Forum Soleluna  

Torna indietro   Forum Soleluna > Forum Classici

Rispondi
 
Strumenti discussione Modalità visualizzazione
  #8121  
Vecchio Ieri, 20.32.38
L'avatar di gabo86
gabo86 gabo86 non è connesso
Moderatore
 
Data registrazione: 08-05-2005
Residenza: Melèe Island
Messaggi: 43,596
gabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobalegabo86 reputazione TermoNucleareGlobale
Predefinito mr carbohydrate, tredici anni e mezzo dopo

Integrazione al post del 5 dicembre e premessa al resto del post:

Forse il più peculiare tra i miei "archivi" che tracciano la mia vita è last.fm. Da quando mi sono iscritto, il 23 maggio del 2007 (Chiara, sarai stata anche una meteora ma questa cosa mi ha cambiato la vita), viene registrato sul mio profilo ogni ascolto di ogni canzone. Questo permette di elaborare delle statistiche sulla musica più ascoltata (da me e dal resto della community) e permette anche di tracciare i miei ascolti: se volessi sapere cosa stavo ascoltando ad una certa ora e data potrei saperlo, se volessi sapere quando ho ascoltato per la prima (o l'ennesima, o l'ultima) volta una canzone potrei saperlo, eccetera. Adoro last.fm e non smetterò mai di farlo.

Resto del post:

Però last.fm, appunto, traccia dal 23 maggio del 2007. E quindi non posso sapere di preciso quand'è stata la prima volta che ho ascoltato Mr Carbohydrate dei Manic Street Preachers. Dev'essere successo tra fine marzo e inizio aprile 2006.
All'inizio mi ha colpito musicalmente. Avevo appena scoperto i Manics e stavo iniziando ad apprezzarli, e questa canzone mi piacque molto. Chitarra acustica in un canale e chitarra elettrica nell'altro, e poi basso, batteria e voce perfettamente bilanciati al centro. Una strofa ripetuta due volte (ma con testo diverso) e poi il ritornello, un'altra strofa ripetuta due volte (sempre con testo diverso) e poi di nuovo il ritornello, e alla fine un'ultima strofa che si ripete all'infinito. La canzone mi piacque già da subito. Poi, però, arrivò il testo.
Stavo scoprendo che i testi dei Manic Street Preachers non li scriveva il cantante: fino al terzo anno erano stati condivisi tra bassista e secondo chitarrista, e poi dopo la scomparsa di quest'ultimo la "penna" è rimasta solo a Nicky Wire, il bassista. Questa canzone non è contenuta in un album ma è un b-side di un singolo estratto dal quarto album, quindi il periodo è quello post-Richey. E il testo, ho capito dopo avere imparato a conoscerli, è chiaramente un testo di Nicky Wire: autoironico, auto-commiserativo, pigro ed estremamente divertente. Nella loro discografia ci sono alcuni testi "alla Nicky", chiaramente autobiografici. E mi sono sempre chiesto come faccia James Dean Bradfield, il cantante, ad interpretarli senza poterli sentire suoi.

Ma Mr Carbohydrate non è solo un testo che parla di Nicky Wire: è anche un testo che parla di me. Me ne accorsi dopo qualche ascolto (e dopo la lettura del testo). Nell'ordine: la mia passione per i carboidrati (la pasta su tutto); il mio essere talvolta noioso; il mio preferire la routine (sintetizzata nel "lavoro in banca"); il mio essere inadeguato, paranoico ed ipocondriaco; la mia passività nei confronti delle attività; il mio preferire lo stare a casa all'uscire; il mio cinismo; i miei pensieri sul futuro.

Non avevo neanche vent'anni e pensavo queste cose; con l'eccezione della parte sulla xenofobia e sulla tv come migliore amica, per il resto condividevo ogni parola di questa canzone. Ricordo che un anno dopo, tornando con Pippi da una giornata passata nella mia casa in campagna coi miei amici, percorrendo il viale alberato che collega San Giovanni La Punta con Sant'Agata Li Battiati gliela feci ascoltare (era già fan della band) e gliela tradussi in diretta, dicendogli appunto che "non avevo mai sentito nessuna canzone che parli così perfettamente di me".
Ieri sera mi sono reso conto che sono passati tredici anni, e non è cambiato niente.

Calma. Come fa a non essere cambiato niente? La mia vita è radicalmente diversa. Ero un single incallito (non per scelta) e adesso sto con una ragazza da dieci anni e conviviamo da quasi sei mesi. Abitavo a Catania e adesso abito a Padova. Ero uno studente e adesso lavoro. Uscivo almeno due volte a settimana con i miei amici e adesso se li vedo tre volte l'anno è un miracolo, e mai tutti insieme. Carola c'era e adesso non c'è più. Mio nonno, il cinico per eccellenza, è morto. Come cavolo fa a non essere cambiato niente?
Ecco, non è che non è cambiato niente. Non sono cambiato io. In realtà qualcosa intorno a me è rimasto: Ale c'è ancora, seppure in maniera diversa; Grazia pure, anche lei in maniera molto diversa; scrivo sempre sul forum, anche se siamo rimasti in pochissimi a farlo. Insomma, intorno a me è cambiato quasi tutto, ma dentro di me non è cambiato niente. Lo so che sembra impossibile, lo so che tredici anni e mezzo dovrebbero aver stravolto la mia personalità e invece hanno forse smussato alcuni angoli e basta, ma è andata così. Non è una questione di crescita, è proprio una questione di cambiamento. In mille cose non sono cambiato, e me ne sono accorto sabato pomeriggio quando, parlando come un fiume in piena, ho pensato che se il me stesso di tredici anni e mezzo fa si fosse trovato lì al mio posto avrebbe detto esattamente le stesse cose. Non avrebbe riconosciuto la persona che aveva di fronte, certo, ma il resto era uguale. Quell'insieme di paranoia ed inadeguatezza e tutto il resto della canzone sono rimasti ancora, e fanno parte di me. Ne faranno parte per sempre, probabilmente.

Nel frattempo sono uscite altre due canzoni, una di Max Pezzali e una di Raf, che mi descrivono perfettamente. Ma nessuna lo fa con la precisione di Mr Carbohydrate.
Per la cronaca, i Manic Street Preachers sarebbero potuti rimanere delle meteore nella mia vita, e lo sarebbero potuti essere anche dopo aver scoperto che quella loro canzone, estremamente "minore" nell'ambito della loro discografia, parlava di me. E invece sono rimasti, e da quel momento sono diventati la mia band preferita di sempre. Hanno pubblicato tantissime altre canzoni, molte persino migliori di quella, e alcune in cui riuscivo ad identificarmi, ma mai in quel modo. Quella canzone resterà per sempre e farà parte per sempre di me, almeno fino a quando io continuerò a far parte di me.
__________________
And all of my dreams
they may have come true
but so did my nightmares
which I can't get through.
Rispondi citando
Rispondi

Strumenti discussione
Modalità visualizzazione

Regole di scrittura
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 07.35.40.