Forum Soleluna  

Torna indietro   Forum Soleluna > Forum Attualità

Rispondi
 
Strumenti discussione Modalità visualizzazione
  #1  
Vecchio 27-07-2006, 11.32.45
angelo angelo non è connesso
Forumista
 
Data registrazione: 16-02-2002
Messaggi: 13,735
angelo reputazione Stellare !!!angelo reputazione Stellare !!!angelo reputazione Stellare !!!angelo reputazione Stellare !!!angelo reputazione Stellare !!!angelo reputazione Stellare !!!angelo reputazione Stellare !!!angelo reputazione Stellare !!!angelo reputazione Stellare !!!angelo reputazione Stellare !!!angelo reputazione Stellare !!!
Predefinito Giovani in pensione con metà paga

I tecnici hanno rivisto i trattamenti futuri sulla base delle mutate
aspettative di vita, come prevede la legge Dini. No dei Sindacati

Giovani in pensione con metà paga
Pronti i nuovi coefficienti con tagli dal 2013
Il ministro del Lavoro Damiano: non è deciso
di LUISA GRION

ROMA - Per sapere come sarà la sua pensione futura, un ventenne che oggi si affaccia sul mondo del lavoro deve fare un ragionamento semplice, semplice. Considerare che la sua ultima busta paga sarà tagliata a metà. Certo a quel punto, la previdenza integrativa sarà forse decollata, ma la prospettiva di quella caduta al 50% già preoccupa molto i sindacati.

II calcoli sono ufficiali: li ha elaborati la Ragioneria generale dello Stato nel rapporto sulle "Tendenze di lungo periodo del sistema pensionistico e della sanità" pubblicato a marzo e confluite nella elaborazioni trasmesse ieri al governo dal Nucleo di valutazione sulla spesa previdenziale. Considerata la revisione dei coefficienti di trasformazione del montante contributivo (l'insieme dei contributi versati dal lavoratore) - prevista dalla riforma Dini ogni dieci anni per tenere conto dell'innalzarsi delle prospettive di vita - la tendenza futura dell'"assegno" è rigorosamente al ribasso. Basandosi sulle percentuali individuate dai tecnici, la pensione "teorica" di un giovane che nel 2050 lascerà il lavoro dopo 35 anni di contributi - secondo il rapporto - si limiterà al 51,6 per cento dell'ultimo stipendio. Con la normativa attuale - senza toccare i coefficienti - si fermerebbe al 63 per cento.

Certo si tratta di stime teoriche, da qui al 2050 le regole potrebbero ulteriormente cambiare e i coefficienti saranno comunque ulteriormente ritoccati. Ma la documentazione sulla prima rivalutazione consegnata ieri dal Nucleo al ministro del Lavoro Cesare Damiano va in questo senso.

Per determinare i cardini dell'aggiornamento va infatti tenuto conto sia dell'età in cui si andrà in pensione, sia delle prospettive di vita della popolazione (negli ultimi 15 anni sono aumentate di 2anni e mezzo). I tecnici hanno consigliato di ridurre i coefficienti di rivalutazione fra il 6 e l'8 per cento (a seconda appunto dall'età in cui si lascerà il lavoro). I tagli saranno tanto più penalizzanti tanto più tardi si uscirà ma - precisa il presidente del Nucleo, Alberto Brambilla - "non riguarderanno né gli attuali pensionati né chi andrà in pensione prima del 2013, con il sistema retributivo".

Davanti a queste cifre - pur se ancora teoriche perché sui coefficienti da applicare dovrà comunque decidere il governo - si sono scatenate feroci polemiche con i sindacati. Il ministro Damiano ha provato a calmarle assicurando che "tutto quello che riguarda le modifiche del sistema pensionistico sarà oggetto di concertazione con le parti sociali", ma i lavoratori restano allarmati.

"Le pensioni sono già basse, non possono essere tagliate ulteriormente" ha tagliato corto il leader della Uil Angeletti. "Non accetteremo automatismi fra le posizioni dei tecnici e l'applicazione dei coefficienti" ha detto il leader della Cgil Epifani. "Il Nucleo ha fatto una pesante interferenza in un momento molto delicato - ha commentato Baretta della Cisl - il governo pensi piuttosto ad avviare il confronto per superare il "gradone" previsto da Maroni (scatto automatico dal 2008 dai 57 ai 60 anni d'età come limite minimo all'assegno d'anzianità ndr) e avvii la previdenza complementare". Di parere opposto l'esperto Giuliano Cazzola: "La revisione va fatta, altrimenti nel 2050 la spesa sarà insostenibile".


da La Repubblica
__________________
come un seme di futuro arrivato dal passato
come l'amore che nasce
come l'amore che muore

come un sogno che c'è stato che ci sta ci starà ancora
come il sole che lavora anche se la notte è buia
come voce dentro a un coro di alleluja alleluja


Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma

03.10.2002

"Ricordatevi: le canzoni sono migliori di chi le fa"(Maggio 1999)

12.12.2002

Rispondi citando
Rispondi

Strumenti discussione
Modalità visualizzazione

Regole di scrittura
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 22.40.37.