo impassibili ai cambiamenti nella nostra vita. Per dire, tra il 2004 e il 2006 Ale ha avuto una relazione con una ragazza, ma questo non ci ha impedito di continuare i nostri venerdì sera, ininterrotti dal 2001, con lo stesso canovaccio di sempre: pizza da lui - serata videogiochi (la pesca prima del 2003, Wipeout Fusion dopo), nottata a chiacchierare, colazione insieme e a pranzo ritorno a casa mia. Per anni. Poi Ale si è trasferito nella sua casa in campagna anche d'inverno, e allora lì andavo anche più di una sera a settimana.

Wipeout Fusion, appunto, ha attraversato le nostre vite. Le ha accompagnate. E quando Ale si è sposato, e ho pensato che tutto fosse finito, abbiamo fatto l'ultima partita. Poi, qualche mese dopo, mi ha regalato la PS3, ho comprato il nuovo Wipeout ma c'abbiamo giocato solo con la colonna sonora del vecchio.

Questo post fa schifo, ma sarebbe stato inutile raccontare la cronologia, cosa desumibile da mille altri post, peraltro. Ma sto ascoltando i Future Sound Of London, un cui pezzo apre la colonna sonora del gioco in questione, e allora ho voluto omaggiarlo, visto che non ci sto giocando (per motivi spiegati qualche post fa) e quindi non potrei fare il "resoconto di fine gioco", come sto facendo con gli altri. E comunque non esistano parole che possano raccontare cos'è stato quel gioco per noi, e cosa è rimasto di tutto quello.

Oggi va così. Non riesco a scrivere.

(post scritto ascoltando Earthbeat dei The Future Sound Of London)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8374  
Vecchio Oggi, 18.46.15
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 44,102
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito un po' come nel 2006

Qualche giorno fa James Dean Bradfield, cantante, chitarrista e autore delle musiche dei Manic Street Preachers, ha rilasciato un'intervista riguardo il suo secondo album solista, che uscirà quest'estate, e ha fatto un parallelismo interessante. Ha detto che sia lui che Nicky Wire, che dei Manic Street Preachers è bassista, autore dei testi e cantante di alcune canzoni, stanno lavorando ad un proprio album solista, e che l'anno prossimo torneranno in pieno con la loro band, com'è sempre stato.
"Un po' come nel 2006", ha affermato.

Me lo ricordo bene il 2006. A marzo ho iniziato ad ascoltarli. D'estate avevo tutti i loro dischi e li adoravo già. In autunno aspettavo così tanto qualcosa di loro che quando uscirono i loro dischi solisti, di entrambi, li presi al volo.
Quello di James Dean Bradfield era una versione "sbiadita" dei dischi della band, mentre quello di Nicky Wire era completamente diverso, molto più sperimentale e lo-fi, e per questo di minore successo. Però, a parte il periodo iniziale (cercavo qualcosa di simile ai Manics, e cosa c'era di più simile rispetto al disco del loro cantante?), sul lungo termine ho sempre preferito I Killed The Zeitgeist di Nicky Wire, che fu anche la colonna sonora del mio unico momento di...boh, non so se si chiamasse depressione, se fosse un attacco di panico, ma fu una cosa che durò il tempo del disco e che mi lasciò una cicatrice da cui ripartire. Mica male.

In ogni caso, più che i due dischi solisti di quest'anno, aspetto ovviamente il disco della band dell'anno prossimo. Quando uscì nel 2007 lo comprai subito, lo adorai, lo "condivisi" in maniera fortissima, per poi scoprire due anni dopo, quando uscì Journal For Plague Lovers (il mio disco preferito in assoluto della storia della musica) che non era poi 'sto granché. Ma mi va bene tutto, mi mancano proprio.

(post scritto ascoltando A.C.A.U. La Nostra Meraviglia di Gianni Maroccolo)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8375  
Vecchio Oggi, 19.07.45
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 44,102
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito you said I began this messy state of [friendship] affair

Forse in qualche modo ci siamo riconosciuti, come se in qualche modo avessimo visto e letto nell'altro qualcosa che ci appartiene, e penso che sia una cosa molto bella, ecco. Quindi, non so da dove nasce ma penso nasca da questo, cioè dal fatto che stando insieme in qualche modo ci riconosciamo e ci sentiamo anche apprezzati reciprocamente.
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
Rispondi

Strumenti discussione
Modalità visualizzazione

Regole di scrittura
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 20.02.28.