Forum Soleluna  

Torna indietro   Forum Soleluna > Forum Classici

Rispondi
 
Strumenti discussione Modalità visualizzazione
  #8581  
Vecchio 19-01-2021, 13.02.43
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 44,616
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito errata corrige

Neanche il tempo di iniziare e già mi sono accorto di un'imprecisione, anzi, mi sono ricordato di una cosa che ieri non ricordavo: l'ultima volta in cui sono stato a Vigolo non è stato pochi mesi prima che il comune fosse accorpato con altri, no. È stato molto dopo, quando mia mamma è venuta in zona per un funerale e insieme siamo andati a trovare Anna, già malata (ma in buone condizioni di salute): credo sia stata l'ultima volta che mia mamma l'abbia vista (mio papà l'ha vista qualche settimana dopo, quando nel frattempo io e Vero ci eravamo trasferiti nella nostra casa).
E, accidenti a me, il buco di Carta Azzurra tra il 2010 e il 2015 coincide, purtroppo, col buco di ricordi vigolani. Per quegli anni dovrò essere per forza di cose meno preciso, con l'eccezione della presunta ultima volta (aprile 2015) e poi della vera ultima volta, l'1 giugno del 2019.
Ma ancora c'è tantissimo da scrivere, anzi, devo ancora iniziare.

(post scritto ascoltando Tabula Rasa Elettrificata dei C.S.I.)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8582  
Vecchio 19-01-2021, 21.38.08
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 44,616
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito sugli anni senza titolo/saldi, vetrine, shish kebab

[...]
La colpa dov'è
Qua intorno non c'è
Sai dirmi tu dov'è?
In un giorno che piove
Un giorno che tu
Ti senti inutile

Coriandoli a Natale
E magari è ancora troppo stanco per ricominciare
Ma scommetto che poi
Tu te ne andrai

E' semplice ma
Ma non dire che
La vita ti prende
Soltanto alle spalle
Ti ha preso in un giorno che ti senti inutile
Coriandoli a Natale
E magari è ancora troppo stanco per ricominciare
E magari è ancora troppo stanco per ricominciare
In un giorno che
Ti senti inutile
Coriandoli a Natale
Ma scommetto che poi
Tu te ne andrai

[...]
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8583  
Vecchio 21-01-2021, 21.45.30
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 44,616
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito vv/1: estate 1990

Chi lo sa se il mio posto è qui
O è solo una fatalità
Una questione di numeri, di probabilità
Che può decidere chi sarai
Lingue e dialetti che parlerai
Accenti ed inflessioni che avrai
Luoghi e profumi che chiamerai "casa mia"


Ieri ho fatto una domanda a mia mamma, pensando a questo post che avrei scritto: "mamma, mi ricordi come mai Anna è finita proprio a Vigolo Vattaro?".
Questa domanda poteva avere due risposte. La prima sarebbe stata "perché quando lei e Toni si sono trasferiti in Trentino la loro vicina di casa a Catania ha detto loro che aveva una casa da affittare lì e quindi gliel'ha affittata, in attesa che capissero il da farsi". Sarebbe stata una risposta esauriente quanto basta, ma mia mamma è mia mamma, e quindi qualcosa devo aver preso da lei: certamente ho ereditato la chiacchierina, o la dilunghina, un enzima presente nel nostro corpo che ci fa dilungare nei discorsi. "Non hai il dono della sintesi", mi scrisse Simo tanti anni fa, e aveva ragione, ma a quanto pare non ce l'ha neanche mia mamma. Tant'è vero che s'è messa a raccontare per filo e per segno la storia di Anna filtrata attraverso i suoi spostamenti di casa in casa. C'ha impiegato almeno mezz'ora, ma non potevo fermarla: una delle sue più care amiche di sempre (e da sempre) è morta pochi giorni fa, e aveva voglia di parlare di lei con qualcuno. Va benissimo, ho seguito tutti gli spostamenti, che hanno coinvolto persone insospettabili (una testimone di nozze dei miei genitori), luoghi insospettabili (milano), coincidenze insospettabili (la vicina di casa a Catania che era di origine trentine), dei licenziamenti, dei concorsi vinti, tanto freddo e tanta fame. "Vita facile, eh?" sono le parole con cui mia mamma ha concluso una storia che sembrava da film, ma uno di quei film in cui sembra che ci sia un po' di speranza e poi puntualmente tutto viene disatteso. Eccolo, questo film, e il suo finale è stato purtroppo appropriato.

Il punto è questo: il fatto che Anna (e quindi, per estensione, la sua terza figlia, Grazia) sia finita a Vigolo Vattaro è frutto di una serie enorme di rapporti di causa-effetto. Ci sono mille domande che mi pongo: cosa ne sarebbe stato della mia vita se non fossero rimasti a Catania, e soprattutto, se mi sarei legato a qualsiasi altro posto come mi sono legato a Vigolo. Un paesino di duemila abitanti o poco più, usato da mia mamma come metafora dell'isolamento ("prima o poi mollo tutto e vado a Vigolo Vattaro" è una delle sue frasi tipiche, almeno fino a oggi) e da me come il posto più "mentalmente" lontano che possa immaginare, in Italia.

Tutto questo è una premessa al fatto che la prima volta che sono andato lì era il 1990: io, i miei genitori, mio fratello e l'embrione di mia sorella (mia mamma scoprì di essere incinta proprio lì) partimmo in macchina da Catania a Palermo, poi in nave a Genova e infine in macchina fino a lì. Non eravamo soli: c'era anche una coppia di amici dei miei genitori (e dei neo-trentini) con loro figlio, grande amico di mio fratello; la "lei" della coppia di amici fino a qualche giorno fa faceva parte del gruppo "amiche" insieme a mia mamma e ad Anna (adesso immagino che il gruppo sia stato chiuso, visto che sono rimaste in due). C'erano anche il fratello del "lui" della coppia di amici, con moglie e figli: non li ho più visti da allora (o quasi), ma il figlio più piccolo adesso è diventato un produttore musicale di enorme successo in Italia (si è occupato, tanto per fare un nome a me caro, anche dell'ultimo album di Max Pezzali). E insomma, partimmo da Catania, arrivammo là, e poi...
...e poi avevo quattro anni, e per quanto io possa avere una memoria formidabile, non mi ricordo niente. Ma proprio niente. Se chiudo gli occhi vedo l'immagine di un bosco, ma potrei aver sovrapposto qualche altro ricordo. Quindi non ricordo niente. Sono andato a Vigolo Vattaro per la prima volta e non ne ho ho alcun ricordo.
Per fortuna ci sono tutte le volte successive.

(post scritto ascoltando Electrojova di Jovanotti)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8584  
Vecchio 22-01-2021, 21.53.24
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 44,616
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito forse finirà così

Che quando ci troveremo per parlare sarà passato così tanto tempo da quando avremmo dovuto farlo che non ci ricorderemo più di cosa dovevamo parlare.
Uno direbbe: "bene, così avete il modo per ricominciare".
Io dico: "non esisterebbe fine più finale".

(post scritto ascoltando Oyeah di Jovanotti)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
  #8585  
Vecchio Ieri, 13.45.33
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 44,616
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito vv/2: estate 1996

La seconda volta a Vigolo, invece, me la ricordo molto meglio.
Fu uno dei viaggi più epici con la mia famiglia, certamente quello in cui abbiamo visitato più posti. Era l'estate del 1996 (il riferimento temporale è che c'erano gli Europei di calcio senza partite dell'Italia perché era stata eliminata ai gironi), e io e la mia famiglia avevamo preso un treno+auto a Bologna e poi, da lì, un lunghissimo giro in auto. Tra le tappe che ricordo: San Marino, Italia In Miniatura, Ravenna, Vigolo Vattaro (ovviamente), Gardaland, la val di Non, Ortisei, di nuovo Vigolo Vattaro e ritorno da Bologna, sempre in treno+auto. Saremo stati in giro due settimane, e in testa ho delle immagini, o meglio, dei Vine (oggi le chiameremmo storie di Instagram): la discesa con le canoe a Italia In Miniatura, il mausoleo di Teodorico a Ravenna, lo strapiombo per arrivare al castello di San Marino, un paio di giostre di Gardaland, un paio di alberghi in val di Non, un sentiero in particolare che portava al torrente Noce, un altopiano sopra Ortisei in cui c'era freddissimo nonostante l'estate (ma erano anche altitudini parecchio alte) e poi la casa di Vigolo.
Ecco, di Vigolo come paese non ricordo molto (giusto una camminata verso una chiesetta dove poi si sarebbe sposato Francesco, il fratello di Grazia, quasi vent'anni dopo), ma ricordo perfettamente la casa. Perfettamente uguale a se stessa, da quel momento, nel senso che non c'è stata una grossa ristrutturazione, uno spostamento di stanze, al massimo qualche mobile in più, ma è tutto uguale a sempre. Lo è ancora adesso, mentre i quattro fratelli la stanno svuotando dai ricordi di una vita.

Eppure, se devo raccontare il mio legame con quella casa creatosi in quei giorni, ecco, non c'è moltissimo. Il fratello di Grazia che organizza in casa una specie di Giochi senza Frontiere a cui partecipiamo io e i miei fratelli (e sua sorella). Sempre lui che suona la sigla di Giochi senza Frontiere con la diamonica (ancora andava in onda, in effetti). Tonnellate di numeri di Topolino, e su tutti il ricordo della storia in dodici puntate sul medaglione dello zodiaco. La casa, appunto, vissuta stanza per stanza. Abbiamo dormito lì, e noi eravamo in cinque (anche loro, in effetti). Ammassati uno sull'altro, oserei dire.
Non molto altro. Ma avevo dieci anni e, soprattutto, non potevo sapere che in tutto questo ci sarebbe stato un legame fortissimo. Forte, se vogliamo quanto quello tra due amiche, spezzato solo in questi giorni dalla morte di una.

(post scritto ascoltando Noi Non Ci Saremo Vol. 2 dei C.S.I.)
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
Rispondi

Strumenti discussione
Modalità visualizzazione

Regole di scrittura
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 17.15.13.