Forum Soleluna  

Torna indietro   Forum Soleluna > Forum Classici

Rispondi
 
Strumenti discussione Modalità visualizzazione
  #8081  
Vecchio 15-11-2019, 20.31.08
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 43,594
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito questo non è un post di politica

Qualche tempo fa, penso un paio di anni, quando i Cinque Stelle erano l'avversario principale della sinistra, il loro fondatore Beppe Grillo fece un'affermazione che fece discutere: "noi siamo l'ultimo argine alla destra estrema". Il suo ragionamento era che la gente indignata aveva utilizzato come valvola di sfogo elettorale loro e non, come accaduto per esempio in Grecia, i partiti di estrema destra.

Adesso i Cinque Stelle sono crollati, e mentre tutti ci lamentavamo dei Cinque Stelle è arrivata l'estrema destra, più o meno. Siamo pentiti? Si stava forse meglio quando si stava peggio?
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8082  
Vecchio 15-11-2019, 20.32.10
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 43,594
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito non doveva più succedere, e invece è risuccesso

__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8083  
Vecchio 15-11-2019, 21.35.23
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 43,594
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito "stop!" said the puppy/when I met him at the zebra cross

"È GUERRA!" sono le prime due parole, maiuscolo, che formano i titoli di testa dell'Episodio III di Star Wars, La Vendetta Dei Sith.
L'altro ieri stavo per cambiare idea, ma poi tra ieri sera e stanotte sono successe delle cose (una conversazione su WhatsApp, una di persona, un sogno) che mi hanno fatto spuntare in testa queste due parole: "È SCIOPERO".

E comunque mandare un messaggio che cita una frase di Portal 2 ad una persona che non ha minimamente idea di cosa sia Portal 2 è puro genio, o pura stupidità, o ancora meglio pura autoreferenzialità.
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8084  
Vecchio 16-11-2019, 18.39.32
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 43,594
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito star guitar

Sono in treno per raggiungere il cinema di stasera. Fuori gli alberi, i pali della luce, le colline, sembrano rispettare un ordine precostituito.
Non sono mai stato in quel cinema, sebbene abbia visto tantissime volte un dvd girato lì dentro, e alla cui registrazione erano presenti parecchie persone che conosco.
Il film di stasera, invece, lo conosco parzialmente. Ne ho già visto uno quattro anni fa, con gli stessi protagonisti, ed è stata una delle serate più belle della mia vita. Quello di stasera sarà parzialmente diverso, immagino, anche perché nel frattempo sono successe molte cose. A loro, ma anche a me.

In questi quattro anni è successo di tutto, tutto in positivo, e anche adesso sono in preda al vento del cambiamento. Spero di godermi la serata come ho fatto quattro anni fa, e il resto, diceva il capo, va da sé, non lo so.

(post scritto ascoltando Joy In Spite Of Everything di Stefano Bollani)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8085  
Vecchio 18-11-2019, 03.14.39
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 43,594
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito don't think, just let it flow

Non mi aspettavo che potesse succedere, ma visto lo stato di plasma in cui riversavo ieri sera non avrei potuto escludere niente.
Avevo già pianto per la commozione, avevo sudato tantissimo, avevo saltato come un ossesso, avevo ballato come uno scatenato, avevo urlato e cantato fino a ritrovarmi senza voce, ero stato attraversato da bassi che mi avevano fatto tremare le budella.
Avevo fatto tutto questo, ma non avrei mai pensato di mettermi a riflettere. Fermarmi lì e mettermi a riflettere, complice il fatto che stavo assistendo al film della mia vita.

L'ho fatto per qualche minuto, poi è arrivata una voce che ha pronunciato due frasi, la prima delle quali proiettata sullo schermo davanti a me. Due frasi come un mantra.

Don't think
Just let it flow


E allora mi sono abbandonato di nuovo. Ed è stata una serata pazzesca.

(post scritto ascoltando L'eclissi dei Subsonica)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8086  
Vecchio 18-11-2019, 13.53.03
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 43,594
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito non ho ancora metabolizzato abbastanza per poterne scrivere

Ma un resoconto del film precedente si trova qui,
e forse è il mio post preferito di sempre.
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8087  
Vecchio 19-11-2019, 02.43.02
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 43,594
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito hold tight Milano

Per accelerare la metabolizzazione (il metabolismo è un'altra cosa, credo) stasera ho visto la registrazione professionale, fatta dalla BBC, del live dei Chemical Brothers al festival di Glastonbury dello scorso giugno. Molto simile a quello che abbiamo visto due giorni fa a Milano, seppur non identico, ma mi ha fatto capire alcune cose di me.

A causa del mio saltare convulso mi fanno ancora male muscoli che nemmeno sapevo di avere, ma la mia mente è stata appagata. "Solo tu puoi piangere durante un concerto dei Chemical Brothers", mi ha detto la mia compagna di serata e di vita, "ma in fondo solo tu puoi piangere quando quello dice <<Luke, toglimi la maschera>>, quindi non mi stupisco più di niente".

Io, invece, mi stupisco sempre di tutto, e allora facciamo che ci penso ancora un po' e poi racconto.

(post scritto ascoltando Love Travels At Illegal Speeds di Graham Coxon)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8088  
Vecchio 20-11-2019, 03.07.37
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 43,594
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito il biglietto del concerto dove hai scoperto che la vita è bella

La mattina del 16 novembre 2005 mi incontrai alla stazione dei pullman di Catania con Ivan, che già conoscevo bene e con cui mi ero visto più volte, e con Carmelo, che invece avevo intravisto velocemente al suo locale. Andammo in pullman a Palermo e lì la sera vedemmo il mio primo concerto di Jovanotti assieme a tutto il forum (siciliano). Fummo "ospiti" dei palermitani, e due giorni dopo noi catanesi ricambiammo l'ospitalità. Fu la prima volta che vidi due concerti dello stesso tour, e la volta che li vidi a distanza più ravvicinata. A chi mi chiedeva (extra forum, perché nel forum era normale farlo) perché lo facessi, rispondevo che li avrei vissuti in due modi diversi: uno me lo sarei goduto per ballare e cantare, mentre nell'altro sarei stato attentissimo a notare le sfumature musicali. Effettivamente furono due concerti diversissimi, più per modalità di fruizione che per effettiva diversità di concerto (Ivan disse "non ho mai visto due concerti così uguali", e potevo capirlo).

Quattro anni fa vidi i Chemical Brothers dal vivo e, come ho ampiamente raccontato, fu come assistere al film della mia vita, dato che li ascolto dal 1998.

La stessa cosa mi aspettavo che accadesse anche coi Subsonica quando, nel marzo scorso, li ho visti per la decima volta: li ascolto dal 2002, che non sarà il 1998 ma è comunque abbastanza indietro nel tempo. E invece, e ho raccontato anche questo, non è successo. C'è stato qualcosa dentro di me che mi ha fatto godere il concerto dal punto di vista musicale e contemporaneamente anche dei balli scatenati, ma non c'è stato l'amarcord che prevedevo. È stata una strana sensazione, più che altro inaspettata.

Sabato è accaduto più o meno lo stesso. Ho iniziato piangendo su Go, il primo pezzo, perché è stato un po' come tornare a quattro anni fa, quando l'ho sentita per la prima volta (proprio al concerto, visto che il disco non era ancora uscita). Ho pianto anche su Chemical Beats, che però è stata troppo presto per potermela godere davvero: l'aria si doveva ancora scaldare del tutto, almeno dentro di me, ma il primo pezzo dei Chemical Brothers che io abbia mai ascoltato è stata la consueta bomba atomica. È successo anche su Hey Boy Hey Girl, anche stavolta più per motivi di ricordi che per altro.
Per il resto non c'è stato più di tanto un "film", e non si parlava di me stavolta. Stavolta si è parlato del mio viscerale amore per la musica, e per la musica elettronica, e per la loro musica. Non mi sono venute a trovare facce lontane e vicine, non mi sono tornati in mente odori, sapori e colori di altre epoche. Ho avuto davanti loro, i due fratelli chimici; ho avuto accanto lei, la mia compagna; ho avuto dentro le vibrazioni della musica, dei bassi, delle onde sonore che si sono fatte letteralmente strada all'interno del mio corpo.

È stata una sensazione incredibile, più fisica che mentale. Ho pianto per la commozione di esserci, per la consapevolezza di stare assistendo ad un concerto fantastico, ma non mi sono lasciato distrarre da ricordi. Quelli no, li ho lasciati fuori dal forum (che nome, eh?) di Assago.

E comunque abbiamo un vincitore, anche se non serviva il concerto per capirlo. Ma questa sarà materia per i post decembrini.

(post scritto ascoltando Napoli Trip di Stefano Bollani)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8089  
Vecchio 20-11-2019, 21.44.08
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 43,594
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito continuo a pensare

Citazione:
Originalmente inviato da gabo86 Visualizza messaggio
Sto pensando leggero e vagante, forse un poco distante dalla realtà
sto pensando all'età
a un giorno di aprile col pallone in cortile
a mia mamma che cuce i blue jeans
sto pensando a me
sto pensando al bambino che ero e che è sempre qua
che quando arriva la neve è sempre una novità
sto pensando a questi anni un po' strani in cui tutto diventa pubblicità, anche la carità
sto pensando a questi freddi Natali di ansia per i regali senza felicità
all'anno che verrà
alle parole che non dicono mai tutta la verità
sto pensando a un ragazzo che sogna, mette in moto e poi vola, chissa dove va, dove arriverà
a mille generazioni
e che sogni e illusioni sono sempre più veri della realtà
sto pensando a noi
a ragazzi che cantano in coro le strofe dei loro eroi
che sentire è molto più che pensare e di tutte le idee
sto pensando alla vita
una sera d'estate sto pensando all'amore che arriva, ti prende, e ti porta con se
sto pensando a te
alle tue mani che si muovono piano dentro di me
alle lacrime che scendono dolci senza sapere perchè
sto pensando alla vita
sto pensando all'amore
sto pensando alla vita e che è bellissimo essere qua.
Sto pensando che sono passati dieci anni da quando ho scritto questo post. Era il periodo in cui, a distanza di tre anni dall'uscita (e dalla prima volta che l'ho ascoltato), iniziavo ad apprezzarlo, anzi, ad adorarlo. E l'ho adorato così tanto da renderlo uno degli unici due album di cui ho postato su c.a. tutte le canzoni, in forme diverse.
Sto pensando che sono passati dieci anni e lo trovo un testo perfetto, con una melodia perfetta, cantato in maniera perfetta...forse avrei cambiato gli arrangiamenti, un po' fastidiosi per tutto il disco.
Sto pensando che sono passati dieci anni e questa canzone ce l'ho tatuata addosso, verso per verso.

La musica è una cosa bellissima.
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8090  
Vecchio 21-11-2019, 21.53.06
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 43,594
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito niente post sul sogno a matrioska al quadrato

Stamattina mi sono svegliato con una sensazione che pensavo fosse inedita: mi ero appena svegliato da un sogno a matrioska al quadrato, cioè un sogno in cui sognavo di sognare di sognare. Ero convinto che fosse stata la prima volta nella mia vita, e così ho pensato che avrei scritto un post in cui avrei raccontato la prima volta che ho sentito parlare dei sogni a matrioska (in una canzone di Elio E Le Storie Tese), la prima volta che qualcuno mi ha raccontato di averne fatto uno (Martino), la prima volta che l'ho fatto io (con Giulia).
E invece non faccio niente di tutto questo, perché mi sono reso conto che un sogno a matrioska al quadrato l'avevo già fatto, e l'avevo anche già raccontato.

E così niente post.
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8091  
Vecchio 22-11-2019, 21.43.56
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 43,594
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito t.j.s.s.

Citazione:
Originalmente inviato da gabo86 Visualizza messaggio
Libero





e colpevole
fortemente criticato


la sterilità mi infastidisce
ne ho abbastanza






battuto
e

inchiodato
e

abbandonato

clemente
e

addolorato
e

remissivo


la gelosia semina il rifiuto con un bacio

su mani setose
che

strappano
le oSSa dalla pelle


questo stupido gioco è
f
i
n
i
t
o

io mi sono sforzatodi
cercare
un posto

in
cui
non
fossi
più
trattato
come
un burattino
C'è un'ironia enorme nel fatto che questo post sia stato scritto proprio dieci anni fa.

Innanzitutto, lo scrissi perché avevo deciso di allontanarmi dal forum. Era un allontanamento che sapevo essere temporaneo (a differenza di quello successivo, che pensavo fosse definitivo), ma era comunque un allontanamento. Lo feci per due motivi: il primo era che trovavo inconcepibile il mio scrivere qui e vedere i miei post alternati a quelli di un'altra persona che era entrata nella mia vita per poi sparirne subito dopo, senza aver dato mai mezza spiegazione; l'altro era che volevo gestire lontano da qui l'inizio di una storia iniziata qui e poi continuata anche fuori di qui, e che dura fino ad ora.

Ma, dieci anni dopo, mi rendo conto che qualcosa è rimasto. La voce del messaggio, ad esempio, anche se con gli anni ha fatto tutto un altro effetto. E quindi questo post vuole anche essere un grazie, un grazie per tutto, un peccato che sia andata così, e contemporaneamente un bello che però sia andata, e basta.

Ed è rimasta anche quella strana sensazione, quella sensazione di precarietà, in qualche caso. Non è una questione che lo stupido gioco sia finito, perché non era un gioco e non penso sia finito, ma l'ottovolante emotivo di questi giorni sembra particolarmente impazzito, e non riesco bene a capire come bisogna comportarsi in questi casi.

Che ironia, appunto.
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8092  
Vecchio 23-11-2019, 15.50.45
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 43,594
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito 03:45 No Sleep

Stamattina mi sono svegliato con un pensiero.
Anzi, un concetto.
Un'idea, un'immagine, un qualcosa. C'ho pensato, e poi ho messo a fuoco, e mi sono ricordato che questo stesso pensiero, questo stesso concetto, questa stessa idea, questa stessa immagine, questo stesso qualcosa, l'avesse espresso anche qualcun altro, in una canzone.
E così ho continuato a mettere a fuoco, e a cercare di ricordarmi di chi potesse essere. Mentre continuavo a sforzarmi ho capito di chi si trattava: era la voce di Nina Persson, ma non riuscivo a capire se si trattasse dei Cardigans, il suo gruppo principale, o gli A Camp, il suo progetto parallelo; sicuramente non il suo album solista, che ho ascoltato più volte ma che non mi ha lasciato molto, certamente non abbastanza da potersi infilare in un pensiero da risveglio.
Sia sempre ringraziato il sito "alwaysontherun.net" che raccoglie i testi solo di alcuni artisti in maniera completamente arbitraria, scelti col criterio "ONLY bands I enjoy listen to (not others), e tra questi ci sono anche entrambi i gruppi di Nina Persson. Li raccoglie mettendo tutti i testi di un gruppo, in ordine di albu, in una sola pagina, così mi è bastato inserire una parola chiave nella ricerca per trovare quei due versi a cui mi riferivo, che fanno parte di una delle canzoni più belle dei Cardigans e probabilmente in generale.

I'm dating ancient ghosts
the ones I made friends with


Era la canzone per me, stamattina.

(post scritto ascoltando The Spinning Top di Graham Coxon)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8093  
Vecchio 24-11-2019, 16.26.05
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 43,594
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito sempre fantasmi, ancora Nina, un'altra band, più commozione

A Camp - Rock 'n' Roll Ghost <--- lo so che è una cover, ma raramente un pezzo mi ha commosso così tanto


Well, you know and you go
When I'm alone I have no cause
To think about the shit we used to know
Made of snow

Well you came, and you stayed
No-one here to raise a toast
Be my guest and I will be your host
To a rock 'n' roll ghost
A rock 'n' roll ghost

Well, you said she's better off dead
You think that I might have heard a word
But I was much too young, and much too cool for words
Look at me now

No-one here to raise a toast
Take me by the hand, man... Raise a toast
Or the rock 'n' roll ghost
To a rock 'n' roll ghost

We don't know until we're gone
There's no one here to raise a toast
I look into the mirror and I see
The rock 'n' roll ghost
My rock 'n' roll ghost
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8094  
Vecchio 24-11-2019, 20.34.30
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 43,594
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito io sono il mio d.j.: ho un disco per ogni stato d'animo

__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8095  
Vecchio 25-11-2019, 16.36.40
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 43,594
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito for being my supernova

Prima della pausa pranzo mi è venuta in mente una citazione post-adolescenziale ma che trovo estremamente calzante: gli astri che vediamo nel cielo di notte non è detto che siano ancora lì, e l'esplosione di una supernova che dista (esempio a caso) un milione di anni luce è avvenuta un milione di anni fa, eppure la vediamo solo oggi.
Fuor di metafora, insomma, che qualcosa è finito ce ne si accorge solo dopo un po'. Forse. Chissà.
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8096  
Vecchio 26-11-2019, 04.25.20
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 43,594
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito condivisioni a mia insaputa

Scrivevo, qualche giorno fa, del fatto che ho condiviso dei dischi con alcune persone, ma l'ho fatto solo dentro di me, senza che loro ne sappiano niente. Ieri mi sono accorto che è possibile che succeda anche il contrario.

Premessa: con Andrea ho condiviso tantissima musica. È la persona con cui ho fatto più "primi ascolti condivisi" (tredici, che sono veramente tanti) ed è una delle persone il cui prendere sul serio la questione della musica si avvicina di più al mio; impossibile eguagliarmi, me ne rendo conto, e non è per forza un pregio: prendo così serio la questione della musica che potrebbe sembrare un'ossessione (e lo è, in effetti). Non parlo tanto dell'ascoltare la musica, né del capirla, quanto piuttosto del "viverla", qualsiasi cosa significhi.
Comunque, io e Andrea abbiamo condiviso così tanta musica che la cosa si è anche espansa dalla mera condivisione. Un esempio: è stato lui a farmi scoprire i Morcheeba, prestandomi il loro terzo album, Fragments Of Freedom; abbiamo ascoltato insieme per la prima volta il loro settimo, poi l'ottavo, poi il nono disco, e siamo anche andati a vederli in concerto. E qualche settimana fa, ascoltando il loro secondo album, che sono sicuro che io lui non abbiamo mai ascoltato insieme, ecco, l'ho sentito vicino a me, come se quella musica avesse fatto parte da sempre della nostra amicizia; non ne aveva mai fatto parte, invece, se non forse in occasione del concerto.
Comunque, so benissimo cos'ho condiviso con Andrea, e sono tutti artisti che mi ha fatto scoprire lui: Moby, Fatboy Slim, i Morcheeba ed i Planet Funk. Mi fermerei lì, però. O almeno, mi fermerei io.
Ieri, invece, Andrea mi ha mandato un messaggio vocale. Non era la sua voce ad esserci nel messaggio, e in realtà non c'era neanche una voce: era un pezzo, strumentale, di Gigi D'Agostino. L'ho riconosciuto immediatamente, ricordandomi subito da che disco fosse preso (Tecno Fes Vol. 2) ma non il suo titolo (Souvenir). È un pezzo che avrò ascoltato decine di volte in piena d'agostinite, nei miei quattordici anni discotecari (dentro la mia testa). Eppure non ho alcuna memoria di averlo condiviso con Andrea. Magari l'abbiamo anche ascoltato insieme, ma non è una cosa che ho legato a lui. Se ascolto Souvenir e chiudo gli occhi mi vengono in mente diverse immagini, ma lui non compare in nessuna di queste. Eppure mi ha mandato un messaggio vocale per farmi sapere che la stava ascoltando (mentre puliva casa con la sua ragazza, mi ha detto), e se l'ha mandato è perché voleva che lo sapessi. Non era un "senti questo pezzo, ti piace?" né "mi sono ricordato che ascoltavi Gigi D'Agostino, questa la conosci?". No, era proprio un "ti ricordi?".
Certo che mi ricordo. Ma non mi ricordo di lui. Dovrei sentirmi in colpa? Per un attimo l'ho fatto. Poi ho pensato a tutte le condivisioni musicali che ho avuto con persone che neanche se ne ricordano, e magari neanche si ricordano di me.

Ma qui sforo nell'argomento di un altro post, un altro futuro post. Promemoria: il post sul post di eteria.

(post scritto ascoltando The End Of The Fucking World 2 O.S.T. di Graham Coxon)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8097  
Vecchio 26-11-2019, 14.34.09
come_musica come_musica non è connesso
Forumista
 
Data registrazione: 24-08-2008
Messaggi: 2,051
come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!
Predefinito E in mezzo a questo mare cercherò di scoprire quale stella sei

E, a volte, continuiamo a godere della luce di qualcosa che non c'è più.
Comunque, sì, i rapporti umani sono come le stelle, in tutti i sensi.
Rispondi citando
  #8098  
Vecchio 27-11-2019, 03.40.23
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 43,594
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito all'improvviso

Due notizie che forse non svoltano la vita ma la giornata sì.
Due annunci, più che altro.
Nei prossimi post, su queste pagine azzurre (ma prima tocca al post sul post di eteria, promemoria).

(post scritto ascoltando Demon Days dei Gorillaz)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8099  
Vecchio 27-11-2019, 16.16.21
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 43,594
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito il post sul post di eteria

Qualche giorno fa la forumista eteria ha scritto un post in cui, in sintesi, di chiedeva se le persone pensassero a lei come lei pensa a loro. Seguivano altre considerazioni su questo argomento, ma in ogni caso io ho fatto le mie. Queste.

Io ogni giorno penso ad alcune persone. Non è il tanto di "qualitativamente" o "quantitativamente", ma io ogni giorno penso ad alcune persone. Potrei farne un elenco, ma in ogni caso non potrei mai esserne sicuro, perché come fai a sapere a chi pensi e a chi no? Se iniziassi a fare una lista delle persone a cui non penso, inevitabilmente penserei anche a loro, e quindi la lista sarebbe falsata. Quindi posso avere una vaga idea di quali siano le persone a cui penso ogni giorno. Penso a loro perché, nel tempo che passo da solo (mezz'ora in bici per andare a lavoro, mezz'ora per tornare, il sabato mattina, qualche volta la sera o il sabato pomeriggio) il mio cervello vaga in direzioni casuali e becca queste persone. Le becca o perché fanno parte correntemente della mia vita (ci sono due telefonate che faccio ogni giorno, più una che faccio almeno una volta a settimana, più i messaggi scambiati ogni giorno o quasi) o perché ne hanno fatto parte, ma in maniera così profonda da essere rimaste. Mi vengono in mente nomi, volti, voci, parole scritte. Quindi le penso.

Adesso: le persone a cui penso ogni giorno e che fanno parte correntemente della mia vita immagino che pensino a me. Sanno che esisto, anche se non ci sentiamo ogni giorno sanno che ci sono, appunto. Non mi penseranno ogni giorno, magari, ma mi pensano. Meno di quanto io pensi a loro, di questo ne sono sicuro. Ma lo fanno.
Poi, però, ci sono le persone che non fanno più parte della mia vita. Ad alcune di loro mi capita di rivolgere un pensiero ogni giorno, a volte dettato da circostanze esterne (canzoni che ascolto, cose che vedo) e a volte da circostanze interne (le penso, punto e basta). Tutte queste persone non fanno parte della mia vita da un bel po' di tempo: ho la fortuna di non aver "perso" nessuno negli ultimi, diciamo, dieci anni. Io penso a loro, ma loro penseranno a me? Il fatto che si sia trattato, a volte, di meteore nella mia vita non mi ha impedito di considerarle così importanti da "restare", in qualche modo. Anche perché, quando una meteora sta troppo a lungo da essere meteora? Un mese è meteora? Un anno è meteora? Non lo so, so solo che mi capita di pensarle. E immagino che nessuna di loro pensi a me quanto io penso a loro, certamente non con la stessa frequenza. Magari i sentimenti di riconoscenza per quanto di bello c'è stato sono immutati, ma difficile che la cosa capiti a loro così frequentemente, almeno non quanto capita a me.

E allora mi è venuto un dubbio: quante persone, che io considero "meteore ininfluenti" nella mia vita, persone che ci sono state per un po' e poi sono svanite, ecco, quante di queste mi pensano senza che io ne abbia la benché minima idea?

Bisognerebbe creare un social network telepatico in cui se due persone si pensano reciprocamente a distanza di poco tempo (se io penso ad X un giorno ed X pensa a me un anno dopo forse non c'è tutto questo bisogno) allora arriva una notifica e ci si mette in contatto. Perché pensarsi e basta, alla fine, non serve a niente.
O no?
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8100  
Vecchio 27-11-2019, 23.26.48
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 43,594
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito u pani cca meusa

La prima volta che sono andato a Palermo l'ho raccontata qualche post fa.
La seconda volta che sono andato a Palermo è stata qualche anno dopo, un giorno di fine marzo del 2007. Dovevo incontrarmi con una forumista con cui mi ero sentito per un po', seppur non intensivamente. Nella giornata che passammo assieme mangiai due cibi tipici palermitani per la prima volta: lo sfincione (una pizza molto spessa con sopra tonno e acciughe) e, per pranzo, il pane con la milza o, come viene giustamente chiamato in dialetto, u pani cca meusa. È il simbolo dello street food palermitano, e l'unica cosa che invidio a quella città (molta cucina è in comune con quella catanese, molta altra no, ma u pani cca meusa è stellare). Mi portò a mangiarlo alla focacceria San Francesco, luogo celebre di Palermo. Rimasi estasiato.

Due mesi dopo andai a trovarla di nuovo, stavolta per due giorni, con in mezzo un concerto ed una serata da ricordare. Anche in quell'occasione mangiai u pani cca meusa, stavolta da un chiosco dei panini qualsiasi.

Ho mangiato u pani cca meusa anche le altre volte che sono stato a Palermo: quando ci sono passato per poche decine di minuti, atterrato lì da Londra dov'ero stato con Grazia, e in attesa di prendere l'autobus per Catania. Faceva caldissimo, erano le tre del pomeriggio, ma chi mi ci avrebbe riportato a breve a Palermo? E così presi il panino. Epico.

E lo stesso capitò quando, parecchie estati fa, sono andato lì per un raduno post-forumistico con Vero, Mammasimona, Chiaru', DrKing e famiglie assortite. Non potevo non mangiarlo.

Qualche anno fa sono andato a Milano con mia sorella (per vedere Inter-Roma a San Siro) e, per pura coincidenza, ho scoperto che l'antica focacceria San Francesco aveva aperto una succursale vicino a Piazza Duomo. Facevano u pani cca meusa, e lo facevano uguale a Palermo. Commovente.
Lo stesso capitò qualche tempo dopo con Vero, sempre lì.

Due weekend fa io e Vero siamo andati a Milano per vedere il concerto dei Chemical Brothers. Siamo stati ospiti da dei miei parenti che mi hanno fatto una sorpresona portandomi a mangiare proprio là. Ho mangiato un panino con la milza e mezzo, e in quell'occasione ho riassaggiato anche lo sfincione, che mancava dalle mie pupille gustative da più di dodici anni e mezzo.

Dentro ogni morso di pane c'era tutto questo, c'era tutta questa storia, c'era la forumista di Palermo e c'era tutto quello che c'è stato dopo. Ecco perché "penso" a molte persone: basta poco per pensarle, in fondo. Anche un morso del panino più buono che esista.
E poi, per la cronaca, ero a Milano. Tra poco meno di sei mesi racconterò il decennale di una visita a Milano che porterò per sempre nel cuore.

Intanto, comunque, ci sono mille storie da raccontare.

(post scritto ascoltando The Good, The Bad & The Queen dei The Good, The Bad & The Queen)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
Rispondi

Strumenti discussione
Modalità visualizzazione

Regole di scrittura
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 07.20.22.