Forum Soleluna  

Torna indietro   Forum Soleluna > Forum Classici

Rispondi
 
Strumenti discussione Modalità visualizzazione
  #7161  
Vecchio 18-03-2018, 23.57.37
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 42,940
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito il punto non è il post, è la didascalia

Citazione:
Originalmente inviato da gabo86 Visualizza messaggio
Raf - E Penso A Te


Io lavoro e penso a te
torno a casa e penso a te
le telefono e intanto penso a te
Come stai? E penso a te
Dove andiamo? E penso a te
Le sorrido abbasso gli occhi e penso a te
Non so con chi adesso sei
non so che cosa fai
ma so di certo a cosa stai pensando
è troppo grande la città
per due che come noi
non sperano però si stan cercando cercando
Scusa è tardi e penso a te
ti accompagno e penso a te
non son stato divertente e penso a te
sono al buio e penso a te
chiudo gli occhi e penso a te
io non dormo e penso a te
Anche perché, ancora una volta, avevo capito tutto. Avevo capito che c'era qualcosa di sbagliato nel fare quello che stavo facendo. Che poi, ok, visto da fuori non c'era niente di sbagliato, ma visto da dentro, conoscendola, stavo sbagliando.
Cosa c'è di sbagliato nell'uscire con la sorella della propria migliore amica? Nel chiederle di vedersi in centro perché "volevo fare un regalo a tua sorella e visto che avete la stessa taglia potresti fare da cavia"? E, soprattutto, nel sapere che tutto questo era ovviamente solo una scusa per vederla fuori dalle mura di casa?

Adoro aver annotato qui, in diretta, la nascita di tutto questo. Non ho scritto in diretta della giocata a carte (l'ho fatto dopo) ma poi ho raccontato della visita a casa, dell'incontro in centro e...e poi per mesi non ci siamo più visti da soli, finché le cose non hanno iniziato a prendere un'altra piega.

E, per la cronaca, mi spiace di non aver iniziato prima Carta Azzurra, e di non aver annotato giorno per giorno, nello stesso posto (perché ho annotato, sì, ma in posti diversi), altre interessanti storie capitate prima. Perché per quelle dopo, per fortuna, Carta Azzurra c'è stata.
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #7162  
Vecchio 19-03-2018, 00.04.46
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 42,940
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito mi sta covando qualcosa dentro

E non so se sia rabbia, delusione o tristezza.
O magari un mix delle tre sensazioni.
Quello che so, però, è che mi dispiace un sacco, e che domani proverò a raccontarlo per bene.
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #7163  
Vecchio 19-03-2018, 14.16.43
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 42,940
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito i [suoi] pensieri, le [sue] parole, i gesti, il [suo] rapporto con la realtà

Se c'è una cosa che mi ha sempre fatto sorridere del mondo è che tutti si ritengono coerenti e accusano gli altri di incoerenza. È così elevato il tasso di gente che dice "quello lì predica bene e razzola male" che per motivi statistici deve includere anche se stessa. Un po' come quando nessuno diceva di votare Berlusconi ma Berlusconi vinceva le elezioni.
Ieri, invece, mi sono trovato a lamentarmi anch'io della stessa cosa. A lamentarmi dell'incoerenza, e a dire "non fare agli altri quello che non vorresti sia fatto a te". Ed è stato il terzo episodio di una serie magari dilatata nel tempo, ma che ieri ha iniziato a rasentare il ridicolo.
Ed è, soprattutto, un post su questioni spicciole, magari di vita quotidiana, ma non per questo meno importanti delle questioni esistenziali a me congeniali.

Poco più di un anno fa G. mi ha detto che ho poca cura della casa in cui abitiamo, che trascuro gli ambienti comuni, che faccio poco le pulizie, eccetera. La cosa è parzialmente vera ma credo sia comune a tutti gli abitanti. Poi, però, ha detto una cosa: "quando sparecchi togli il tuo piatto e lasci i nostri". Mi è sembrato assurdo, soprattutto perché sono attento a farlo per tutti, se sono io a farlo. Ma non ho replicato, così ho lasciato che andasse avanti. Mi ha citato "quando l'altro giorno sei venuto qui a pranzo con Bea e hai tolto solo il tuo e il suo piatto". Aveva ragione, ma il piatto di G. l'avevo lasciato a tavola semplicemente perché stava ancora pranzando, essendo arrivata dopo di noi.
Da quel giorno non c'è stato pasto in cui, quando sono stato io a sparecchiare, abbia tolto solo il mio piatto e non anche i loro. Sono troppe negazioni per una sola frase, ma il punto è questo: da quel giorno sono stato attento a togliere anche i loro piatti quand'ero io a sparecchiare. E sono stato anche attentissimo ad annotare nella mia mente il fatto che, quando sono loro a sparecchiare, il mio piatto resta sempre sul tavolo. Poi sono io a metterlo in lavastoviglie, la cosa non è un problema, ma è appunto una dimostrazione di coerenza. O almeno, una prima avvisaglia.

La seconda è arrivata qualche tempo dopo. Mi ha fatto una scenata assurda sul rapporto tra me e Bea, sul fatto che "non è normale", che "è pericoloso", eccetera. Ha fatto finta di accettare le mie spiegazioni, in realtà contestandole, perché "non è rispettoso nei confronti di Vero". Va bene, lo accetto.
Poi, qualche settimana dopo, mi ha confessato del suo matrimonio in crisi, delle mancanze di rispetto da parte di suo marito ben più grandi di una cena fuori, eccetera. La situazione è attualmente irrisolta, per cui non si può sapere come finirà, ma mi ha sconvolto il guardare la pagliuzza nell'occhio altrui e non la trave nel proprio.
Ma qui, forse, c'entra anche la questione di Bea, della gelosia e di tutto il resto che non va.

Però quello che è successo ieri ha dell'incredibile. Io e Vero siamo andati a dormire sabato sera, a casa mia, sapendo che G. e l'altra coinquilina erano fuori, mentre il marito era in Germania. Siamo andati a letto e in piena notte mi sono svegliato, saltando per aria a causa di urla. Non urla di dolore o di terrore, tutt'altro, urla da festa, da chi è tornato in piena notte e in stato alterato e non si rende conto che forse c'è altra gente a casa. Ho riconosciuto subito le voci femminili, poi le urla sono cessate e mi sono addormentato. L'indomani mattina, cioè ieri, Vero è andata in cucina per bere e ha visto una figura femminile sul divano che le faceva ciao ciao con la manina. È tornata e mi ha detto "dev'esserci qualche ospite dell'ultima ora!", ma la cosa non era un problema. Il problema è stato trovare sul telefono un messaggio di G. che mi annunciava il pernottamento di questa loro amica e mi raccomandava di non svegliarla perché avevano fatto tardi.
Sul serio?
Inizialmente non ho risposto. Cos'avrei dovuto scrivere? "Io ho fatto piano, ma voi stanotte avete fatto un casino della madonna"? No, ho lasciato perdere. Poi siamo usciti e le ho scritto semplicemente che ho fatto il possibile per non svegliarle. Mi sono tenuto la bile per tutto il giorno, poi di sera sono tornato a casa - da solo - e c'era l'altra coinquilina, che si è scusata con me per il casino che hanno fatto (alle 5.30 del mattino, ho appreso da lei). Le ho detto che non c'erano problemi ma che mi aveva fatto indispettire un messaggio di G. in cui mi chiedeva di non fare rumore, quoque lei...e lei mi ha detto che appena G. le ha detto del messaggio ha risposto "ma anche noi non è che siamo state proprio silenziose, eh?". E comunque va bene, mi ha chiesto scusa, di più non si poteva fare.
Quando poi, qualche ora dopo, è tornata anche G., mi ha raccontato della notte brava e mi ha detto che l'amica ospitata ha visto Vero saltare per aria appena l'ha vista. "Anch'io sono saltato per aria" le ho detto "stanotte, o per meglio dire stamattina, quando ho sentito urla in giro per casa". Mi ha detto che non hanno urlato, al massimo parlato, e quando ho detto "forse eri troppo ubriaca per renderne conto" ha risposto con uno splendido "non ricordo". Solo dopo ho sentito che raccontava, ma non a me (io mi ero chiuso in camera), che non si era accorta che ci fosse qualcuno a casa nonostante, aggiungo io, la porta non era chiusa a chiave e quindi doveva essere ovvio. Ma magari non da ubriaca.
Non ce l'ho con l'alcool, ce l'ho con chi non ammette i propri torti.

Insomma, alla fine di questo post "domestico", quello che vedo è che ha completamente perso contatto con la realtà. Mi accusa di cose che è lei a fare, quando basterebbe non accusare, o ancora meglio smettere di farle e basta. La cosa mi spiace, ma forse la convivenza sta iniziando a pesare un po' troppo, forse le difficoltà che sta incontrando (e sono enormi, lo ammetto) si devono ritorcere contro qualcuno, ma quel qualcuno non posso essere io. Non ancora per molto, almeno.

(post scritto ascoltando Tender Prey di Nick Cave & The Bad Seeds)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #7164  
Vecchio 19-03-2018, 17.48.41
come_musica come_musica non è connesso
Forumista
 
Data registrazione: 24-08-2008
Messaggi: 1,845
come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!
Predefinito Domande mai fatte

Ma voi da quanti anni siete sulla Terra?
Non sto parlando di compleanni.
Rispondi citando
  #7165  
Vecchio 20-03-2018, 23.46.38
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 42,940
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito no vabbè, ma quant'è meraviglioso questo disco?

__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #7166  
Vecchio 21-03-2018, 13.57.25
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 42,940
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito le prime quindici vite di Harry August

Per me, che sono fruitore di arte (arti diverse) da parecchi anni, forse persino decenni, trovare qualcosa di eccezionale è sempre più raro. Mediamente le nuove scoperte mi piacciono (altrimenti non sarebbero scoperte ma resterebbero lì senza colpirmi), ma è raro che qualcosa mi sconvolga. Succede, per carità. Con la forma d'arte di cui sono maggiormente fruitore, cioè la musica, è ad esempio successo coi Ride, l'anno scorso. Il primo di gennaio non sapevo neanche che esistessero; poi ho ascoltato i loro quattro album, usciti tutti negli anni '90; poi in corso d'anno è uscito il quinto, a ventun anni di distanza dal precedente, e quando ho iniziato ad ascoltarlo a ottobre mi sono accorto di essere incappato in un capolavoro. Il trentuno dicembre ho deciso che il premio disco dell'anno (premio assegnato da me ai dischi usciti nell'anno in corso e ascoltati per la prima volta nell'anno in corso) andava a Weather Diaries dei Ride, e pensare che un anno prima neanche sapevo chi fossero. Lo stesso era accaduto, per la cronaca, anche per il premio disco dell'anno 2012, quando Lee Ranaldo aveva vinto con quel capolavoro di Between The Times And The Tides, e io a inizio anno non sapevo chi fosse e conoscevo i "suoi" Sonic Youth solo di nome.

Quindi, adoro sorprendermi. E però capita raramente, così è una sorpresa il mio stesso sorprendermi. Ma ci sono artisti che hanno fatto breccia velocemente dentro di me. Per carità, sono consapevole che probabilmente nessuno di questi sarà "il mio artista preferito", perché dopo quasi dodici anni di militanza manicsiana (mancano quattro giorni!) credo che nessuno riuscirà mai a superarli, ma chissà, mai dire mai.

Anche con la forma d'arte che si classifica al secondo posto tra quelle di cui fruisco di più, cioè la letteratura, ho la stessa sensazione. Ovvero leggo, leggo in continuazione, mi piace quello che leggo ma è sempre più raro che mi esalti. Qualche giorno fa, però, è successo. Il libro è "Le prime quindici vite di Harry August" di Claire North: l'ho sfogliato in libreria e una delle mie libraie di fiducia mi ha detto che l'aveva letto e che l'aveva trovato un capolavoro. Mi ci sono accostato con timore (una ragazza che apprezza un romanzo di fantascienza?) e ho sentito una sensazione simile, con le dovute differenze, a quella che ho avuto tanti, tantissimi anni fa, quando Martino mi prestò "La fine dell'eternità" di Isaac Asimov, dopo avermi prestato qualche anno prima "Neanche gli dei", ed entrambe le volte ero rimasto folgorato dal libro e da tutto quello che si portava dietro.

È raro sorprendersi, ma quando succede è sorprendente.

(post scritto ascoltando Un Tour Biango - Live In Padova 21/09/2013 di Elio E Le Storie Tese)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #7167  
Vecchio 21-03-2018, 23.29.32
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 42,940
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito pm

Nicky Wire - You Will Always Be My Home


We will walk together
We will walk together

Yeah you, you will always be my home
Yeah, the people - they don't know
What it means to be alone
Yeah you, you will always be my home
No, the feeling's never gone
It's a part of me that I love

We will walk together
We will never part
We'll tattoo ourselves
And each others hearts
And each others hearts

Yeah you, you will always be my home
Yeah you, you will always be my home
Even when the strength is low
It will never leave me now
Yeah you, you will always be my home
It will never be broken
Solitude has always won

We will walk together
We will never part
We'll tattoo ourselves
And each others hearts
We will walk together
We will never part
We'll tattoo ourselves
And each others hearts
And each others hearts
And each others hearts
And each others hearts
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #7168  
Vecchio 22-03-2018, 23.10.00
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 42,940
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito il più vicino

Ci pensavo stamattina, e siccome le cose non riesco a tenerle per me gliel'ho detto subito, e adesso lo scrivo anche qui: la persona che mi è più vicina in questo momento (oltre alla mia compagna, ovviamente) è lontana più di mille chilometri e non ci vediamo da due mesi e mezzo. Ma siamo vicinissimi e ci raccontiamo le nostre vite: la sua in cerca di una stabilizzazione dopo il disastro dell'ultimo periodo e la mia in via di stabilizzazione in vista, anche, di un futuro che stavolta inizio a vedere davvero.
Che poi, diciamolo, c'è un po' la storia dei miei trent'anni e dei suoi, ma è un post troppo lungo per quest'ora tarda (ah, la sveglia all'alba).
Magari domani.

(post scritto ascoltando BE dei Beady Eye)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #7169  
Vecchio 23-03-2018, 13.37.12
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 42,940
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito +7

Sono cresciuto all'ombra di un cugino che aveva, e ovviamente ha, sette anni più di me.
No, non è una vera ombra, non ho tentato di imitare le sue scelte (non ce l'avrei mai fatta, né avrei voluto farlo). Però lui è stato lì, sempre sette anni avanti a me. E non è banale.
Prima che decidesse che la nostra differenza di età era trascurabile rispetto ai nostri anni, cioè quando io ne avevo 15 e lui 22, dovevo accontentarmi della sua ombra. E così lo "seguivo" ovunque andasse (d'estate, quando abitavamo a cinquanta metri di distanza) e tutti i parenti mi prendevano in giro, mi chiamavano "la sua ombra". Dopo il cambio di prospettive, invece, mi ammise al suo fianco, e da lì ne abbiamo combinate di cotte e di crude insieme. Ma sempre con i sette anni in più di mezzo, e quindi coi suoi consigli da fratello maggiore su locali da frequentare e soprattutto da non frequentare, su orari da rispettare, su cose da evitare. La mia adolescenza è stata diversissima dalla sua, ma del resto io sono una persona diversissima da lui, nonostante gli anni passati fianco a fianco. Ci siamo contaminati ma non ci siamo mai omologati tra noi, probabilmente siamo troppo diversi in partenza. Questo non ci ha impedito, né ci impedisce adesso, di avere uno splendido rapporto.
Però lui era lì. Era sempre lì, sette anni avanti a me. E così, quando a ventinove anni conobbe una ragazza e a trenta la sposò, immaginai che sarebbe capitata la stessa cosa a me, che di anni ne avevo rispettivamente ventidue e ventitré. In realtà la donna della mia vita (o almeno credo che lo sia) la incontrai proprio allora, a ventitré anni, ma dovetti aspettare un po' prima di poter realizzare il nostro sogno.
Non l'abbiamo ancora realizzato, ma ci stiamo provando, e soprattutto credo che ci siamo quasi. Nonostante di anni ne abbia ormai trentuno, e a trentun anni Ale era diventato papà.

"Comunque tutta questa cosa degli anni, del fatto che sei sempre stato dietro di me, che le cose le hai fatte più tardi di me, non dev'essere un problema per forza: guarda come mi è finita adesso che ne ho trentotto..." mi ha detto lui ridendo amaramente.

(post scritto ascoltando Arrivedorci degli Elio E le Storie Tese)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #7170  
Vecchio 24-03-2018, 18.59.31
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 42,940
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito post orgasmic chill

__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #7171  
Vecchio 27-03-2018, 08.03.29
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 42,940
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito "io non ho paura dei sogni/ma i sogni mi sfidano"

Domenica pensavo di scrivere due post, distinti tra loro, su due argomenti diversi. Poi non ne ho avuto il tempo, così li ho rimandati all'indomani.
Ieri però c'è stato un lutto nel mondo dello spettacolo, uno dei pochi lutti di quel mondo che possa toccarmi, e così ho pensato di scrivere innanzitutto di quello.
Stamattina, però, mi sono svegliato mezz'ora prima della sveglia con una sensazione di angoscia incredibile, dovuta al sogno che avevo appena fatto: la morte di mio padre.

È una cosa a cui mi capita di pensare, nonostante stia benissimo e non sia così in là con gli anni, ma mai con la potenza con cui il mio sistema onirico l'ha fatto stanotte. Era un sogno totalmente vivido, come spesso mi accade ma raramente con questa potenza, ed era così realistico che non mi sono neanche fermato a pensare "ehi, ma è un sogno, se non mi piace posso svegliarmi". No, non mi sono neanche posto il dubbio, ho vissuto tutto l'evento, in un luogo particolare, con tutta la mia famiglia allargata al completo, ed è stato veramente un disastro emotivo. Piangevo tutto il tempo e non riuscivo a fermarmi.

Poi mi sono svegliato, all'improvviso. Ho realizzato immediatamente che era stato solo un sogno, e proprio per questo ero consapevole che, se mi fossi riaddormentato nel giro di pochi istanti, sarebbe ripreso da dove l'avevo lasciato. È uno stratagemma che uso per i sogni belli, quelli che voglio sapere come vanno a finire: mi riaddormento subito e proseguono. Ma se faccio passare qualche minuto, invece, non riprendono più.
Così mi sono alzato, sono andato in bagno, mi sono sincerato che passasse abbastanza tempo e mi sono addormentato di nuovo, terrorizzato dall'eventuale ripresa del sogno. Ma è svanito lì, per fortuna.

Mi sono risvegliato al suono della sveglia, malinconico ma almeno sereno perché, per fortuna, era solo un sogno.

(post scritto ascoltando Rewind The Film dei Manic Street Preachers)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.

Ultima modifica di gabo86 : 27-03-2018 alle ore 14.03.34 Motivo: ccchhh
Rispondi citando
  #7172  
Vecchio 27-03-2018, 10.48.38
L'avatar di sconnesso
sconnesso sconnesso non è connesso
Forumista
 
Data registrazione: 24-05-2006
Residenza: troppo spesso in ufficio, la notte a casa e la sera ovunque mi dia libertà
Messaggi: 1,758
sconnesso reputazione Stellare !!!sconnesso reputazione Stellare !!!sconnesso reputazione Stellare !!!sconnesso reputazione Stellare !!!sconnesso reputazione Stellare !!!sconnesso reputazione Stellare !!!sconnesso reputazione Stellare !!!sconnesso reputazione Stellare !!!sconnesso reputazione Stellare !!!sconnesso reputazione Stellare !!!sconnesso reputazione Stellare !!!
Invia un messaggio via MSN a sconnesso
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da gabo86 Visualizza messaggio
Domenica pensavo di scrivere due post, distinti tra loro, su due argomenti diversi. Poi non ne ho avuto il tempo, così li ho rimandati all'indomani.
Ieri però c'è stato un lutto nel mondo dello spettacolo, uno dei pochi lutti di quel mondo che possa toccarmi, e così ho pensato di scrivere innanzitutto di quello.
Stamattina, però, mi sono svegliato mezz'ora prima della sveglia con una sensazione di angoscia incredibile, dovuta al sogno che avevo appena fatto: la morte di mio padre.

È una cosa a cui mi capita di pensare, nonostante stia benissimo e non sia così in là con gli ani, ma mai con la potenza con cui il mio sistema onirico l'ha fatto stanotte. Era un sogno totalmente vivido, come spesso mi accade ma raramente con questa potenza, ed era così realistico che non mi sono neanche fermato a pensare "ehi, ma è un sogno, se non mi piace posso svegliarmi". No, non mi sono neanche posto il dubbio, ho vissuto tutto l'evento, in un luogo particolare, con tutta la mia famiglia allargata al completo, ed è stato veramente un disastro emotivo. Piangevo tutto il tempo e non riuscivo a fermarmi.

Poi mi sono svegliato, all'improvviso. Ho realizzato immediatamente che era stato solo un sogno, e proprio per questo ero consapevole che, se mi fossi riaddormentato nel giro di pochi istanti, sarebbe ripreso da dove l'avevo lasciato. È uno stratagemma che uso per i sogni belli, quelli che voglio sapere come vanno a finire: mi riaddormento subito e proseguono. Ma se faccio passare qualche minuto, invece, non riprendono più.
Così mi sono alzato, sono andato in bagno, mi sono sincerato che passasse abbastanza tempo e mi sono addormentato di nuovo, terrorizzato dall'eventuale ripresa del sogno. Ma è svanito lì, per fortuna.

Mi sono risvegliato al suono della sveglia, malinconico ma almeno sereno perché, per fortuna, era solo un sogno.

(post scritto ascoltando Rewind The Film dei Manic Street Preachers)
mi soffermo su due cose,

io non credo di aver mai sognato la morte di mio padre, spero che non accada nè in realtà, nè in sogno, ma sono cosciente che prima o poi la cosa avverrà...
gli anni passano ed i segni si vedono, si vedono perfino su di me...mio padre l'ho visto provato esteriormente dalle ultime vicissitudini, io cerco sempre di farmi vedere "sereno", ma lui ha preso una bella botta anche per motivazioni legate a rinunce e sacrifici fatti in tanti anni da lui, visti rubare da una persona che non ha pensato affatto a tutto ciò... Detto questo ne approfitto per ringraziare mio padre e mia madre per l'educazione che mi hanno dato, per avermi rimproverato anche quando avevo ragione, per farmi capire quando sbagliavo, perchè se oggi sono un buon padre (spero) lo devo ai loro insegnamenti...
seconda cosa, anch'io quando faccio un brutto sogno cerco di non riaddormentarmi immediatamente per non continuare il sogno...solo che non riesco ad andare in bagno, cerco di mettermi seduto nel letto o di alzare la schiena, e faccio una fatica immane eheheh

PS: nel tuo post aggiungi una n ad ani cccchhhh
__________________
a cugini uguali corrispondono donne uguali

chiudi gli occhi e abbracciami forte...
e ti proteggerò da ogni cosa vorrà farti del male

Ultima modifica di sconnesso : 27-03-2018 alle ore 11.31.18
Rispondi citando
  #7173  
Vecchio 27-03-2018, 14.06.10
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 42,940
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito mi soffermo su una cosa

I nostri padri saranno anche fratelli, ma noi non siamo da meno.
Il resto, baruzzu, lo sai.
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #7174  
Vecchio 27-03-2018, 14.23.47
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 42,940
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito "beh...incredibile!"

È morto un presentatore televisivo e in tv e sui giornali non si parla d'altro. interminabili servizi, dediche, commozione social e non, insomma, sembra davvero che l'Italia si sia fermata un attimo a piangere Fabrizio Frizzi.

Eppure questo mi fa ben sperare per le sorti di questo pianeta, perché ho l'impressione che il commiato per lui sia superiore rispetto ad altri commiati per occasioni del genere, e ho l'impressione che sia così perché lui era, semplicemente, "un buono". E mi fa ben sperare perché, in un mondo in cui vincono gli stronzi e i buoni la prendono in quel posto, lui è un buono che ce l'ha fatta a vincere, e quando poi ha perso la sua battaglia più importante il mondo gli ha fatto un tributo incredibile. Non è banale: i Flaming Lips cantano che "Evil will prevail", ma forse stavolta non è stato così.

Ho scritto qui, da qualche parte, di cosa sia stato Frizzi per me. Ognuno ha la sua trasmissione di Frizzi, per me quella trasmissione è Scommettiamo Che.
Nella sua prima incarnazione, quella con Frizzi e Milly Carlucci, Scommettiamo Che è stata la compagnia dei miei sabati sera fino al 1995, quando andavo a dormire da mia zia Cettina (chi lo avrebbe mai detto che lei, a quasi 83 anni, sarebbe sopravvissuta a Frizzi?) e ci emozionavamo guardando le scommesse. Ce ne ricordiamo ancora tantissime, anche con mio papà: il tizio che, guardando una volta sola una fila di 100 lampadine, 50 delle quali accese, riusciva a ricordare a memoria la sequenza dicendo "accesa spenta spenta accesa spenta", eccetera. Il tizio che strappava gli elenchi telefonici in due. I pompieri che sollevavano la Panda sfruttando la reazione degli idranti. Il tizio che montò un motore bendato. La caduta di mattoncini a domino, che mi ossessionò per diversi anni. E poi la mia piccola scommessa, quella per cui "volevo andare in televisione" (per fortuna i miei mi fecero desistere) perché avevo imparato a memoria qualche centinaio di storie pubblicate su Topolino e bastava che mi si leggesse una vignetta (in rari casi anche un solo balloon) per farmi dire il titolo della storia.
E, a ora di pranzo, "prove e provini", con una puntata vista al mitico ristorante Monte Conca durante una pausa tra una sciata e l'altra, sull'Etna.
E poi i due revival di Frizzi, quello del 1999 e quello del 2001, senza la Carlucci ma con rispettivamente Afef e Valeria Mazza, e un periodo in cui ero (come sono sempre stato, in fondo) particolarmente nostalgico del mio passato, e fu un'occasione per ricordare da dove venivo senza avere idea di dove stessi andando: avevo tredici anni, cosa potevo sapere?
Pessimi, invece, i successivi revival senza Frizzi, che trovai parecchio offensivi nei suoi confronti visto che lui, appunto, non c'era.
E poi il comitato (Guardì, grandissimo), l'orchestra del Maestro Mazza, Gianfranco Mazzoni (il prossimo post è per lui, me l'ero promesso prima del lutto improvviso) che commenta le esterne, insomma: uno spaccato della mia infanzia. Non c'era sabato sera senza Frizzi.

Per il resto, di Frizzi ho sempre pensato tutto il bene possibile, ma questo lo stanno dicendo tutti quindi non mi dilungo. Probabilmente una delle pochissime persone del mondo della tv alla cui morte mi sono commosso davvero.

(post scritto ascoltando True Love di Charlotte Hatherley)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #7175  
Vecchio 28-03-2018, 14.00.54
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 42,940
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito la grandissima rivoluzione

Citazione:
Originalmente inviato da gabo86 Visualizza messaggio
[...]
Sono passati ormai due anni dalla grandissima rivoluzione rock avvenuta nella mia vita,quella rivoluzione che porta il nome di Manic Street Preachers.[...]
Di questo post quoto soltanto due righe, ma sono due righe che valgono tutto. Sono due righe in cui, a due anni di distanza da quando ho iniziato ad ascoltarli, ho scritto che i Manic Street Preachers sono stati la mia "grandissima rivoluzione rock".
Prima di loro, infatti, ascoltavo musica pop e molta, moltissima musica elettronica, ma il rock per me era inascoltabile. E non dico "chissà che rock", intendo anche, per fare un esempio, Vasco Rossi e Ligabue. Non sopportavo il suono delle chitarre elettriche in generale, ascoltavo altri genere di "rumore" (certa elettronica, ad esempio) ma quello mi era veramente indigesto.
Poi scoprii i Manic Street Preachers, in maniera rocambolesca e diluita nel tempo: sono passati sette anni dalla prima volta che ho sentito una loro canzone alla prima volta in cui ho deciso di approfondirli, ed era il 25 marzo del 2006. Due anni e tre giorni dopo parlavo di "grandissima rivoluzione", perché non è stata fine a se stessa: ho iniziato ad ascoltare il rock grazie a loro, all'inizio timidamente, poi con sempre più convinzione, fino a farlo diventare uno dei miei generi preferiti.

Basta vedere la mia classifica di ascolto su last.fm (che ho iniziato ad usare quasi 11 anni fa e che continuo quotidianamente a tenere sotto controllo) per vedere che, seppur afferenti a diverse sfaccettature del rock, diversi dei miei artisti più ascoltati sarebbero stati considerati "rumore" prima del 2006. Ovviamente i primi (che sono i Manics) ma anche i secondi, i sesti, i settimi, gli ottavi, i quattordicesimi e i ventesimi, solo per fermarsi alle prime venti posizioni. Per questo ho parlato di rivoluzione: da lì sono partito per un percorso musicale completamente diverso rispetto a quelli già esplorati in precedenza, e ancora oggi in piena evoluzione.

Dei Manics, poi, potrei parlare per ore. Ma questo post non è su di loro, è su quello che si è aperto dopo di loro.
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #7176  
Vecchio 28-03-2018, 14.20.18
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 42,940
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito ah, da quando Mazzoni non commenta più non è più domenica

Avrei voluto scriverlo lunedì, poi è morto Frizzi, e la cosa meritava la priorità.
Ma domenica è iniziato il mondiale di Formula 1.

Quando è stata data la notizia che Sky aveva comprato i diritti in esclusiva e che, a differenza degli scorsi anni, non li avrebbe ceduti (in parte in diretta e in parte in differita) alla Rai, ci sono rimasto malissimo. Sul serio. Non è una questione relativa solo a Sky, perché io Sky ce l'ho (sul computer, ok, ma del resto non ho la televisione, quindi è lo stesso). Gli anni scorsi pur di guardarlo sulla Rai ho atteso ore in caso di differita, evitando di usare internet perché lo spoiler sui risultati è sempre in agguato. Quest'anno, anche volendo, non posso più farlo: la Rai non ha proprio i diritti, per guardare il mondiale bisogna farlo su Sky.

E così, eccola la questione: io ho sempre visto la Formula 1 con il commento della Rai. Quindi, Gianfranco Mazzoni alla telecronaca, Ivan Capelli al commento relativo alla pista (è un ex pilota, in fondo), Giancarlo Bruno al commento tecnico per esperti e appassionati, Giorgio Piola a un commento aggiuntivo, e poi Ettore Giovannelli e Stella Bruno dai box. Queste sei voci (soprattutto le prime due) per me sono imprescindibili e inscindibili dalla Formula 1. Un po' è una questione di affetto, di essere davvero cresciuto con loro, ma un po' è una questione di stile.
Per me guardare la gara su Sky è stato un supplizio. Lo stile di Sky, lo stile adrenalinico, addirittura "gridato", è insopportabile. Nel giudizio comune la Rai è "da poveri", sottotono, mentre Sky esalta tantissimo i caratteri (e i toni di voce). Nessuna telecronaca alla Rai inizierebbe con "saltate tutti sul divano!" oppure con "eeeh adesso ti supero, caro il mio inglesino". Alla Rai le telecronache inizia(va)no con "un cortese buongiorno ai telespettatori di Rai Uno", e il tutto proseguiva sullo stesso tono. I fan di Sky dicono che la Rai è vecchia, io dico che Sky è insopportabile. Ed è un po' lo spirito del tempo: non è solo una questione di Formula 1 o di sport, è proprio la forma mentis del conduttore Sky ad essere diversa. Per questo reputo improbabile una migrazione di massa dei giornalisti sportivi dalla Rai a Sky, come invece accadde quando Mediaset perse i diritti sulla MotoGP (ma lì Meda gridava anche prima).
Mi spiace umanamente per i giornalisti, appunto: la competenza del sestetto titolare difficilmente sarà replicabile in altri ambiti, e mentre Ivan Capelli è già andato via a TV8 (succursale di Sky) dubito che altri faranno lo stesso. Verranno riciclati in ruoli minori, ma il loro ruolo doveva essere quello.

C'è poi la questione economica, del "ne valeva la pena di spendere tanti soldi del canone per la Formula 1?" e lì la risposta è soggettiva, per me sì ma ad esempio non ne valeva la pena per altro, e ognuno direbbe la sua. Va bene così, sono state scelte editoriali, lo trovo un peccato ma il vero peccato è quello interiore, di quando guardo la Formula 1 e non ci sono più quelle voci, e di quando io e mio papà ci vedremo e guarderemo la Formula 1 insieme, com'è giusto che sia, e non ci saranno più quelle voci.

(post scritto ascoltando True Love di Charlotte Hatherley)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #7177  
Vecchio 28-03-2018, 16.57.50
come_musica come_musica non è connesso
Forumista
 
Data registrazione: 24-08-2008
Messaggi: 1,845
come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!
Predefinito F. F.

''And the end, the love you take is equal to the love you make''
Rispondi citando
  #7178  
Vecchio 28-03-2018, 17.45.29
come_musica come_musica non è connesso
Forumista
 
Data registrazione: 24-08-2008
Messaggi: 1,845
come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!come_musica reputazione Stellare !!!
Predefinito I rapporti

Sono stati anni devastanti dal punto di vista dei rapporti umani...
E così con M. continuiamo a deluderci...
Continuo a tenere a debita distanza C...ho paura che, conoscendomi meglio, potrebbe fare l'inventario delle mie fragilità...
Mi sento in colpa...
B., ogni tanto, mi manda un saluto...
Ha cambiato vita e città...
Si ricorda ancora di me...
Poi mi dico: ''Ehi Heidi, magari vuole solo venderti qualcosa...''.
Mi vergogno.



L. continua letteralmente ad illuminarmi le giornate...
D. è sempre ''dammi quello che vuoi, io quel che posso''...
Rispondi citando
  #7179  
Vecchio 29-03-2018, 14.15.58
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 42,940
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito l'inizio del racconto della "storia"

Citazione:
Originalmente inviato da gabo86 Visualizza messaggio
Si comincia.
Ogni inizio ha un luogo e un tempo.
Il luogo è San Giovanni La Punta.Paese del'hinterland catanese.Casa mia,casa tua.In mezzo,cinquanta metri.
Casa mia,casa tua.Confinanti.Dove tu hai le galline io ho il ripostiglio.Ma allora non c'era ripostiglio.
Insomma...siamo nel mezzo di un quartiere.Tu conosci altra gente del quartiere,sono tuoi coetanei.Io no.
Per quanto riguarda i luoghi,non ci sposteremo molto da lì.Per i primi anni.Poi capiteranno due viaggi.Ma,viaggi a parte,stiamo sempre a Catania e provincia.
Dicevo,cinquanta metri dividono le nostre case.In un quartiere.Entri dal cancello e puoi andare in cinque ville(facciamo la terza a sinistra no,evitiamola,dimentichiamocene).Insomma,i fratelli dei nostri genitori.Ne manca solo uno(e se T. avesse avuto anche lui la casa lì sarebbero cambiate un sacco di cose).Ci sono io,ci sei tu.
Il tempo è l'estate del 1992.Estate 1992,estate delle mie e delle tue vacanze,canta Jovanotti.Io ho sei anni,tu ne hai tredici.
Si parla di estate.E si parlerà SOLO di estate praticamente fino al 2000.Dal 2001,invece,si parlerà anche di altre stagioni.Ma per ora,solo estate.
Si finisce la scuola e si va lì in villeggiatura.Nelle nostre villette estive.Tra cugini.
Io sono il più piccolo.Oltre ai miei fratelli,intendo.Tu hai sette anni più di me,tuo fratello dieci,i fratelli gemelli ancora di più(non mi ricordo proprio quanti di preciso).
Insomma,il luogo l'abbiamo inquadrato.Le nostre case e i cinquanta metri che le dividono.Il tempo pure.L'estate del 1992.E quella del 1993,del 1994,del 1995,del 1996.Dopo le cose cambiano di molto,quindi ci si ferma al 1996,per ora.
Non voglio dire che queste prime cinque estati siano state tutte uguali.Assolutamente.Ci sono delle evoluzioni che cercherò di tracciare.Ma,dal punto di vista generale,ci sono delle cose uguali di fondo.
Delle cose di fondo che dividerò in tre argomenti principali,che saranno i tre argomenti dei prossimi episodi:videogiochi,musica e famiglia.
Prendila/prendetela come un'introduzione alla prima parte.
Ah,perchè gli anni d'oro?Beh,in onore agli 883,di sicuro.Ma anche in onore ad una frase di Max Pezzali sul miticissimo fumetto degli 883,che si chiama appunto Gli anni d'oro.Questa frase dice gli anni d'oro sono sempre adesso se uno ci crede.In realtà gli anni d'oro,quegli anni d'oro,sono finiti da un bel po'.Ma basterà leggere i "nomi" che darò alle fasi successive per capire che effettivamente tra il 1996 e il 1997 è cambiato qualcosa.
Ma c'arriveremo con calma.
Insomma:1992-1996 è la fase degli anni d'oro.Per tre motivi,che analizzerò uno per volta.Nei prossimi post(intendendo i prossimi post della storia,non in generale.Carta azzurra la utilizzerò,ovviamente,anche per altro).
Non ricordo di preciso perché mi fossi incaponito nel raccontarla. Forse perché, delle quattro colonne che in quel momento facevano parte della mia vita (oltre alla quinta, il "forum", genericamente), una sola di queste quattro aveva varcato quella soglia invisibile ed eppure profondissima che separa il mondo reale (soglia alla quale dovrei dedicare un post, prima o poi) e si era iscritto al forum. Ne era diventato parte integrante, avevamo partecipato a concerti e raduni, e poi c'era stato un microscopico evento, microscopico nell'ottica degli eventi ben più importanti capitati successivamente (e anche in precedenza, in fondo) che l'aveva fatto isolare, anche da qui. E io, nel frattempo, mi ero ripromesso di raccontare tutta la nostra storia, la storia che ci legava e che ci lega ancora. Era dieci anni fa, e quello che è successo è confinato, ovviamente, ad allora. I dieci anni successivi di storia li ho raccontati qui, in diretta, finché ho voluto farlo, e poi me li sono tenuti per me.
Rispetto a questo post introduttivo, comunque, c'è solo una precisazione da fare: le galline non ci sono più. Non ci sarebbero state più già da pochi mesi dopo, ma questo non potevo saperlo. Quello che so è che oggi non ci sono più, e in fondo, ma questo è un punto che devo ancora chiarire a me stesso, forse quella non è più casa tua, anche se tu ne hai ancora le chiavi e sull'atto di proprietà c'è il tuo nome.
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #7180  
Vecchio 31-03-2018, 01.55.33
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 42,940
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito colonna sonora a sorpresa di un compleanno festeggiato in ritardo

__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
Rispondi

Strumenti discussione
Modalità visualizzazione

Regole di scrittura
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 09.58.09.